commenti?

Una volta all'anno, almeno!



Giorgio Bocca: "La Resistenza ci ha dato la nostra religione civile"È stata la prova che gli italiani nel peggio danno il meglio. Quando tutto è perso, quando si rischia di essere denunciati e fucilati in ogni momento, ecco che scatta la solidarietà e trovi della gente che ti aiuta".


Partigiani che hanno donato la vita
Per ricordarne alcuni:
EleBattaglione Corbarnco dei caduti delle formazioni partigiane 8° Brigata Garibaldi - 29° Brigata G.A.P. "Gastone Sozzi" - Brigata S.A.P. - ihttp://www.istorecofc.it/caduti-formazioni-partigiane6.asp#Z
 Per ricordarne altri:
Albino Abico, 23 anni.

Carissimi, mamma, papà, fratello sorella e compagni tutti,
mi trovo senz’altro a breve distanza dall’esecuzione. Mi sento però calmo e muoio sereno e con l’animo tranquillo. Contento di morire per la nostra causa: il comunismo e per la nostra cara e bella Italia.                                 
Il sole risplenderà su noi "domani" perché TUTTI riconosceranno che nulla di male abbiamo fatto noi.  ............ 


Franca Lanzone, 25 anni  
Caro Mario,                                                                                        
sono le ultime ore della mia vita, ma con questo vado alla morte senza rancore delle ore vissute..  Ricordati i tuoi doveri verso di me, ti ricorderò sempre  .........

Paolo Braccini,36 anni
Gianna, figlia mia adorata,                                                                         
è la prima ed ultima lettera che ti scrivo e scrivo a te per prima, in queste ultime ore, perché so che seguito a vivere in te.                                         
Sarò fucilato all'alba per un ideale, per una fede che tu, mia figlia, un giorno capirai appieno......... 

Come fare per non dimenticare? Chi teme che tutto possa andare  perduto, dovrebbe fare un patto con un giovane a lui caro e fargli promettere che tramanderà  il ricordo di coloro che ci hanno dato la libertà.





























20 commenti:

  1. Oggi pomeriggio vado con quattro vecchi amici (o poco più) tra i boschi - lontano da rituali ammorbanti ed ipocriti - dove è la lapide che ricorda il luogo in cui venne trucidato un giovane partigiano. Porto con me un fiasco di vino, una chitarra e la memoria di fatti e canzoni! Buon 25 Aprile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Porta anche un mio 'grazie' al giovane partigiano ucciso.
      Buon 25 Aprile anche a te e agli amici!

      Elimina
  2. Io continuo a non capire coloro che minimizzano o addirittura non riconoscono il valore di chi ha sacrificato la sua vita per permettere a degli ingrati di esprimere liberamente ciò che pensano senza per questo essere imprigionati, torturati o uccisi.
    Buon fine settimana un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viviamo in un mondo pieno di contraddizioni, Enrico.
      Buon 25 Aprile!

      Elimina
  3. Qualcuno se ne è già dimenticato di come stavamo, oppure nega che veramente così sia andata. A me sembra che questa Italia, questi italiani siano un tantino peggiori di quelli. Oppure ha ragione Bocca: solo nei momenti peggiori i nostri connazionali tirano fuori gli attributi. Ma questi nostri giovani, subissati di cellulari e play station, troveranno il tempo di distoglierne l'attenzione e di accorgersi del caos in cui stiamo precipitando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poveracci, non è neanche colpa loro.
      La colpa è la nostra che non vediamo una spanna oltre il nostro naso.
      Cri

      Elimina
    2. Poveracci, non è neanche colpa loro.
      La colpa è la nostra che non vediamo una spanna oltre il nostro naso.
      Cri

      Elimina
  4. Cara Cristiana, tu sai che io ho vissuto quei tristi momenti e posso forse giudicare più di altri che lo anno letto nei libri oppure nei giornali, credo che dopo continue contraddizioni, sia ora della vera riconciliazione e si possa festeggiare assieme la libertà.
    Ciao e buon 25 aprile cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Io lavoro in una scuola intitolata ad un martire della Resistenza, Giacomo Ulivi, la cui Lettera agli amici contiene queste parole: 'Come vorremmo vivere, domani? No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto è successo perché non ne avete più voluto sapere!' Ciao e grazie per esserti ricordata di me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io non ti 'perdo mai d'occhio' carissima Pen.
      Cri

      Elimina
    2. Ma io non ti 'perdo mai d'occhio' carissima Pen.
      Cri

      Elimina
    3. Io non c'ero ma i miei due nonni hanno fatto la guerra.
      Vorrei ringraziare quei giovani che rinunciarono a tutto per i loro valori inoltre mi piacerebbe che quei cretini che negano oppure dicono che i morti sono tutti uguali rispettassero perlomeno quei ragazzi che morirono per difendere la libertà.
      Anche la libertà dei cretini negazionisti di dire le loro cazzate.

      Elimina
  6. Vedo che ti sei fatta dei nuovi amici, Cristiana..... Buona Liberazione (anche da loro)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho tentato di liberarmi, ma con una nazista del genere, chissà!

      Elimina
  7. Al mio unico figlio e alle sue due figlie ho già delegato tutto quello che ho passato io e quello che ricordo di quei terribili anni della II^ Guerra, prima, durante e dopo.
    Un salutone Cristia',
    aldo.

    RispondiElimina
  8. Ciao Cristiana! La Resistenza e i suoi Martiri sono la pagina più gloriosa della nostra storia. Lo ricorderemo sempre e saremo grati per sempre a partigiani e civili che hanno combattuto per darci una vita dignitosa liberandoci dalla dittatura fascista. Lo sanno i figli e lo sapranno anche le tre nipotine presto.
    un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina