commenti?

όλοι μαζί TUTTI INSIEME. ALL TOGETHER. TODOS UNIDOS.TOUT LE MOND ENSEMBLE.

Tusk annuncia l'intesa sulla Grecia: scongiurato l'addio all'euro. Solo lo spirito del Dopoguerra potrà salvarci dalla crisi eterna

Non sono un econimista, ma questa considerazione mi sembra la più sensata tra tutte quelle che ho letto in questi giorni.


L'emergenza ellenica riguarda tutta l'economia, dai dati "macro" alle singole imprese. Ma l'ipocrisia tedesca e il rigore "copia e incolla" non servono: bisogna agire come la Germania post-1945. L'austerità non aiuta, come sapeva bene Keynes ( «Le idee degli economisti e dei filosofi della politica, sia quando son giuste che quando son sbagliate, sono più potenti di quanto si creda. In verità, son loro che governano il mondo. Gli uomini di azione, che si credono esenti da ogni influenza intellettuale, son di solito schiavi di qualche economista defunto. Pazzi al potere, che odono voci nell'aria, distillano le loro frenesie da scribacchini accademici di qualche anno fa…». Dure parole, queste di John Maynard   )però ai greci si chiedono tagli su tagli


12 conseguenze devastanti per la Grecia se tornasse alla dracma

1. Una rapida svalutazione della dracma rispetto alle altre valute
2. La svalutazione porterebbe ad un aumento dell'inflazione, ad un livello superiore o pari al 40%, provocando una diminuzione del potere d'acquisto della popolazione greca.
3. La fuga di capitali e l'impennata dei subprime rappresenterebbero un colpo di grazia per l'intero sistema finanziario greco, già indebolito, che potrebbe crollare e prosciugare le risorse economiche.
4. In una situazione simile, sarebbe inevitabile il congelamento dei salari e delle pensioni per un certo periodo di tempo, almeno fino al recupero parziale delle liquidità.
http://www.huffingtonpost.it/dimitriosgiokas/12-conseguenze-devastanti-grecia-dracma_b_7686362.html










4 commenti:

  1. È davvero disastrosa la prospettiva di vita di questo popolo...
    Vorrei tanto poter fare qualcosa, per ora mi limito a parlarne con la gente mettendo in risalto le loro difficoltà...
    Loro hanno bisogno di aiuti potenti, speriamo che ci sia qualcuno che li possa aiutare.
    Baci Cristiana.

    RispondiElimina
  2. L'austerità imposta alla Grecia aggraverà il problema. L'Europa sta umiliando questa nobile nazione.

    RispondiElimina
  3. in quanto greca mi sento di ringraziarti di questo post. dopo lo spettacolo penoso cui abbiamo assistito sgomenti negli ultimi giorni, pare si apra uno spiraglio ma non sappiamo a cosa porterà. vedremo.....

    irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto riguarda la cosiddetta "umiliazione" del popolo greco ad opera della Germania e di altre nazioni a lei compiacenti, mi va di rispondere che non è tollerabile che una nazione conservi privilegi da medioevo -leggi: età pensionistica che arriva a 55 anni; isole immuni da IVA perché danneggerebbe la parte più sostanziosa dell'economia greca, il turismo, ma in questo caso si tratta di concorrenza sleale alle isole e ai posti di villeggiatura italiani, croati, francesi, spagnoli e portoghesi; i moderni Onassis e Nyarkos che non pagano tasse- mentre il resto del mondo si massacra con gabelle e tasse.
      Per quel che ci riguarda e che riguarda il futuro dell'Unione europea se venisse a mancare la fiducia sull'irreversibilità dell'euro potremmo chiudere bottega. La Grecia deve pertanto rimanere nell'Unione e venir fuori con l'aiuto di tutti, ma soprattutto di se stessa e piantarla di piagnucolare alla greca sui maltrattamenti subiti dalle banche tedesche, che poi in fondo è solamente quel testone malefico di Schäuble che non capisce un accidenti. La Merkel aveva deciso da tempo di lanciare la ciambella di salvataggio e non ha osteggiato.
      Cari greci siete come noi e non più carini di noi. Datevi una regolata.

      Elimina