Lo sapranno?

STRASBURGO - L'Italia deve introdurre il riconoscimento legale per le coppie dello stesso sesso. Lo ha stabilito la Corte europea dei diritti umani. I giudici di Strasburgo hanno condannato l'Italia per la violazione dei diritti di tre coppie omosessuali.

Ma a Strasburgo, lo sanno che in Italia c'è  La Città del Vaticano       - un'enclave nel territorio della Repubblica Italiana, inserita nel tessuto urbano della città di Roma ? Nello Stato vige un regime di monarchia assoluta elettiva di tipo patrimoniale con a capo il papa della Chiesa Cattolica-     il quale in teoria,dovrebbe occuparsi del suo Stato, ma in realtà mette il becco, attraverso le sue Eminenze, in ogni italica questione che concerne la vita umana, dalla nascita alla morte?

12 commenti:

  1. In illo tempore Qualcuno disse "Date a Cesare quel che è di Cesare, date a Dio quel che è di Dio. L'Amore è Dio. Sempre. Sarà alla Chiesa interpretare anche questo e conseguentemente indirizzare. Mirka

    RispondiElimina
  2. Proprio sapendo dell'esistenza del vaticancro possono permettersi di sanzionarci. Sanno che siamo in sanzione perenne, e che la prossima volta potranno di nuovo bastonarci, e via così ad infinitum. Se non fossimo più sudditi del vaticancro, dove lo troverebbero, il divertimento a castagnarci?

    RispondiElimina
  3. L'amore è Dio? Ma vogliamo scherzare vero? Da quando un'entità astratta, invenzione di qualcuno può decidere se due persone dello stesso sesso possono amarsi oppure no.
    I diritti civili sono un DIRITTO di tutti gli uomini, lo stabilisce la legge e non quattro cretini in tocana nera, la chiesa, il vaticano NON SONO lo stato italiano, il vaticano non ha nessuna giurisdizione legale, non ha il potere di legiferare all'interno di uno stato LAICO e sovrano come l'Italia e inoltre vaticanopoli deve ricordarsi di essere uno stato ospite.
    Ma tornando a quanto ha stabilito la Corte europea per i diritti umani, piuttosto che approvare il riconoscimento i politici italiani e tutti i cattobigotti preferirebbero farsi tagliare la testa e passare per martiri.
    In questo paese i diritti sono un privilegio solo per le casta "elette"!

    RispondiElimina
  4. Bianca 2007 perché bestemmiare in casa d'altri? Se l'Amore è Dio l'Odio è il Diavolo secondo lei? Quindi tutto ciò che è buono e onesto proviene da Dio mentre tutto il male dal suo antagonista? E chi lo ha fabbricato il Diavolo? Si è generato per partenogenesi? Da piccolo mi avevano detto che fosse l'angelo più bello tra gli angeli di Dio. Quindi è una sua creazione? Perfetto.
    Lei è padronissima di credere in ciò che vuole, ma dire che "sarà alla Chiesa interpretare e conseguentemente indirizzare" questioni sull'amore è un folle abuso. La sua Chiesa è quella che pretende di insegnarmi come e con chi e quando fare all'amore, senza precauzioni né contraccettivi né preservativi perché quello è un atto consapevole. Consapevole di che, Mirka? Dell'essere uno sciocco credulone che demanda ai preti la sua coscienza?
    Non esiste nessun Dio, né il suo né quello dei boia dell'ISIS che possa venire a dire a me e a tutti i me di questa terra con chi sia lecito e con chi no fornicare.
    Naturalmente io mi sono sempre ben guardato dal farmi il segno della croce prima e dopo il coito. Quello sì che mi sarebbe sembrato una mancanza di rispetto: verso un ipotetico Dio, certamente no, ma verso quel Gesù Cristo che è finito sulla croce certamente sì.

    RispondiElimina
  5. Lo sanno, almeno crdo, ma credo anche gliene importi poco giacché il problema non è la chiesa che fa quel lavoro da ben prima che con l'inquisizione ne venisse ratificata la "sagace" volontà di intervento sulle "vite degli altri". Ma quale governante in questo strano paese rinuncerebbe a quel consenso mettendo in discussione ciò che ex legi è già sancito da una carta (straccia) costituzionale? L'amore è sentimento che non ha patria ne oggetto legale, non fa audience, né chi si innamora ha preferenze elettorali. Perché cinici e spietati governanti dovrebbero occuparsene?

    RispondiElimina
  6. E' curioso,oggi gli unici o quasi che vogliono convolare a giuste nozze sono gli omosessuali e le lesbiche,mentre la Curia romana si oppone a questo lecito desiderio invece di aprire le chiese e concedere la facoltà del matrimonio religioso.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  7. Il curioso è che le coppie eterosessuali al matrimonio preferiscono la convivenza, mentre le coppie omo vogliono il matrimonio. I diritti civili di un matrimonio si possono benissimo ottenere recandosi a un notaio qualsiasi.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  8. E' giusto che le coppie sessuali debbano essere riconosciute legalmente coppie. Non condivido il fatto che possano adottare figli e mettere su famiglia. Questa è la mia opinione...
    Buona serata Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca, la coppia non ha nessun diritto. Se per esempio muore il partner ricco l'eredità va ai suoi parenti e non alla convivente. E poi dovresti capire che la coppia convive proprio per sfuggire al diritto-dovere e per questo rifiuta il matrimonio civile.

      Elimina
  9. Il principio su cui si basa la sentenza è il diritto, a mio giudizio inalienabile, individuale di poter scegliere con chi condividere la propria vita basandosi sull'amore o sull'affetto, prerogative che sono anche delle coppie eterosessuali.
    La sentenza non va nel merito affettivo o dei motivi che spingono a tale unione che rimangono rigorosamente privati, quindi non oggetto di interpretazione da parte di terzi ( nemmeno della chiesa) ma mette in luce il fatto che il decidere di mettere in comunione le proprie vite deve essere oggetto di tutela dei diritti da parte di una società civile, accompagnato da un riconoscimento giuridico.
    Le motivazioni non sono poi differenti rispetto a una coppia uomo-donna, ci sono tutte le prerogative affinchè l'unione omosessuale sia assimilabile al normale matrimonio civile, dando così diritti a chi non li ha e, sottolineo, non togliendo nulla a nessun altro.
    La nuova legge in discussione in parlamento credo vada in questo senso e questa sentenza spero dia una accelerazione doverosa.

    Lorenzo

    RispondiElimina
  10. La Chiesa è quella che ancora non ha mosso un dito per accogliere gli immigrati nei suoi innumerevoli conventi semi deserti?
    Si, è quella.
    Ah allora vabbe'..

    RispondiElimina
  11. Lo sanno, lo sanno....di sanzione in sanzione...
    Ma lo sanno che abbiamo la Boldrini? Quando ho visto alla tele la faccia che ha fatto mentre lo diceva l'avrei strozzata.....

    RispondiElimina