commenti?

Quale spoetizzazione

Non ne posso più di ritrovarmi davanti agli occhi queste immagini . Ora penserete che ho la coda di paglia, fa niente;  io contesto il buon gusto dell'immagine nei confronti delle donne, ma anche nel confronto degli uomini che, puta caso, ricordassero questo filmato in certi momenti, potrebbero fare cilacca.

Cristiana2022: La volete la soluzione?

Cristiana2022: La volete la soluzione?:     CHISSACHILOSA?  NESSUNO!



 CENERE      =       2  5  3  5         =   La prova del fuoco



 NEVICATA   =     10  3  1  7       =   Uno spettacolo con i fiocchi







Porta i bambini, ma non è la cicogna        RECANATI    

La volete la soluzione?

   CHISSACHILOSA?  NESSUNO!


CENERE      =       2  5  3  5 
  
   NEVICATA   =     10  3  1  7

La notte scorsa ho pensato a questa : porta i bambini  ( ma non è la cicogna)è un luogo : 8 =
  

Nessun riguardo.

 L'aereo viaggiava a un'altitudine di 11.500 metri e la picchiata è durata 8 interminabili minuti ( tanto perchè, chi piange qualcuno possa avere un'idea del terrore patito da chi era su quell'aereo)

I soccorritori: "Operazioni complesse, bisogna arrivare prima dei lupi" Di sicuro nella zona sono molti i lupi.  Gendarmi armati per tenere lontane le belve.( Tanto perchè , chi piange qualcuno, possa  immaginare il proprio caro divorato da un lupo)

Si vedono corpi ovunque" !!!

 Tante parole inutili , agghiaccianti, prive di qualsiasi delicatezza verso le vittime e coloro che le piangono.
La verità si è rivelata ancor peggiore della fantasia 'giornalaia'.
E non è finita, ora tireranno in causa la Compagnia aerea, i medici che ebbero in cura  Lubitz nel 2006, e chi più ne ha più ne metta. 

EN PASSANT

Mi perseguita una forma influenzale.
Scusate la latitanza

Vi lascio due  crittografie

Esempio :   ORLATE        =    9  2  5     PROVVISTE DI BORDO

   CENERE      =       2  5  3  5 
  NEVICATA   =     10  3  1  7

CHISSACHILOSA???  

La notte scorsa ho pensato a questa : porta i bambini  ( ma non è la cicogna)è un luogo : 8 
  


CHE DIRE....

E' una delle carceri peggiori d'America: è il Tent City, situato nel deserto dell'Arizona. Una vita dura per i detenuti che devono combattere anche con forti sbalzi che portano inverni estremamente freddi e estati altrettanto calde. Una condizione ancora più difficile per coloro che non alloggiano nelle celle ma nelle tende. Il Tent City, estensione del carcere della contea di Maricopia, è stato ideato dallo sceriffo Joe Arpaio  a causa del sovraffollamento della prigione madre. Per limitare le spese i detenuti vengono privati di ogni bene extra come lo zucchero e le spezie. Regole militaresche per un carcere dove frequenti sono le denunce per abusi e violenze sessuali

 Per ambo i sessi 
VOLUTO DA
JOE,LO SCERIFFO più cattivo d'america

HTTP://WWW.FAMIGLIACRISTIANA.IT/ARTICOLO/JOE-LO-SCERIFFO-PIU-CATTIVO-D-AMERICA.ASPX

Qualcosa di simile ci vorrebbe anche qui da noi. 
                          ESEMPIO

Massimo Carminati  ( A SINISTRA), già Criminale e terrorista italiano, PRINCIPALE indagatO nell’inchiesta su Mafia capitale interessato  agli appalti del Comune di Roma e alle aziende di Stato, 

Ercole Incalza,il «gran boiardo di Stato» sopravvissuto a 7 governi e 14 inchieste

VOI CHI CI VEDRESTE CON LA TUTA A RIGHE?

Teresa Scopelliti, la Madonna le parla il 13 del mese. Ai fedeli: “Scrivetemi su fb”

La mistica al Fatto:

“La Vergine mi annunciò il nuovo Papa”.

