commenti?

Fabrizio De Andrè - fiume sand creek (con testo)



Uno dei primi tentativi, degli americani, di portare la democrazia.

7 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao e buona serata cara Cristiana, spero che da te non sia tanto freddo! Qui -8°!
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ciao Cristiana tutti parlano di democrazia ma io ancora non ho capito dove sta
    buona serata
    Tiziano.

    RispondiElimina
  4. ".....ora i bambini dormono sul fondo del Sand Creek"

    Bel modo di portare la democrazia , Il numero esatto delle vittime del massacro di Sand Creek non è chiaro. ma tantissime donne è bambini , nativi americani !!!

    Grandissimo Faber

    RispondiElimina
  5. Washington. Uno degli episodi più brutali della storia del West, il massacro di 150 indiani sulla sponda del Sand Creek, ha fatto scattare con 136 anni di ritardo le scuse del Congresso. Sul luogo della strage, avvenuta il 29 novembre 1864 lungo un torrente del Colorado, sarà posta una lapide per ricordare i Cheyenne e Arapaho, in gran parte donne e bambini, massacrati da un migliaio di "giacche blu" del colonnello John Chivington.

    Fonte Oreste Borri

    RispondiElimina
  6. C'è un Sand Creek ogni giorno! Ogni giorno di democrazia (Sic!), come la democrazia di "com'è profondo il mare" - del Canale di Sicilia, degli Urali dei cristalli, delle terre di Nabuccodonosor e l'Ippona di Agostino!!!

    RispondiElimina