E' proprio il caso di festeggiare?

http://www.repubblica.it/economia/2015/03/06/news/gender_pay_gap_retribuzioni_donne_8_marzo_openpolis-108664192/?ref=HREC1-29

Donne più istruite ma pagate meno 

In Europa la Germania peggio di noi anche sugli stipendi: gli uomini guadagnano il 16% in più delle donne europee

Data Journalism / Numeri Openpolis: forte il divario retributivo nell'Ue anche se le laureate sono più dei maschi. Italia non sfigura ma la crisi ha accentuato il solco. Germania peggio di noi. Incubo disoccupazione, in nord Europa mamme con tre bimbi lavorano più delle italiane con un solo figlio. In magistratura, sindacati e media è un miraggio la parità sui ruoli chiave. Abisso in politica e nelle società quotate

La gaffe in ospedale: 

Turno prefestivo in ospedale. L'infermiera trova la cartolina e la straccia. La dottoressa, invece, la posta su Facebook con commenti irripetibili. Alla fine è una pioggia di imprecazioni. È la rabbia delle donne in camice bianco, siano esse medici o personale sanitario. Perché l'8 marzo all'Azienda dei Colli (Monaldi, Cotugno e Cto) non è la festa della donna. È la festa dell'oca. E l'immagine che la rappresenta non è una mimosa ma una papera in cottura nella pentola

Perchè meravigliarsi e offendersi?

Aumentano i maltrattamenti in famiglia, vittime donne e bambine. Aumenta anche il reato di sfruttamento di prostituzione e di pornografia minorile. Sono, questi, i dati che emergono, alla vigilia della "festa della Donna" dell'8 marzo, dalle statistiche del ministero dell'Interno. A un anno e mezzo dall'entrata in vigore della legge sul "femminicidio", che inaspriva le misure contro la violenza di genere e lo stalking, il bilancio del Viminale è di luci e ombre. I reati di "maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli" sono passati da 11991 a 12125 e l'81 per cento delle vittime 


Mi chiedo se non sarebbe il caso di sospendere  la 'festa della donna' almeno fino a quando non avremo un'inversione di tendenza; oggi come oggi, l'8 marzo, mi sa, più che altro,  di presa in giro.


18 commenti:

  1. serve per riempire le pizzerie (e vender fiori puzzolenti)

    RispondiElimina
  2. Ricordo un vecchio slogan io L...OTTO ogni giorno. Credo tu abbia ragione. Comunque buon 8 marzo tutto l'anno.
    Paolo

    RispondiElimina
  3. La vedo come Kermit, specie sui fiori che puzzano (di centro sociale anziani)

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Da parte mia non eliminerei la festa delle donne, ma istituirei la festa degli uomini.
    Uguaglianza e rispetto per tutti.
    Baci Cristiana.

    RispondiElimina
  5. Cara Cristiana, è vero che purtroppo scopriamo sempre di più cose che fanno ribrezzo.
    Proviamo ad avere speranza che stia un giorno sorgendo qualcosa di nuovo!!!
    Se non ce speranza che cosa sarà la vita!!!
    Ciao e buona domenica, io pure a modo mio ho fatto un post dedicato alla donna.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Ricorda un fatto serio, è la Giornata Internazionale della donna, ce n'è bisogno più che mai. Poi, ognuno la ricorda come può e come sa. Un abbraccio, Cris, esteso alle tue belle nipoti, ormai donne anche loro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.qualcosadisinistra.it/2015/03/08/8marzo-sai-cosa-festeggi/

      Elimina
  7. Il rispetto deve durare sempre e non solo un giorno.
    Saluti a presto

    RispondiElimina
  8. No, è vero, non c'è molto da festeggiare. E' vero che molta strada è stata fatta da quel luttuoso 8 marzo da cui tutto ebbe inizio, ma oggi il rischio è che si abbandoni la strada maestra perché questo sia un giorno vero di festa e liberazione e si ceda alle lusinghe di false - e facili - scorciatoie che nascondono un fondo cieco.

    RispondiElimina
  9. Non c'è proprio niente da festeggiare!! Cosa festeggiamo? I soprusi verso le donne, le violenze, gli assassini? E poi è vero che le mimose puzzano.

    RispondiElimina
  10. vorrei un mondo in cui non fosse più necessaria una festa della donna per avvenuta parità di diritti, invece......

    RispondiElimina
  11. Concordo... l'ho sempre considerato giorno commemorativo. Gli auguri sono per i giorni a venire, tutti. Buona settimana

    RispondiElimina
  12. è un po' come tutte le ricorrenze... se non seguono cose concrete sono fini a sé stesse

    RispondiElimina
  13. Ahi mito sempre uguale e mie Lisistrata!

    RispondiElimina
  14. Ahi, mito sempre uguale e mie LIsistrata!

    RispondiElimina
  15. Bisogna adoperarsi per cambiare la mentalità, per educare e formare le menti...
    Un giorno dedicato alla donna non serve a nulla di fronte alle violenze di cui quotidianamente abbiamo notizia.
    Cri, grande e forte donna, tu sei un bel modello di donna! :)

    RispondiElimina
  16. A Roma "famoje la festa" significa accoppare qualcuno, in questo caso le donne.
    A proposito di L....OTTO che suggerisce Paolo, quella completa dice L'OTTO da quanno M'ARZO, cioè da quando mi alzo alla mattina.
    Seriamente: è uno schifo internazionale. Non esiste e non è mai esistita la parità tra i sessi, soprattutto adesso che il maschio medio messo all'angolo sferra colpi di coda come il coccodrillo ferito e morente.
    Non succederà, ma se dovessi rinascere vorrei trovarmi donna.
    Per sentire muovere il mio bambino dentro di me prima che nasca;
    per avere quella immensa sensibilità che solo una donna possiede;
    per avere la perfidia di cui solo una donna è capace;
    per combatterla insieme alle altre la battaglia della VERA emancipazione.

    RispondiElimina
  17. Forse sarà vera parità tra qualche tempo, quando la festa delle donne ( e degli uomini ) sarà tutti i giorni, ma in concreto e non per proclami.

    RispondiElimina