Quanto pesa 'sta borsa oinè

Già in età antica erano presenti alcune figure che possono essere considerate precursori degli operatori di borsa contemporanei, quali il trapezita dell'antica Grecia, ossia un agente di cambio dell'epoca e un operatore di prestiti e il mensaurius, operatore di prestiti e di depositi.[1], così come l'Agorà, il Forum e la Curia Mercatorum si possono considerare i primi esempi di mercati borsistici, dato che racchiudevano varie attività definibili di tipo finanziario.


Il termine "Borsa" deriva dalle riunioni per determinare il valore delle merci che si tenevano nel XV secolo a Bruges, presso la casa dei mercanti Van der Burse, una famiglia veneta (il cui cognome era in origine "Della Borsa") trasferitasi in Olanda, e che si fregiava appunto di uno stemma costituito da tre borse. Le prime Borse sorsero in Belgio, ad Anversa nel 1531 e in Francia, a Lione nel 1548. Il cammino delle Borse fu quello di passare da una gestione privata ad una pubblica, fortemente regolamentata


Il crollo della borsa in Cina.La storia che agita davvero le borse non è la Grecia: il mercato finanziario cinese sta crollando da un mese, finora nessuno ha trovato soluzioni

 A preoccupare gli addetti ai lavori più del rischio di un'uscita della Greciadall'euro nei prossimi cinque giorni, pare essere il crollo verticale della Borsa cinese che in 12 mesi era cresciuta di oltre il 150% fino al picco del 12 giugno scorso: da allora ha perso quasi il 35%. Il tutto nonostante le misure adottate dalle autorità e la sospensione del 71% dei titoli quotati. Peggio, secondo un'analisi del Daily Telegraph, la Cina è il vero problema rispetto alla "pantomima greca: mentre gli occidentali si stanno concentrando sulla Grecia, una crisi finanziaria potenzialmente molto più significativa si sta sviluppando dall'altra parte del Mondo. Quella che alcuni stanno iniziando a chiamare il 1929 cinese", come la Grande depressione che travolse gli Stati Uniti.
Borsa di Francoforte
Borsa di  New York
Il TORO la fa da padrone






.
Seduta in rosso per le borse asiatiche. Quella di Shanghai, in caduta dal 12 giugno scorso, è scesa più del 30% in un mese, dopo una crescita vertiginosa nei dodici mesi precedenti. Il ministero delle finanze della Cina ha ordinato agli enti pubblici e alle istituzioni finanziarie controllate dallo stato di astenersi da vendite di azioni di società partecipate dallo stato.


Ci vorrebbe un congelamento della borse per un certo periodo, come accadde in Gran Bretagna :
Il Bubble Act è una storica legge inglese, approvata dal parlamento di Gran Bretagna dopo il crollo della borsa del 1720, avvenuta in seguito alle forti speculazioni sui titoli della South Sea Company.
Emesso nello stesso anno, il Bubble Act subordinava la creazione delle Società per Azioni esclusivamente al parlamento, impedendo in questo modo la formazione delle Bubbles, SpA minori, che venivano finanziate da risparmiatori sulla base di progetti spesso truffaldini e fantasiosi. Queste società entrarono anche nel mercato finanziario inglese, esercitando una forte concorrenza alla South Sea Co. e alle compagnie maggiori.
Nel crollo delle azioni South Sea Co. rimasero pesantemente coinvolti migliaia di risparmiatori tra i quali anche lo scienziato Isaac Newton che perse la somma, astronomica per l'epoca, di 20.000 sterline.
ALLORA OSEREI CHIAMARLI SPECULATORI!
Il Bubble Act fu abolito nel 1825 dal parlamento del Regno Unito e la costituzione di società a capitale azionario nuovamente ammessa dalla legge inglese.


E quando resteranno solo gli speculatori , la Borsa cosa diventerà? Una sorta di battaglia navale?.

E tutta 'sta gente diventerà come l'aristocrazia d'un tempo? interagiranno tra  loro  e si sposeranno tra di loro a scapito delle generazioni future?
Chiaro invito alla Borsa, a Milano.





7 commenti:

  1. Orso, orso... il toro è il simbolo dei conti in nero; quando vanno in rosso, è l'orso quello che la fa da padrone. Quanto all'economia cinese, prevedibile che prima o poi sarebbe andata a scatafascio: è cresciuta con un tasso TROPPO rapido negli ultimi tempi. Come mi diceva un direttore d'industria, una crescita sana si attesta intorno all'1% annuo; di più, vuol dire gonfiare un palloncino con un compressore. Vale per le industrie, ma anche per le economie nazionali.

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, questo post parla chiaro e quello che sta succedendo ancora nessuno sa come finirà
    Bello veramente il simbolo della borsa, non conoscevo tutte queste definizioni.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Penso di no: ogni mamma per bene e benpensante tien nell'utero bastoni da maresciallo: mai un art.18

    Ma il Maurizio Cattelan, lo sprovveduto imbelle all'inventato da prezzo di mercante e di mercato: esso, ti prego, no

    Saluto

    RispondiElimina
  4. Di "Borsa" so poco ma le,iriverenti, opere di Cattelan mi piacciono molto.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  5. La Borsa è un imbroglio per rubare i soldi dei piccoli risparmiatori.
    La Grecia è in una botta di ferro. Chi cerca di affossarla si fa del male senza saperlo.
    Ciao Cris.

    RispondiElimina
  6. Che le borse cinesi fossero un grosso bluff erano in molti gli análisti che profetavano una caduta, ma non un crollo verticale. Si è ripresa ma sospendendo il 70% dei titoli.Cose cinesi che si possono fare solo in Cina. Ma crollerà ancora e non sarà un male, visto che New York, Frankfurt, London, Paris e Milano non stanno aspettando altro.

    RispondiElimina