Noi siamo infinito!



Premetto che i libri o i film che trattano i problemi degli adolescenti mi hanno sempre commosso , "Gente comune" primo fra tutti. Recentemente ho visto il film tratto dal  romanzo epistolare “Noi siamo infinito”
 di Stephen Chbosky..Il libro è uscito in America negli anni Novanta è arrivato al successo in Italia nel 2013Fu proibito in alcune scuole e dal 2006 al 2008 venne inserito nelle liste dell’American Library Association tra i dieci testi più contestati, poiché affronta tematiche come l’omosessualità, il sesso, la droga e il suicidio. 
Si sa che  morslisti bacchettoni (spesso fasulli) esistono ovunque
Tutti abbiamo conosciuto un Charlie, il ragazzo  timido-tenero-insicuro-spaesato, che è il protagonista del film;  io stessa mi ci sono riconosciuta e ho ricordato le scelte che feci in quegli anni, la mia bulimia per la  lettura ,il mio desiderio di isolarmi, tanto è vero che frequentai la seconda e terza media privatamente, a casa ;non ero autistica e nammeno schizofrenica, avevo le mie ragioni per agire così, o almeno lo credevo. Quasi tutti ormai sapete che il mio 'psicologo', colui che mi faceva riflettere e mi ascoltava pazientemente, fu il mio primo cane : mi teneva dalla parte opposta del guinzaglio e mi portava tra la gente, tra i miei coetanei e non.
Sono riuscita, poco a poco a 'sentirmi a posto', come dice Charlie  che rappresenta bene l'adolescenza quale coacervo di emozioni fatte di paure ma anche di gioie, di batticuore e di lacrime.Grazie agli amici e alla famiglia che lo rispetta,  capisce che bisogna vivere ogni attimo, che bisogna imparare a "essere infinito"
Questa frase :" Noi siamo infinito", mi è piaciuta un sacco e, tenendo sempre presente  che la nostra libertà finisce  ove comincia quella degli altri, penso sia  un invito  a cercare di ragionare col proprio cervello ,a non rinunciare alle proprie idee, e ad evitare i branchi, soprattutto.
Ognuno di noi è fatto a suo modo, ma ognuno può dire "IO SONO INFINITO" perchè ognuno è un esemplare unico che viene dal passato e, attraverso il presente, va nel futuro.
Questa frase, urlata alla fine del film dal protagonista, in piedi su un pickup, mentre a alza le braccia al cielo ed è accompagnato da una musica molto intensa, mi ha commossa.
Ora farò 'na capa tanta  alle mie nipoti ( del tipo i boschi sono belli e profondi....), cercando di  far capire loro che "SONO INFINITO, che devono osrae o non avere paura.  
INFINITO








10 commenti:

  1. Ho letto il romanzo dopo aver visto il film! Li adoro. Per me noi siamo infinito è nella top three dei miei film e romanzi preferiti; una storia che riesce a commuovermi, a sconvolgermi e a farmi riflettere. Lessi il romanzo che non ero proprio coetaneo di Charlie, ma avevo ancora la "puzza" delle scuole superiori addosso. Io, sono letteralmente innamorato di Charlie. <3

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere di averti ricordato qualcosa che ti colpì.
      Cri

      Elimina
  2. Mi piace questo tuo raccontarti attraverso un racconto. Bel post Cristiana, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nico, che bello averti ancora tra i mei...piedi!
      Cri

      Elimina
  3. Non ho letto il romanzo e non ho visto il film. Ho letto questo tuo post e mi sono innamorato di una frase "STU-PE-DA". Questa: "mi teneva dalla parte opposta del guinzaglio e mi portava tra la gente". Stai parlando del tuo cane, amatissimo. Ma sai che hai scritto il titolo di un romanzo? E la sua trama? E l'incipit? E il finale? Si diventa famosi per frasi come questa dalla sera alla mattina. Sto pensando di chiedertene il copyright per scriverci io un racconto lungo, parlando di infanzia un po' scabrosa, un po' infelice, un po' promiscua. La tua e la mia. Nemmeno io ero autistico, né schizofrenico, ma angosciato da troppe restrizioni. E non avevo un cane, ma un gatto, che mi ascoltava ogni notte infilato sotto le coperte, nascosto dentro il mio letto. Il cane l'ho avuto dopo.
    Anch'io ho fatto la seconda e la terza media insieme a casa da privatista, io e altri cinque come me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Vin , scrivi un racconto, come sai fare tu.
      Lo leggerò fiera di avertelo ispirato.
      Cri

      Elimina
    2. Lo scriverò. Me possino cecamme se non lo scrivo. Me piace troppo l'idea.

      Elimina
  4. Cara Olga, ecco un motivo che si deve farti visita!
    Questi bellissimi racconti mi legano al tuo blog, e mi piacerebbe veramente poter vedere questo straordinario film. Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina