commenti?

Due storie drammatiche, due modi di affrontarle.

Iran: impiccata Reyhaneh, condannata per aver ucciso l'uomo che voleva stuprarla

Il ricordo di Renzi. "Continueremo la battaglia contro la pena di morte. Così Matteo Renzi, aprendo la seconda giornata della Leopolda, ha condiviso il minuto di silenzio  per ricordare Reyhaneh Jabbari.

Non è tanto  la questione della  pena di morte, che in molti Stati cosiddetti civili è ancora in vigore, ma  di ingiustizia e arretratezza sociale, una vera e propria barbarie messa in atto in Paesi che, a parte l'essersi adeguati in fatto di armi da guerra, sono rimasti al medio evo, 'grazie' soprattutto a quella che loro chiamano religione.
E questo è un fatto

Secondo fatto, completamente all'opposto, ma altrettanto barbaro.

Oscar Pistorius condannato a 5 anni per omicidio colposo

 Il giudice ha ricordato che Pistorius è stato assolto dall’accusa di omicidio e di omicidio premeditato E....
....UDITE_UDITE, a detta del giudice,
La condotta dell’imputato subito dopo il delitto è inconsistente con quella di qualcuno che voleva commettere un omicidio.
Cioè? Le lacrime?Le preghiere col rosario in mano?
Non penso ad un omicidio premeditato, ma ad un omicidio dettato dall'irascibilità violenta e possessiva che a detta di molti fa parte di Pistorius. Non mi fa alcun piacere scoprire che tutto in mondo è paese, che i giudici a volte sono, diciamo così, influenzabili.

A detta dell' assistante sociale,Pistorius non può andare in carcere perché «rischierebbe di essere violentato dagli altri detenuti». E le prigioni sudafricane non sono attrezzate per i disabili: finirebbe per non poter neppure camminare.
Il giudice ---(donnanota per la sua severità nel giudicare i casi di violenza sulle donne: nel 2009 ha condannato a 252 anni di reclusione un uomo che ha violentato almeno tre donne in rapine domestiche, e ha spedito all’ergastolo un poliziotto colpevole d’aver ucciso la moglie separata durante un litigio ) -----prima di pronunciare la pena, si è augurata che "la sentenza possa permettere  alla famiglia Steenkamp di chiudere questa fase e di proseguire con la loro vita"  - metterci un pietra sopra, insomma, senza fare tante storie per una figlia di 27 anni morta ammazzata-     aggiungendo di considerare la sentenza "equa e giusta sia nei confronti della società, sia dell'accusato"
Essere umano : stesso numero di cromosomi, stesso numero di geni.
Variano i gruppi sanguigni

Che sia da ricercare  nei gruppi sanguigni l'enorme diversità di pensiero e di azione e di etica e di credo fra le genti?





7 commenti:

  1. Una notizia che mi ha lasciato sconcertato.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, quando la giustizia è ingiustizia!!! fa rabbrividire.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. spesso la parola giustizia ha perso il vero senso...

    RispondiElimina
  4. Sì, purtroppo c'è da rimanerne allibiti.
    Ciao Cristiana.😏

    RispondiElimina
  5. Differenza macroscopica tra i due casi: la poveretta del primo era una donna in un paese in cui le donne contano meno di uno straccio per pulire i pavimenti, e quindi non aveva nessun diritto, nemmeno di difendersi; l'omunculus del secondo è un VIP, ovviamente bianco, il quale aveva tutti i diritti di sparare alla sua fidanzata e far credere che ritenesse trattarsi di un ladro. Se nel primo caso al posto di quella ragazza ci fosse stato un uomo, via, assolto; se pistolonius fosse stato nero, l'avrebbero rosolato ben bene alla griglia. E poi uno non dovrebbe volere un robot ad amministrare la giustizia! Un robot, almeno, si sarebbe basato sui fatti e non sull'appartenenza dell'imputato/a a questa o quella categoria.

    RispondiElimina
  6. I due fatti di cui hai parlato dimostrano ancora una volta che si è barbari anche credendo di fare giustizia.

    RispondiElimina