Teresa Scopelliti, la Madonna le parla il 13 del mese. Ai fedeli: “Scrivetemi su fb”

La Madonna manda messaggi che poi vengono riscritti in bella copia e letti dalla mistica calabrese che comunica attraverso facebook perché la Chiesa gli ha imposto di essere prudente. Il tutto nel paese degli “inchini”, a Oppido Mamertina in provincia di Reggio CalabriaLe presunte apparizioni vanno avanti da agosto. È da allora, tutti i mesi la mistica Teresa torna a Oppido Mamertina circondata da centinaia di persone che, dicono, di avere l’apparizione. Tutti guardano in alto. Le nuvole si muovono. Il sole compare e subito dopo si nasconde. Le donne con il rosario in mano iniziano a urlare: “Adesso la madonnina è giù, giù… Si vede. Eccola là. Vicino la nuvola. È coperta un pochino dalla nuvola”. C’è chi non riesce a distinguere e pensa che quello sia solo un gioco di luci che il sole fa con le nuvole ogni pomeriggio all’inbrunire. Una ragazza si avvicina alla mistica Teresa e domanda: “Ma è dal lato sinistro?”. E lei: “Si dal lato sinistro”. Nessuno ha dubbi e c’è chi si lancia in descrizioni particolareggiate: “Adesso è in direzione del sole. L’ho vista. Cioé ho visto una testa con la corona. Basta nient’altro. Madonna mia, Madonna mia”. E via con gli applausi. La mistica vede anche il Signore. “Hanno tutti e due le mani aperte in segno di benedizione. Tutti e due sono davanti al sole”.

La Chiesa prende le distanze: deve capire se si tratta di un miracolo o di un goffo tentativo di mistificazione della fede.

Papa Francesco scettico sulle apparizioni: “Messaggi? Maria non lavora alle poste”

E' ciclico che qualcuno si nomini  "portavoce" della Madonna.
Mai 'portavoce' di Gesù, mai un maschio ad essere la guida di bambini che  hanno incontrato la Vergine Maria.  Senz'altro meno impegnativo trasmettere le parole di Maria, quale donna-madre di Dio-fatto uomo, piuttosto che trasmettere suggerimenti di Gesù su come migliorare l'umanità, adottando propositi onerosi. Gesù è stato un severo  profeta che non si può affrontare in maniera superficiale.
 




Non è cambiato NIENTE!

Afghanistan, Osama Bin Laden 

nel suo 

nascondiglio: 

le foto inedite
Ma nel medioevo, avevano già inventato la 
macchina fotografica?


Prostituzione? Sì, ma che vor dì!

Ricordate il film  di   Soderbergh "Sesso bugie e videotape" ?
Il titolo di Repubblica  
"Ricatti e bugie dietro il 'bunga bunga' Le olgettine si confessano al telefono' mi ha ricordato quel film, giusto nel titolo, perchè la trama e i personaggi del film sono di un livello nettamente superiore, rispetto  al   lupanare berlusconiano messo in evidenza dalle intercettazioni telefoniche.
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/04/26/news/caso_ruby_le_intercettazioni-33972993/?ref=HREA-1



El Trbunal Supremo italiano absuelve a Berlusconi por " el caso RSì, ma che vor dì!uby"

Sarebbe stato più adatto titolare : El Tribunal Supremo absuelve a Berlusconi por el         
" CASINO en el caso Ruby"
Ci fu prostituzione, ma lui  ignorava che la ragazza fosse minorenne.
Ma che hanno da esultare l'ex Cavaliere e i suoi adepti ?
Comparirà sui libri di storia come il PdC che, assieme alle Olgettine, fece vivere all'Italia uno dei periodi più vergognosi della sua storia recente. Sputtanò l'Italia e ora annuncia:

"Archiviata anche questa triste pagina, sono di nuovo in campo per costruire, con Forza Italia e con il centrodestra, un'Italia migliore, più giusta e più libera"







E' proprio il caso di festeggiare?

http://www.repubblica.it/economia/2015/03/06/news/gender_pay_gap_retribuzioni_donne_8_marzo_openpolis-108664192/?ref=HREC1-29

Donne più istruite ma pagate meno 

In Europa la Germania peggio di noi anche sugli stipendi: gli uomini guadagnano il 16% in più delle donne europee

Data Journalism / Numeri Openpolis: forte il divario retributivo nell'Ue anche se le laureate sono più dei maschi. Italia non sfigura ma la crisi ha accentuato il solco. Germania peggio di noi. Incubo disoccupazione, in nord Europa mamme con tre bimbi lavorano più delle italiane con un solo figlio. In magistratura, sindacati e media è un miraggio la parità sui ruoli chiave. Abisso in politica e nelle società quotate

