" CORAGGIO" di GRUPPO

Firenze:  Sentenza di assoluzione per stupro di gruppo alla Fortezza da Basso

In primo grado il gruppo era stato condannato, ma poi i giudici dell'Appello si sono fatti assalire da scrupoli moralistici e hanno concluso che se una ragazza ha partecipato  "a seminari sul sesso dal titolo "Sex in transition" e ha fatto la comparsa in film splatter dove ha mostrato di "reggere" bene le scene di sesso e violenza, dimostra di avere una vita non lineare e di avere   un atteggiamento "ambivalente" nei confronti del sesso."

Questa storia abietta ricorda  il film "Sotto accusa" con Jodie Foster, tratto da un fatto vero di stupro avvenuto negli Stati Uniti; cambia però il finale, là sono stati condannati

GRUPPO.  Già, questo termine che ricorre  in questa vicenda, la dice lunga; io non riesco a immaginare un uomo  degno di questo nome, che aspetta  il suo turno in fregola,  proprio come un animale pronto per l'accoppiamento.

Si chiede questa donna che non ha nuociuto a nessuno :

«Per essere creduta dovevo morire?» 

NON è detto!  I giudici hanno concluso che , col tuo stile di vita  fosse sufficiente una sentenza  del genere. A mio parere, i giudici    - fra cui  due donne-   avrebbero considerato stupro la tua drammatica esperienza, se gli imputati fossero stati stranieri dell'est o del sud.  Non dimentichiamo, inoltre,  che i giudici, in genere, hanno una famiglia, che li tiene d'occhio.


11 commenti:

  1. Scusa, scusate tutti voi cattolici, ma una sentenza di questo genere può avvenire solamente in questo stato giuridicamente sottomesso al vaticancro. Qui la donna è vista come il demone tentatore, per questo i preti -non tutti- la evitano e vanno coi bambini.
    Su Facebook c'é la sentenza. Da vomitare. La ragazza partecipa al gioco del toro che si muove e butta tutti giù. Si solleva la minigonna e lascia vedere -horror, horror- mutandine rosse col pizzo. Ha provocato e subito una schiera di mandrilloni col pisellone duro si mettono in fila per "farsela".
    E questi imbecilli che camminano tirati dal loro bastone vengono premiati con una sentenza assolutoria, mentre lei, la rejetta, deve andarsene all'estero dove non la conosca nessuno perché da noi la guardano come un'appestata.
    Non ci lamentiamo, amici cattolici, dei musulmani che considerano l donne degli oggetti. Noi le consideriamo pattume.
    La teocrazia è la cosa peggiore che ci sia: quella palese che obbliga le donne a velarsi col buhrka, e quella infida delle sacrestie nostrane che prima le scopre, le denuda, le usa e poi le sconsacra.

    RispondiElimina
  2. Credo che la "regressione" di cui ogni tanto accenno, sia già in atto... come dici tu Cristiana è una storia abietta... una delle tante.

    RispondiElimina
  3. Se una condotta di vita può giustificare uno stupro...allora di che vogliamo parlare?

    RispondiElimina
  4. Una vigliaccata di un gruppo di abietti maschilisti.
    Ciao Cris.

    RispondiElimina
  5. Non c'è commento che regga: stuprare una donna, che si sia soli, che si sia in gruppo, che lei si metta in minigonna, o sia una persona ammiccante, o che abbia girato film porno, è un atto di violenza e vigliaccheria immondo. Chi lo compie, va passato al tritacarne e dato da mangiare ai maiali. Chi lo giustifica, va preso a sberle.

    RispondiElimina
  6. Ognuno fa ciò che vuole nella sua vita privata,sempre che sia all'interno della legge,e la giustificazione della sentenza fa pena,come se la sia andata a cercare,davvero pietosa come scusante.

    Da freedom sul caimano

    La boutade serve per far parlare di se,e se ci sono cascato anch'io è solamente perchè ormai ne attira pochi di consensi,a giocarsela in futuro saranno fonzie,le stelle e l'altro Matteo sommando i pochi voti del caimano.

    Si vedrà!

    Saluti

    RispondiElimina
  7. Forse il titolo più appropriato è "Vergogna di gruppo". Non ho seguito bene la vicenda ma sembra che molte cose non collimassero con le dichiarazioni della ragazza, sembra che molte bugie siano state dette, sembra....
    Qualunque cosa possa sembrare, se una ad un certo punto dice no, quello è un no, punto.
    E poco importa cosa fosse all'inizio ma, come hai detto tu, gli imputati sono italianissimi e tanto basta. Ipocriti!!

    RispondiElimina
  8. Si dice che sono le sentenze a stabilire la legge, meno, i codici che dovrebbero essere applicati. La pena ed il giudizio sono oramai talmente inaspettati che la sfiducia è la conseguenza più probabile.

    Uomo

    RispondiElimina
  9. Confesso,non ho seguito questo caso,ma i nostri giudici,perdonisti e buonisti,non mi convincono.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  10. ma siamo pazzi, anche se la ragazza fosse stata consenziente all'inizio e questo è difficile da dimostrare , ma uqando poi è stata stuprata dal gruppo (èiù di una persona) questi andavano condannati per evitare che in futuro ripetano la bravata. Io se fossi stato quel giudice gli avrei dato minimo 5 anni a esser buono... Queste sono i fatti che fanno scadere la nostra giustizia...

    RispondiElimina