commenti?

Mr.Lik

“Così ho inventato il fumo elettronico”

Come è nata la sua idea?
"Nella vasca da bagno. Attaccandomi al corpo uno di quegli speciali cerotti per smettere di fumare.   ho pensato che non mi dava minimamente la stessa sensazione di fumare. Mancava qualcosa: il fumo, innanzi tutto. Così ho pensato a una sigaretta che funziona alimentando vapore con la corrente elettrica".
A cosa voleva arrivare?
"Volevo creare la sensazione del fumo. Avevo bisogno di una fonte di energia che alimentasse il vapore è l'elettricità sembrava quella giusta. Il difficile è far stare tutto dentro un minuscolo cilindro. Dentro una sigaretta ".

Per  esperienza personale queste , con relativo caricatore, ve le consiglio spassionatamente

Queste , per altrettanta esoperien
za, ve le sconsiglio tassativamente
alcuni dei liquidi che danno sapore al vapore
Io scelto il sapore VIRGINIA, all'inizio con una percentyale di nicotina al 9% , ora l'ho abbandonata.
 Fumavo come minimo 40 sigarette al giorne, con una spesa di oltre 300 euro al mese.
Giusto in questi giorni ricorre il secondo anniversario  del mio  

Poichè siete miei amici, consiglio a coloro che fumano e vorrebbero smettere, di provarci.

7 commenti:

  1. Fumavo tre pachetti di Marlboro al giorno ed arrivavo ad intaccare il quarto spesso e volentieri. AnnaMaria soffriva di asma quindi facevo i salti mortali, ma fumavo. Mai un colpo di tosse e non so cosa sia catarro. Però un brutto giorno alla prima sigaretta del mattino aspirando sentii un violentissimo scoppio dentro lo stomaco, un bruciore cane. Effettuai subito la seconda tirata e non successe niente. Da quel giorno ogni prima tirata mi esplodeva lo stomaco, perché io ingoiavo quasi tutto il fumo: ne riusciva poco.
    Mia moglie mi bombardava ogni secondo momento. Le promisi che avrei smesso.
    La sera del 18 aprile 1984 alle 23,30 accesi la mia ultima del giorno. Mentre stavo a metà mi venne da pensare che forse era meglio se ndavo al distributore automatico a comperare un altro pacchetto. Mi vide vestirmi e mi chiese dove andavo anche se lo aveva capito. Quando glielo dissi mi sparò in faccia con veemenza "sei un uomo senza carattere e senza palle, non smetterai mai". Presi dalla bocca la mezza sigaretta e la schiacciai nel portacenere. "Guarda, l dissi a brutto muso, questa è stata la mia ultima sigaretta". A momenti si strozza dal gran ridere. Non mi veva mai visto senza e nelle mille foto che ho di quegli anni non ce n'è una, una sola, dove non abbia una sigaretta in bocca o tra le dita.
    Eppure quella delle 23,30 è stata l'ultima sigaretta della mia vita.
    Non chiedermi come, ma ce l'ho fatta e ne sono orgoglioso.

    RispondiElimina
  2. Là in mezzo al mar
    ci sta i camin che fumano
    là in mezzo al mar
    ci sta i camin che fumano
    là in mezzo al mar
    ci sta i camin che fumano
    saranno le mie belle
    che si consumano

    RispondiElimina
  3. Ormai è diventato uno status symbol -dei poveri- ostentare una sigaretta elettronica...

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Fumo da quando avevo quattordici anni. Ornai i danni sono irreversibili. Il carcinoma è programmato e si svilupperà al tempo previsto.
    Ciao Cris.

    RispondiElimina
  5. mai avuto bisogno di una "diavoleria" del genere.Ho smesso 12 anni fa dopo un infarto

    RispondiElimina
  6. Se vuoi smettere di fumare, devi smettere di fumare. Di botto. Togliere tutto e resistere con tutte le proprie forze alla tentazione. Ma quando dico tutto, intendo includere anche le sigarette elettroniche (tra l'altro, vietate in tutti i locali pubblici proprio come quelle "tradizionali": chi le fuma se lo ricordi), altrimenti non serve a niente.

    RispondiElimina