La gaffe in ospedale: 

Turno prefestivo in ospedale. L'infermiera trova la cartolina e la straccia. La dottoressa, invece, la posta su Facebook con commenti irripetibili. Alla fine è una pioggia di imprecazioni. È la rabbia delle donne in camice bianco, siano esse medici o personale sanitario. Perché l'8 marzo all'Azienda dei Colli (Monaldi, Cotugno e Cto) non è la festa della donna. È la festa dell'oca. E l'immagine che la rappresenta non è una mimosa ma una papera in cottura nella pentola

Perchè meravigliarsi e offendersi?

Aumentano i maltrattamenti in famiglia, vittime donne e bambine. Aumenta anche il reato di sfruttamento di prostituzione e di pornografia minorile. Sono, questi, i dati che emergono, alla vigilia della "festa della Donna" dell'8 marzo, dalle statistiche del ministero dell'Interno. A un anno e mezzo dall'entrata in vigore della legge sul "femminicidio", che inaspriva le misure contro la violenza di genere e lo stalking, il bilancio del Viminale è di luci e ombre. I reati di "maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli" sono passati da 11991 a 12125 e l'81 per cento delle vittime 


Mi chiedo se non sarebbe il caso di sospendere  la 'festa della donna' almeno fino a quando non avremo un'inversione di tendenza; oggi come oggi, l'8 marzo, mi sa, più che altro,  di presa in giro.


PRENDIAMOCI CURA DI ABELE.


Omicidi e gambizzazioni a Roma: sei arresti grazie a un killer pentito  Il tariffario per sparare: 25mila euro per uccidere, 3 o 4mila per ferire

Leggendo sul giornale questo titolo, chissà perchè, mi è istintivamente venuto alla mente l'episodio raccontato da Massimo Gramellini a 'Che tempo che fa'

 Questo:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-0c40f5e8-8e31-438b-af61-ecd40bffffa8.html - 


Ora vi chiedo, per quel  grande Ufficiale al merito della Repubblica, 
Gianfranco Dalla Gatta , ex Presidente di non ricordo cosa che riguarda l'istruzione, Presidente dell'Associazione Marinai d'Italia, nonchè figlio di buona donna, non sarebbe lecito, se non proprio una bella gambizzazione, fargli prendere una fifa blu aspettandolo al varco ed esplodendo alcuni colpi di pistola quanto più vicino alle sue gambe?  Quando leggo che certe persone sono affette da una cattiveria del genere, perdo ogni senso di pietà e mi dico che è l'ora di prenderci più cura di Abele e lasciare che Caino si arrangi e  si prenda le proprie responsabilità.

qUESTE LE VERSINI SCRITTE, PERCHè NON SONO CERTA CHE FUNZIONI IL FILMATO.


L’ascensoreMASSIMO GRAMELLINI

ottobre ricevetti una mail da Stefano Martoccia, ingegnere torinese di trentatré anni colpito da un tumore alle ossa che gli era costato l’amputazione della gamba destra. Stefano abitava all’ultimo piano di una casa senza ascensore e aveva informato i coinquilini dell’intenzione di installarne uno a sue spese. L’assemblea di condominio - luogo tra i più ottusi ed efferati dell’umanità, al cui confronto il Parlamento è un covo di idealisti - aveva negato l’assenso. La legge consentiva a Stefano di procedere. Ma il dominus dell’assemblea, titolare della maggioranza dei millesimi, aveva opposto ostacoli ed eccezioni, arrivando a insinuare che il giovane volesse costruire l’ascensore con gli incentivi concessi ai disabili per aumentare il valore del suo appartamento e poi rivenderlo. Aveva preteso che Stefano sottoscrivesse un documento in cui si impegnava a rimuovere l’impianto, in caso di cessione della casa, e a utilizzarlo in esclusiva, negando le chiavi dell’ascensore a parenti e infermieri. Stefano si era rifiutato di firmare e mi aveva manifestato il suo dolore stupefatto per le soglie di cattiveria a cui può giungere un essere umano. I suoi condomini, scriveva, erano frequentatori assidui della parrocchia. Devoti al prossimo, purché non abitasse a casa loro.  

Girai la mail alla collega Maria Teresa Martinengo, che scrisse un articolo sul giornale nella speranza che qualcuno si vergognasse. Ma nessuno si vergognò. Per non perdere energie che gli servivano altrove, Stefano accantonò il progetto dell’ascensore e si trasferì nell’appartamento del cugino al pianterreno, dove una morte più misericordiosa degli uomini è venuta a prenderlo ieri mattina.  

di Maria Teresa Martinengo 


«Il mio nome è Stefano Martoccia, ho 33 anni, la storia che vi racconto riguarda la mia condizione di disabile e la mancanza di umanità dell’individuo». Ha iniziato così la sua denuncia alla «Stampa» un giovane ingegnere gestionale malato di cancro a cui i proprietari della maggioranza degli appartamenti del condominio negano di installare l’ascensore che gli consentirebbe di abitare nel palazzo di via Le Chiuse, in San Donato, al quarto e ultimo piano dove nel 2011 aveva acquistato casa. 
«Mia nonna ha vissuto fino a 80 anni senza ascensore: perché un giovane come me dovrebbe fermarsi di fronte a questa mancanza?», aveva pensato Stefano. «Per ironia della sorte, pochi mesi dopo sono cominciati i problemi alla gamba destra che, nel giro di un anno, a causa di una forma rara di tumore, hanno portato all’amputazione. La forza d’animo non mi ha mai abbandonato e con l’aiuto di tutti torno a una vita quasi normale: la protesi mi consente di svolgere le attività quotidiane, ma se non avessi il supporto della mia famiglia e della mia ragazza sarebbe tutto molto complicato». Logico, quindi, che l’ingegnere inizi a sondare la possibilità di installare l’ascensore. La legge è dalla sua parte: l’ascensore può essere installato (a sue spese) anche senza l’ok degli altri inquilini. Ma Stefano Martoccia sceglie di andare comunque in assemblea e la prima risposta pare di relativa apertura.  
 Passa circa un anno, nel frattempo il giovane è sottoposto ad un nuovo intervento, ad altri ricoveri. All’assemblea di settembre è costretto a delegare i familiari. «Dopo mesi di verifiche di fattibilità e preventivi, il condominio - di fatto una persona sola con la maggioranza dei millesimi - sostiene che la mia volontà di procedere dipenda solo da obiettivi speculativi: costruire l’ascensore con incentivi per i disabili, per aumentare il valore del mio alloggio. Probabilmente, poi, avrei acquistato la casa già sapendo che avrei potuto godere di questa “grande fortuna”...». Non basta. I proprietari, per altro bravi cristiani assai attivi in parrocchia, arrivano a chiedere a Martoccia di sottoscrivere una dichiarazione: «Che l’utilizzo dell’ascensore sia solo mio, nemmeno dei miei famigliari. Inoltre, nel momento in cui dovessi vendere la casa - spiega l’ingegnere - dovrei rimuovere l’impianto sostenendo i costi. È vero che la legge è dalla mia parte, ma avrei preferito procedere con il consenso di tutti. Non firmerò nessuna dichiarazione, ma nel caso in cui mi decidessi a dare il via ai lavori so che andrei incontro a ostacoli, cause legali e ostruzionismi vari, già velatamente annunciati. Ma quello che mi fa più male è la totale mancanza di comprensione. Come fa l’essere umano ad essere così poco umano?». 
Ti potrebbe interessare:


  
di Maria Teresa Martinengo

Scusate se insisto

Salvini: "La Ue peggio di Mussolini, lo spread al posto dell'olio di ricino"

- "C'è qualcuno che vorrebbe instaurare un nuovo regime" anzi "a Bruxelles c'è ben di peggio di Mussolini, non hanno l'olio di ricino ma hanno lo spread". Così Matteo Salvini, intervenendo a 'Radio Padania'. "A Bruxelles sono più pericolosi di qualche anno fa - ha continuato il segretario federale della Lega Nord - stanno affamando la gente come nessun ventennio fascista è riuscito a fare", ha concluso.

