Prostituzione? Sì, ma che vor dì!

Ricordate il film  di   Soderbergh "Sesso bugie e videotape" ?
Il titolo di Repubblica  
"Ricatti e bugie dietro il 'bunga bunga' Le olgettine si confessano al telefono' mi ha ricordato quel film, giusto nel titolo, perchè la trama e i personaggi del film sono di un livello nettamente superiore, rispetto  al   lupanare berlusconiano messo in evidenza dalle intercettazioni telefoniche.
http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2012/04/26/news/caso_ruby_le_intercettazioni-33972993/?ref=HREA-1



El Trbunal Supremo italiano absuelve a Berlusconi por " el caso RSì, ma che vor dì!uby"

Sarebbe stato più adatto titolare : El Tribunal Supremo absuelve a Berlusconi por el         
" CASINO en el caso Ruby"
Ci fu prostituzione, ma lui  ignorava che la ragazza fosse minorenne.
Ma che hanno da esultare l'ex Cavaliere e i suoi adepti ?
Comparirà sui libri di storia come il PdC che, assieme alle Olgettine, fece vivere all'Italia uno dei periodi più vergognosi della sua storia recente. Sputtanò l'Italia e ora annuncia:

"Archiviata anche questa triste pagina, sono di nuovo in campo per costruire, con Forza Italia e con il centrodestra, un'Italia migliore, più giusta e più libera"







10 commenti:

  1. Adesso ci diranno che è stato violentato... La cosa folle l'ha detta il suo stesso legale, Coppi: si è vero ad Arcore c'era uno strano giro di prostituzione ma il punto è che S. sapesse che Ruby fosse o non fosse minorenne. Perbacco !!**
    Felice serata
    Paolo

    RispondiElimina
  2. Non ci credo!!! credevo fosse finita e invece si ricomincia...
    Ciao e buona notte cara Cristiana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ci saranno belle sfide con Renzi, adesso :D

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Ribadisco per l'ennesima volta:
    a) il caimano la deve piantare di vituperare una magistratura che da più di vent'anni è la sua migliore alleata;
    b) "La legge non ammette ignoranza" è ormai una frase obsoleta qui da noi, perché a botte di "io non sapevo" troppi personaggi di dubbia - no, completamente assente - moralità la fanno franca con la nostra "giustizia".

    RispondiElimina
  5. praticamente basta dire "non sapevo che era minorenne " ok prendiamone atto , ora bisogna scarcerare un bel po di gente (vedi le bebi squillo a roma) se la legge è uguale per tutti

    RispondiElimina
  6. ma si ma era logico che finisse in questa maniera.... questo è il paese delle stragi di stato dove vengono assolti tutti... è il paese dove un politico rimane senatore a vita nonstante sia stato giudicato mafioso fino ad un certo anno... è il paese delle leggi ad personam
    Quindi che dire?!?!

    RispondiElimina
  7. Mi sa che ha ragione Ernest, era scontato che finisse così... anche se per fare indignare la CEI pensavo non bastasse.

    RispondiElimina
  8. Qui non si discute la privacy. Se uno è ricco sfondato e porcaccione e ha una residenza come una reggia può organizzare un festino al giorno -se ce la fa altrimenti guarda chi ce la fa- a spese proprie e portarsi a letto chi vuole, purché consensiente e maggiorenne.
    Ammesso che non lo sapesse che Ruby avesse 17 anni, ma lui era ed è un personaggio pubblico. Doveva premurarsi di ottenere la discrezione e non fare del bunga-bunga un elemento per la sua campagna elettorale, dietro il motto "italiani votate un uomo che a questa età mette in fila sto popò de gnocche". Lo so che per certa gente questo è un argomento vincente, ma tutto avviene alla faccia della decenza.
    Ciò detto se non c'erano le prove della concussione e del fatto che NON ignorasse l'età di Ruby non potevano che assolverlo. Punto.

    RispondiElimina
  9. Oddio non ne posso più di sentire il suo nome e di vedere la sua faccia.

    RispondiElimina