Cannabis, Salvini: "Legalizzare? Meglio prostitute, non fanno male"

Quando sbarcano in Italia non sorridono. Hanno superato il deserto, attraversato il Mediterraneo, sono arrivate vive in Sicilia. Ma non sono salve. Perché per loro l’approdo è solo l’inizio di un nuovo incubo: la prostituzione forzata. Sta accadendo ogni giorno a centinaia di donne, soprattutto nigeriane ma non solo. Adescate con la promessa di un futuro migliore in Europa, vengono traghettate dalla povertà alla schiavitù del sesso nelle città occidentali.
Ma a Salvini , macho per eccellenza, non può fregargliene di meno. 
Le sue donne non sono prostitute, neppure quelle che  lui fa assumere negli enti pubblici.

 Secondo recenti indagini l’Italia è divenuta uno dei centri di smistamento Europei delle prostitute Africane. Due giornaliste nigeriane e un rapporto dell’Ambasciata Americana a Roma rivelano pesanti responsabilità delle autorità italiane

Non stento a crederlo!


Vendete le figlie a qualche trafficante e poi chiedete loro se la prostituzione non fa male.
Nei bordelli "legalizzati" europei sono quasi tutte schiave. La prostituzione fa bene solo alle mafie e a chi considera le donne meno che vacche da mungere.nella maggioranza dei casi è una schiava che viene dall'estero e ne ha viste di tutti i colori. 
Vendete le figlie a qualche trafficante e poi chiedete loro se la prostituzione non fa male.
Nei bordelli "legalizzati" europei sono quasi tutte schiave. La prostituzione fa bene solo alle mafie e a chi considera le donne meno che vacche da mungere.
nella maggioranza dei casi è una schiava che viene dall'estero e ne ha viste di tutti i colori. 
Vendete le figlie a qualche trafficante e poi chiedete loro se la prostituzione non fa male.
Nei bordelli "legalizzati" europei sono quasi tutte schiave. La prostituzione fa bene solo alle mafie e a chi considera le donne meno che vacche da mungere.nella maggioranza dei casi è una schiava che viene dall'estero e ne ha viste di tutti i colori. 
Vendete le figlie a qualche trafficante e poi chiedete loro se la prostituzione non fa male.
Nei bordelli "legalizzati" europei sono quasi tutte schiave. La prostituzione fa bene solo alle mafie e a chi considera le donne meno che vacche da mungere.

9 commenti:

  1. Non credo che Salvini sia un macho, solo un pezzo di cacca (in senso politico).
    Cesare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutti i sensi direi, anche nel suo machismo

      Elimina
  2. La CNN sta facend una serie di servizi ch ci ricoprono di merda, cioè chi ci governa: per come gestiamo -in modo catastrofico dicono alla CNN- l'emergenza invasione dei fuggiaschi e per sta storia della prostituzione coatta. Siamo uno dei peggiori paesi del mondo, a livello di certi pesacci sudamericani per intederci. E il nostro duce fa il paino in giro per il mondo e si vanta -udite udite udite- di avere salvato la Grecia dal follaut. Che stronzo! Non gli fanno aprire bocca, un po' perché il suo inglese è inintellegibile, un po' perché ormai in Europa hanno capito che dopo Berlusconi un altro pagliaccio è arrivato al potere e in fututo già sta pronto il terzo giullare, quel Grillo che manca alla nostra collezione.
    DITTATURA FERREA occorre a questo paese e no democrazia, che democrazia non è, ma Mafia.
    Dieci anni di dittatura vera e un milione di morti: mafiosi, camorristi, corrotti di tutte le specie, politici incapaci.
    Non ci arriveremo? Non lo so.