L'olio di ricino, estratto dai semi della pianta del ricino, è un olio vegetale molto pregiato 
L'aspetto più noto di questo olio però è legato al suo potere lassativo. L'olio di ricino, infatti, fu utilizzato come strumento di tortura e di punizione, prima da Gabriele D'Annunzio che lo introdusse durante l'occupazione di Fiume, poi dal regime fascista che ne fece largo uso contro i suoi avversari.
Durante gli anni dello squadrismo fascista, infatti, l'olio di ricino divenne uno degli strumenti di tortura fisica e psicologica impiegati dalla Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale, le camice nere. Tale strumento di tortura era impiegato contro dissidenti e oppositori politici che venivano obbligati con la forza ad ingerire una bottiglia di 75 ml del suddetto olio (la cosiddetta "purga del sovversivo") mentre avevano legati i pantaloni con una corda per impedire alle vittime di sfilarli durante gli attacchi evacuativi, costringendoli a tornare a casa in condizione di grave umiliazione. L'assunzione di olio in dosi massicce era spesso accompagnata da percosse fisiche: tuttora famosa è l'espressione "manganello ed olio di ricino" per indicare i metodi che adottavano le squadre durante le spedizioni punitive. Gli antifascisti che si ribellavano venivano uccisi.
Al giorno d'oggi l'olio di ricino non è praticamente più usato come lassativo per via dell'azione troppo drastica, causa di forte disidratazione.


Continua a far sfoggio d'ignoranza Salvini, un'ignoranza abissale che lo induce a bestemmiare paragonando una mera faccenda finanziaria ad una tortura fisica e morale perpetrata durante il famigerato ventennio.

C'è una leggera aria di ripresa, che stia per finire la crisi?

Non ditelo a Salvini e a quelli come lui      -Casa Pound,Fratelli d'Italia, Marie Le Pen-      si sentirebbero mancare la terra sotto i piedi.




QUELLI CHE PARLANO A VANVERA E PER SENTITO DIRE

«Salvini è l’unico leader da contrapporre a Matteo Renzi. Noi siamo mussoliniani e vogliamo governare il Paese con lui». 
Queste immagini  evedenziano una certa corrente di pensiero, tra i due.

«Noi siamo mussoliniani - «Con noi la democrazia non è in pericolo»  Qui c'è  una evidente contraddizione

Le locuzione leggi fascistissime[1], (anche leggi eccezionali del fascismo[2]) identifica una serie di norme giuridiche, emanate tra il 1925 e il 1926, che iniziarono la trasformazione di fatto dell'ordinamento giuridico del Regno d'Italia nel regime fascista, ossia in uno Stato autoritario di tipo nazionalistacentralistastatalistacorporativista ed imperialista.
In sintesi, queste leggi stabilivano - di fatto quando non di diritto - che:
  1. il Partito Nazionale Fascista era l'unico partito ammesso, con Regio Decreto n. 1848 del 6 novembre 1925 che prevedeva lo scioglimento di tutti i partiti, associazioni e organizzazioni che esplicano azione contraria a regime;
  2. il capo del governo doveva rispondere del proprio operato solo al re d'Italia e non più al parlamento, la cui funzione era così ridotta a semplice luogo di riflessione e ratifica degli atti adottati dal potere esecutivo;
  3. il Gran Consiglio del fascismo, presieduto da Mussolini e composto da vari notabili del regime, era l'organo supremo del partito fascista e quindi dello Stato, con Legge 2693/28;
  4. tutte le associazioni di cittadini dovevano essere sottoposte al controllo della polizia, con Legge 2029/25;
  5. gli unici sindacati riconosciuti erano quelli fascisti; erano proibiti, inoltre, scioperi e serrate;
  6. le autorità di nomina governativa sostituivano le amministrazioni comunali e provinciali elettive che venivano abolite, Legge 237/26;
  7. tutta la stampa doveva essere sottoposta a controllo, ed eventualmente censurata se aveva contenuti anti-nazionalistici e/o di critica verso il governo.
Istituivano, inoltre:
  1. il confino di polizia per gli antifascisti, con Regio Decreto 1848/26 Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza;
  2. il Tribunale speciale per la difesa dello Stato (1926-1943) con competenza sui reati contro la sicurezza dello Stato (per i quali era prevista anche la pena di morte) ed un collegio giudicante (formato da membri della Milizia e da militari), con Legge 2008/26;
  3. l'OVRA, la polizia segreta, il cui primo nucleo è istituito con Regio Decreto 1


Alle Elezioni Europee 2014 CasaPound sostiene in modo decisivo l'elezione nella Circoscrizione Italia centrale del leghista Mario Borghezio[45]. Da questo risultato nasce una vera e propria collaborazione tra CasaPound e la Lega
  1.  Sarebbe bene che  i cervelloni di 'Casa Pound' studiassero il vero significato di " DEMOCRAZIA"
    Roma, Casa Pound