Nessun riguardo.

 L'aereo viaggiava a un'altitudine di 11.500 metri e la picchiata è durata 8 interminabili minuti ( tanto perchè, chi piange qualcuno possa avere un'idea del terrore patito da chi era su quell'aereo)

I soccorritori: "Operazioni complesse, bisogna arrivare prima dei lupi" Di sicuro nella zona sono molti i lupi.  Gendarmi armati per tenere lontane le belve.( Tanto perchè , chi piange qualcuno, possa  immaginare il proprio caro divorato da un lupo)

Si vedono corpi ovunque" !!!

 Tante parole inutili , agghiaccianti, prive di qualsiasi delicatezza verso le vittime e coloro che le piangono.
La verità si è rivelata ancor peggiore della fantasia 'giornalaia'.
E non è finita, ora tireranno in causa la Compagnia aerea, i medici che ebbero in cura  Lubitz nel 2006, e chi più ne ha più ne metta. 

 

10 commenti:

  1. C'è un motivo per cui non leggo più i giornali e non guardo più i tg, e, tra l'altro, non seguo più nemmeno i siti di notizie ufficiali. Tutte le volte che devono dare UNA SEMPLICE NOTIZIA DI CRONACA NERA, la gonfiano fino all'inverosimile tanto per vendere copie, aumentare lo scièr (italianizzazione voluta) o attirare clic.

    RispondiElimina
  2. Concordo con chi mi ha preceduto non leggo i giornali ne ascolto i tg per non essere forviato da inutili sofferenze mentali ^_^
    Spero stai meglio.
    Felice w-end
    Paolo

    RispondiElimina
  3. davvero tanta tristezza per questa vicenda e per come ancora una volta molti la usino per far parlare di sè come Santanché e Sallusti senza andare troppo lontano..

    RispondiElimina
  4. Le tragedie oramai, per un certo giornalismo, sembrano essere divenute "spettacolo" e accanimento torbido. C'è da dire che molti lettori (?) vogliono proprio questo. Buon fine settimana Cristiana

    RispondiElimina
  5. Cara Cristiana, una volta data la notizia che non cerano superstiti non dovevano dire altro, Oltre al dolore di aver perso i propri cari devono sentire certe cose che non era necessario dicessero. Ciao e buona domenica delle Palme cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Esistono, ahimé, anche gli avvoltoi mediatici e non solo i lupi delle Alpi.

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
  7. La TV nostrana è terribilmente morbosa. Io ho seguito la storia anche su quella tedesca, ARD su tutte, che è stata esauriente fin dall'inizio, senza rivelare dettagli atroci che potessero dare maggior dolore alla famiglie, cosiderato che c'erano i genitori di sedici ragazzi in gita premio tra le vittime, e che in tutto c'erano 67 tedeschi a bordo più l'equipaggio che sembra fosse tedesco al completo.
    Quando è uscita fuori la storia del suicidio o quello che diavolo è c'è stato un autentico sgomento. Chiaro che adesso si deve scandagliare tutto. Ma sono emersi particolari agghiaccianti, e cioè che il limite minimo per entrare a far parte dell'equipaggio di volo come co-pilota sia di 1000 ore di volo e Lubitz ne aveva appena 630.
    Nessuno conosceva il suo stato di salute mentale, oltre il suo psicanalista. Aveva strappato un certificato di malattia (lo hanno trovato in casa sua) e quel giorno non poteva volare.
    Ora queste cose sono scritte sui giornali, la TV non ne sta parlando, per non generare il panico tra le centinaia di migliaia di passeggeri che ogni giorno volano in questo paese.
    Ben altro il comportamento della nostra televisione: ci si pasciono di queste cose. In qualsiasi programma da RAI uno a mediaset, compresa La Sette non si sente parlare d'altro che dei nostri straordinari processi in corso di allestimento, dal nord al sud, da mariti assassino o presunti tali a madri assassine o presunte tali. NON SE NE PUÒ PIÙ:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che sembra assurdo è che la Compagnia Aerea non riceva i referti direttamente dai medici incaricati dei vari controlli.
      E' impensabile. proprio perchè l'interessato potrebbe distruggerlo.
      Cri

      Elimina
  8. La delicatezza, la sensibilità e di conseguenza l'intelligenza non sono caratteristiche facili da trovare da nessuna parte, ma in particolare laddove "giace" l'informazione.

    RispondiElimina