    RispondiElimina
  3. Non arrivo ad augurare una dittatura - ci siamo già passati, e non è stato bello per la popolazione italiana dell'epoca - ma auspico la nascita di una forza politica onesta, non corrotta, che riesca a sbaragliare tutte le altre alle prossime elezioni, e che abbia il coraggio di dichiarare guerra aperta a mafiosi e corrotti - e con guerra aperta intendo proprio che devono schierare l'esercito e farli fuori tutti senza se e senza ma. Dopo, anche questi giri di prostituzione forzata verranno interrotti. Fintanto che agli alti vertici avremo politicanti con le mani in pasta in questi giri, sarà difficile risolvere la situazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dundunderum, io c'ero e l'ho subita anch'io nel mio piccolo, tanto per fare un esempio la guerra, i bombardamenti delle città inermi e tutto l'ambaradam, Non è che io mi auguri una simile dittatura, ma il popol nostro è il meno adatto alla democrazia, perché democrazia significa innanzi tutto rispetto delle regole e dei diritti altrui, significa riconoscere l'altrui merito, significa concorrenza LEALE, offerta migliore di quella degli altri. Come vedi l'esatto contrario di quel che avviene da noi, dove la regola è la VIOLAZIONE DELLE REGOLE, il compromesso mafioso, la bustarella. Il nostro è un popolo diviso in due: da una parte i corruttori e i oncussori, dall'altra i corrotti e i collusi. Chi non accetta questo compromesso e questa eterna situazione se ne va all'estero, come ho fatto io.
      Un asceta o se preferisci un pazzo alla Hitler, che volesse rifare sti benedetti equilibri, che volesse ditruggere questo sistema per instaurarne uno nell'assoluta legalità, che riscrivesse una costituzione che forse era buona nel 1947 ma non lo è più adesso, che dicesse ai vari rppresentanti del Vatikano di farsi i fatti loro, che massacrasse intere popolazioni di mafiosi e camorristi, senza mandarli in galera dove costano soldoni e da dove continuano a delinquere, beh uno così per una decina di anni forse riuscirebbe a fare pulizia e a dare ale nuove generazioni un futuro migliore.
      Purtroppo è utopico.

      Elimina
    2. Uno così si farebbe prendere la mano dal delirio di onnipotenza: ripeto, film già visto, troppe volte, anche in tempi recenti. Non durerebbe dieci anni prima di cominciare a schiacciare gli innocenti. Diciamo che educare la gente al rispetto delle regole - cioè, facendole rispettare, in primis - sarebbe un buon punto di partenza; una forza politica come quella che ho citato sarebbe il passo successivo, ma devono essere persone oneste e - ribadisco - con i proverbiali attributi necessari a dichiarare guerra alla mafia e alla corruzione. Non dev'essere un pazzo singolo, però, per i motivi citati. Sul vaticancro, sfondi una porta aperta: sono sempre convinto che quando trasferirono la sede ad Avignone avrebbero dovuto mantenerla fissa lì, scordandosi Roma.

      Elimina
    3. Sarei disposto a correre il rischio del pazzo untore che prima o poi viene preso da delirio di onnipotenza pur di liberarmi di questa genia una volta per tutte. Perché per educare la gente al rispetto delle regole occorrono educatori sinceri e onesti. Dove sono Dumdumderum, dove sono costoro?
      Bella espressione "il Vaticancro", se non hai il copyrght te la prendo in prestito: troppo forte.
      Fa piacere trovare gente competente in questa italiuzza.

      Elimina
    4. "Vaticancro" non è nemmeno farina del mio sacco; l'ho letta qua e là per il web, e l'ho usata altre volte senza che l'autore, chiunque sia, mi abbia mai posto pregiudiziali sul copyright... quindi, secondo me, la puoi usare tranquillamente.

      Elimina
  4. la prostituzione è un flagello sopratutto nelle città rivierasche oggi e naturalmente il GOVERNO che ci siamo scelti fa molto poco per contrastarla... forse perchè contrastare il lavoro più vecchio del mondo è risultato spesso inutile viste le richieste che gli ometti italiani fanno e l'abbondanza di offerta che c'è in giro... penso però che si potrebbe diminuirla o eliminarla dalle zone del centro.Noi oggi ne parliamo perchè un poveraccio come Salvini ne ha parlato e questo fà oggi notizia, ma ce ne dimentichiamo nei prossi 350 giorni...

    RispondiElimina