I muri., e non quelli di gomma.

Ci commosse molto  la caduta del Muro di Berlino nel 1989;  sembrava un passo verso una convivenza più pacifica. Poi tutto è andato a rotoli con la guerra in Iraq, l'attentato alle due Torri a New York, l'incessante sopraffazione degli israeliani sui palestinesi e ora  l'espandersi del fondamentalismo islamico. Si assiste sempre  più spesso al
separatismo ( irlandesecatalanobasco sarmenocroatoslovenocurdo, Ucraino) . e pare si torni all'idea del clan, una prospettiva di vita chiusa in se stessa che mi fa venire i brividi, una tribù nella quale è quasi impossibile entrare, che genenera se stessa come nelle case 'regnanti', che ho sempre considerato, più che di sangue blù, di sangue asfittico, per i troppi incroci, vedi Emanuele e Filiberto di Savoia. Mi piace considerarmi cittadina del mondo, ma forse sono io che sbaglio e non comprendo quei valori per cui bisogna mettere un ostacolo, un muro fra noi e gli altri.
Tutto questo mi fa pensare a quel bellissimo film " Fuga da New York"  
 Quella che un tempo fu la libera città di New York è cintata da un   muro  di 15 metri  che  circonda completamente l'isola di Manhattan; tutti i ponti e i canali sono minati. All'interno vi sono coloro che sono rimasti  e i mondi che si sono creati. Le regole sono semplici: una volta entrati, non si esce più »
Temo che questa sarà la fine di questi luoghi blindati che, a poco a poco, nessuno frequenterà più : peggio per loro 
Quelli di Ceuta e Melilla hanno in gran parte risolto il 'problema ' dei migranti, ma  mi sembra di poter escludere. che la nostra Sicilia possa prendere in considerazione l'idea di elettrizzare la costa a sud vicina all'Africa.



IL MURO DELLA VERGOGNA - UN CRIMINE CONTRO L'UMANITA'

Il muro della vergogna, lungo 2.720 chilometri, alzato in sei tappe, protetto da 160.000 soldati armati, 240 batterie di artiglieria pesante, più di 20.000 Km di filo spinato, mille veicoli blindati e milioni di mine antipersona proibite
Una muraglia militare che ha causato centinaia di vittime da una parte e dall'altra dello stesso, tra civili saharawi che hanno voluto attraversarlo e animali in cerca di cibo.
Vigilato da decine di radar di lungo e medio raggio, appoggiato da un'aviazione militare tra le più potenti d'Africa, mille carrarmati blindati, missili, razzi, artiglieria pesante e bombe a grappolo


Usa (San Diego California) e Messico (Tijuana) altri tratti di barriera si trovano in Arizona, Nuovo Messico e TexasE’ una barriera di acciaio alta 3 metr con telecamere a infrarossi, sismografi che rilevano il movimento, torri di osservazione, riflettori e filo spinato.  E’ costato finora quasi 2 miliardi di dollari.



I muri costruiti da Israele
 Attualmente, Israele mantiene sotto il suo controllo il 20% di Gaza, costringendo i suoi 1.2 milioni di abitanti a vivere nei tre cantoni separati in uno spazio che è appena il doppio rispetto a quello di Washington DC. I palestinesi della Cisgiordania subiranno lo stesso destino di quelli di Gaza."



Ceuta e Melilla, l'enclave spagnolo in Marocco
E’ una doppia barriera elettrificata, eretta dalla Spagna verso la fine degli anni ’90 alta da 4 a 6 metri e lunga 9,7 km intorno alla città di Ceuta e 8,2 km intorno a quella di Melilla, fatta di filo spinato e palizzate, dotata di telecamere ad infrarossi, presidiata nei due lati da militari spagnoli e marocchini

.


Confine fra India e Pakistan
Il confine tra i due Stati non è diviso da un muro in cemento armato ma da una barriera metallica, sormontata da filo spinato, che corre per ben 4000 chilometri.ogni anno per gli incidenti nelle vicinanze, muoiono in media 200 persone. e questa ragazza che voleva raggiungere il promesso sposo, è una di queste
 "la muraglia è stata eretta a partire dal 1977, durante il regime di Pak Chong Hi, sotto la supervisione americana. Si estende per 240 Km, vale a dire la larghezza totale della Corea meno una trentina di chilometri intorno a Panmunjom



Belfast nell’Irlanda del Nord

Belfast è divisa da un sistema di 26 muri che sono diventati mete turistiche per i murales.

E poi:
Kuwait e Iraq
Il Kuwait ha rinforzato il muro di frontiera già esistente con l’Iraq lungo 215 km.

Thailandia e Malaysia
Il muro tra Malaysia e Thailandia, lungo 27 km
Zimbabwe e Botswana
Il muro fu eretto dal Botsawa per evitare un’eventuale invasione di immigrazione clandestina zimbabweana. Si tratta di una rete metallica, alta 2 metri, che corre per 200 km. 
 Infine ..Turchia  -  Siria e molti altri
iniziata lo scorso fine settimana  Sono altre due, in questo momento, le barriere divisorie fra i due Stati, che condividono un confine di oltre 900 chilometri.











                                                                                                                                                                                                                                                    











7 commenti:

  1. Mamma mia quanti ce ne sono!! Oo
    A me sinceramente fanno ridere. Mi sembrano cose medioevali, come se non potessero essere vere.
    Sarà che sono lontane sia da me sia dal mio concetto di mondo. Ma sono anche d'accordo che non sarà un muro a fermare la comunicazione.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, ho letto attentamente, e non volevo credere!!!
    Mi domando ma come è possibile, ci sono state molte guerre per la libertà, e si vede che stanno facendo delle muraglie come la Cina fece millenni fa per difendersi.
    Non so in che mondo viviamo ma sicuramente non in questo!!!
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Sono a conoscenza di tutti questi obbrobri. Temo che regrediremo veramente al tempo delle tribù in quando ogni clan viveva asserragliato dentro le mura del proprio villaggio.
    Buona giornata Cristiana un abbraccio
    enrico.
    Ps. Vedo che anche tu sei rimasta colpita dai colori delle montagne del Zhangye Danxia :-)

    RispondiElimina
  4. Finché non ci libereremo dei nostri muri mentali - primo fra tutti il tribalismo mai sopito - non ci libereremo mai neppure di quelli fisici.

    RispondiElimina
  5. Mi piace il parallelo che fai con Fuga da New York... il destino dei muri è quello delle derive genetiche! Ma, mia cara, quant'è bello sentirsi "bastardi", ibridi, meticci, tutto e il contrario di tutto. Si respira dal proprio iio più profondo quel senso di libertà che nessun muro può cancelare!

    RispondiElimina
  6. C'è n'é uno anche a Nicosia e attraversa la città come una lama di coltello dentro una ferita aperta. Da tanti anni.

    RispondiElimina