CHE DIRE....

E' una delle carceri peggiori d'America: è il Tent City, situato nel deserto dell'Arizona. Una vita dura per i detenuti che devono combattere anche con forti sbalzi che portano inverni estremamente freddi e estati altrettanto calde. Una condizione ancora più difficile per coloro che non alloggiano nelle celle ma nelle tende. Il Tent City, estensione del carcere della contea di Maricopia, è stato ideato dallo sceriffo Joe Arpaio  a causa del sovraffollamento della prigione madre. Per limitare le spese i detenuti vengono privati di ogni bene extra come lo zucchero e le spezie. Regole militaresche per un carcere dove frequenti sono le denunce per abusi e violenze sessuali

 Per ambo i sessi 
VOLUTO DA
JOE,LO SCERIFFO più cattivo d'america

HTTP://WWW.FAMIGLIACRISTIANA.IT/ARTICOLO/JOE-LO-SCERIFFO-PIU-CATTIVO-D-AMERICA.ASPX

Qualcosa di simile ci vorrebbe anche qui da noi. 
                          ESEMPIO

Massimo Carminati  ( A SINISTRA), già Criminale e terrorista italiano, PRINCIPALE indagatO nell’inchiesta su Mafia capitale interessato  agli appalti del Comune di Roma e alle aziende di Stato, 

Ercole Incalza,il «gran boiardo di Stato» sopravvissuto a 7 governi e 14 inchieste

VOI CHI CI VEDRESTE CON LA TUTA A RIGHE?


14 commenti:

  1. Troppo per loro due, meglio un carcere sovraffollato italiano, e una cella da 3 metri in 7 ...
    Felice serata
    Paolo

    RispondiElimina
  2. Purtroppo cara Cristiana non sono solo i film che fanno vedere la barbarie di certe carceri negli Stati Uniti... Ma purtroppo è la vera realtà.
    Ciao e buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Oh, qualche nome ce l'avrei XD

    Moz-

    RispondiElimina
  4. se costruissimo nuove prigioni per metterci dentro tutti quelli che lo meritano in Italia riparte l'edilizia!!!

    RispondiElimina
  5. Purtroppo non credo che ci staranno a lungo in galera.
    Comunque due parole su quelle detenzioni coatte americane. Non sono degne di una nazione civile. Tenere la gente incatenata è immorale. Privarla dei diritti totali è una forma di terrorismo.
    Ma da una nazione che concepisce Guantalamo non si può aspettare niente altro.
    Non mi dimentico che gli inglesi ripulirono le loro galere di tutti i lestofanti, i ladroni, gli assassini, gli imbroglioni e le puttane mandandoli nelle colonie oltremare Questi sono i discendenti di quegli avanzi umani.

    RispondiElimina
  6. Che dire? Tanto per cominciare direi che più che guardare la situazione carceraria in casa d'altri sarebbe (Stati Uniti) meglio guardare quella in casa propria in questo casi l'Italia dove la situazione carceraria è qualcosa di aberrante, tantè che l'Italia è stata condannata dalla Corte europea per i diritti umani e non è poco.

    @Vincenzo, ti voglio bene però non puoi tacciare l'America di inciviltà per Guantanamo dimenticandoti che vivi in una nazione che ha fatto anche di peggio, i campi di concentramento non erano certo villaggi vacanze.

    Ti lascio due link che parlano della situazione carceraria italiana:

    la vergogna delle carceri italiane

    l'UE condanna le carceri italiane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So bene della nostra situazione.E' solo una provocazione.
      Cri

      Elimina
  7. Perchè non rispondi, per giove?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma a che dovrei rispondere?
      Mai ricevuto niente.
      Cri

      Elimina
  8. I nomi? Di chi non vorrei vederci però, perché faremo prima.

    ispy 2.0

    RispondiElimina
  9. Per quanto il sovraffollamento delle prigioni italiane ci abbia fatto prendere una sassata, sarebbe davvero bello vedere questi tizi schiaffati in una celletta americana dove non puoi nemmeno sdraiarti, dove i secondini hanno l'obbligo (proprio!) di prenderti a manganellate se alzi la testa, dove ti "nutrono" con broda schifosa condita con piscio e sputi, dove ti infliggono tante di quelle violenze a volte fisiche, ma quasi sempre psicologiche, da spingerti al suicidio. E dico prigioni americane, ma quelle russe non sono assolutamente messe meglio. 'Sti bei tipi che abbiamo qui da noi vadano a delinquere in questi "perfetti esempi di democrazia" sempre citati a sproposito; intanto al gabbio ci andrebbero di sicuro, a differenza di quanto avviene qui, e capirebbero cosa vuol dire essere delinquenti in paesi che coi criminali sono estremamente duri.

    RispondiElimina
  10. Penso che solo in una Tent City da Florida; D&G anche le mutande, ma a pallini

    RispondiElimina
  11. Non credo che mantenere le persone alla stregua di animali sia il meglio che possiamo fare.
    Lavoro ed istruzione, sono le armi migliori per tentare un recupero.
    L'abbrutimento tende a favorire, e fomentare, gli istinti peggiori e l'odio.
    E' dimostrato che, anche laddove vige la pena di morte, o la prospettiva di un carcere durissimo,vengono commessi i crimini, anche i più efferati.
    Pene certe e una giustizia più giusta.
    Il carcere inteso non come luogo di svago, o di contro una Cayenne, ma come punto di partenza da cui iniziare un nuovo percorso.
    Chi è dalla parte della legge non può abbrutirsi allo steso livello di chi la infrange.
    E i risultati li abbiamo visti: tutte quelle morti misteriose nelle nostre carceri, fatte passare per suicidi. E i manganelli facili che s'abbattono sulla testa dei manifestanti o usati ad impartir lezioni contro chi è diverso, fomentando l'odio razziale (polizia americana docet). Non armiamo i giustizieri di nessun tipo, nè che vestano una divisa nè i colori di un partito.
    Certezza della pena ed una giustizia equa, e la possibilità (ovviamente dove esiste) di recupero.
    Queste sono le armi di cui un popolo civile deve far uso.
    Un bacio, Cristiana
    A presto :)

    RispondiElimina
  12. Quanti mesi ho per rispondere? In certi circoli assai poco letterari si potrebbero costruire intere anagrafiche a strisce... Ma sai qual'è la cosa che mi spaventa? che ci sono interi pacchetti di riforme che stanno per essere approvati che si basano su un principio: più potere ai dirigenti. Ma come? non volevamo risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri?

    RispondiElimina