Peculiarità umane

15.000 anni. Tanto tempo è trascorso dal primo sodalizio instaurato col cane. Nel corso dei millenni è avvenuto un lungo processo di domesticazione, basato sull’assolvimento di reciproci bisogni, sul rispetto di un patto: in cambio di difesa e ausilio nella caccia l’uomo garantiva al cane riparo e cibo.La trasformazione della società ha mutato l’originario senso dell’antico patto che l’uomo aveva originariamente instaurato.


http://archivio.panorama.it/scienza/animali/Da-grande-faro-il-cane-guida-per-ora-me-lo-stanno-insegnando-VIDEODa grande farò il cane guida (per ora me lo stanno insegnando)-VIDEO
Una giornata nel centro di addestramento dei cani guida per ciechi a Limbiate, dove il labrador Geo con l'aiuto del suo addestratore Michele impara ad affrontare tutte le possibili situazioni

Duemila cani

Dal 1959 il Centro di Limbiate ha affidato quasi 2 mila cani ad altrettante persone. Capita mai che qualche cane venga restituito? E quando invecchia e non può più “lavorare”?. "Non ci hanno mai ridato indietro nessun cane" risponde Maurizio Familiari, responsabile della sezione cuccioli. "Nel 99 per cento dei casi il cieco si tiene il suo cane finché muore".




Vi segnalo questo sito, se volete ancor di più capire cosa e come può essere il legame tra CANE e non vedente
http://www.caneguida.org/2014/08/gli-italiani-e-i-cani-solo-apparenze.html


Forse farei meglio ad astenermi da qualsiasi commento. Chi mi conosce da tempo sa quanto io ami questi animali, che tanto mi hanno donato con la loro presenza..Essi sono  punti di riferimento che hanno scandito e scandiscono la mia esistenza.
Mi limito a dire che chi ha avuto il piacere di vivere con un cane, scambiando con lui momenti di grande affetto, e lo ha abbracciato e accarezzato e baciato su quel suo tenero muso, non può che convincersi che chi ha avuto il coraggio di riportarlo al canile, perchè diventato inutile, è una persona  spregevole.
                                                                                                                                                                              












8 commenti:

  1. Nu, non le voglio sentire queste storie... -__-

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, io leggo solo ciò che parla bene del cane e non voglio per niente sentire solo cose inventate, ciò che i cani danno è molto di più di quello che ricevono.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Sono esseri spregevoli quelli che compiono azioni simili. Chiunque abbia avuto un cane sa di quanto amore siano capaci queste creature e non capisco come un non vedente possa abbandonare il proprio compagno che per anni è stato la sua vista solo perché è invecchiato. Sono notizie raccapriccianti,
    Buona giornata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  4. Io ho vissuto con gatti, da piccolo. Ho rischiato la mia vita per salvare quella del mio gatto che un cacciabombardiere americano stava mitragliando (un gatto!!! Incredibile ma vero). Da grande ho vissuto con i cani da caccia di mio fratello, tutti di razza purissima: bracco italiano -due- spinone toscano -tre-setter irlandese -una, stupenda femmina, grande puntatrice e riportatrice, seconda ad un concorso internazionale di bellezza solo per un leggero prognatismo del labbro inferiore- .Capisco chi ama queste bestie, perché sono eccezionali. Si affezionano al branco, alla famiglia, come nessun altro animale possa fare. È il loro istinto. Quelle persone che riportano il vecchio cane al canile perché non possono più "usarlo" sono spregevoli, ma non quanto quelle bestie che abbandonano un cane in autostrada, lasciandolo a morte sicura. Ci dovrebbe essere una legge che colpisse l'abbandono di animali in condizioni disperate, che non desse carcere ma multe salatissime in soldoni da cinquemila euro in su.

    RispondiElimina
  5. nel mio piccolo, ho reso omaggio alla nobile specie canina
    http://un-paio-di-uova-fritte.blog.kataweb.it/2010/04/22/il-peccato-originale-e-le-sue-conseguenze/

    RispondiElimina
  6. Gli essere umani sono i peggiori di questo pianeta.

    RispondiElimina
  7. Ormai è noto a tutti che vivo con una piccola arca di Noè, amici (non animali) trovati per strada, presi al canile e gattile... e poi leggo queste storie e mi convinco sempre di pù che il vero animale (il tono è spregevole) è proprio l'uomo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Cara Cristiana, siamo testimoni ogni giorno che l'uomo cioè il genere umano sta diventando peggiore di ogni animale esistente sulla terra!!!
    Credo di essermi spiegato abbastanza.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina