commenti?

IL SIERO DELLA VERITA'


“In un paese normale due stragisti non avrebbero già scontato la loro pena”. Parole, dure, pesantissime, all’indirizzo di Francesca Mambro e Giusva Fioravanti, condannati come esecutori della strage (oltre che per una lunga serie di fatti di sangue) ma ormai a piede libero. Le pronuncia con il consueto ardore Paolo Bolognesi, parlamentare del Pd e
presidente dell’Associazione famigliari delle vittime, durante il suo discorso nel piazzale antistante la stazione di Bologna

La libertà condizionale si concede con determinati requisiti, e nel caso di Mambro e Fioravanti si è accertato che c'erano. Per il Tribunale di sorveglianza di Roma, per entrambi "l'esistenza di un sicuro ravvedimento" rispetto ai crimini commessi "venne dedotta 'sulla base degli esiti della lunga osservazione della rispettiva personalità, attestati nelle relazioni degli operatori, in cui si evidenziavano l'avvenuta maturazione di un genuino processo di rielaborazione critica delle scelte criminali del passato e il definitivo ripudio dei disvalori ad esse sottese, accompagnato da angoscioso senso di colpa per le vittime".

Francesca Mambro

Nei vari processi che seguirono, dopo la sua cattura, venne accusata complessivamente di 96 omicidi (comprese le 85 persone morte per la Strage di Bologna) .
Venne quindi condannata complessivamente a nove ergastoli, 84 anni e 8 mesi di reclusione. ???

Dopo i processi e le condanne scontò, complessivamente, 16 anni di reclusione in carcere. Nel 1998 venne ammessa al regime di semi-libertà commutata, poi, nel 2002, in detenzione domiciliare speciale.
Il 16 settembre del 2008, il tribunale di sorveglianza di Roma, le ha concesso la libertà condizionale .
Giusva Fioravanti
Dopo sei sentenze della Corte d'Assise d'Appello venne condannato, complessivamente, a 8 ergastoli, 134 anni e 8 mesi di reclusione. ???
Dopo 18 anni di continuata detenzione, nel luglio del 1999, fruisce del regime di semilibertà per il lavoro esterno, presso l'associazione Nessuno tocchi Caino.


Conclusione : le decine di vittime, e non solo quelle della strage di Bologna, di questi due individui non hanno avuto scampo, loro sì,grazie ad " UN ANGOSCIOSO SENSO DI COLPA" ACCERTATO dal
"LIE DETECTOR,IL RIVELATORE SCIENTIFICO DELLE BUGIE"









15 commenti:

  1. L'Italia non è un paese normale e per questo accade di tutto.
    Ciao Cris.

    RispondiElimina
  2. in qualunque altro paese questi signori starebbero scontando l'ergastolo, in America sarebbero stati condannati alla pena capitale: la morte

    RispondiElimina
  3. Essi essendo solo dei disgraziati epigoni protagonisti minori lanzichennecchi, io penso che regalare perdono sia una pura arroganza vanitosa e bugiarda e che serva per di più a chi lo concede: umilierebbe quei pochi di coloro siano seri assassini che mai lo chiederebbero, tanto per navigare di un assurdo
    E la pista è complessa, proibita, sempre fresca: vien tanto da lontano e, al momento, essi si sono all'opera, vanno di doppia lena al seminare; hanno, i maestri, così tanto da fare e sulla porta c'è scritto genius at work do not disturb

    RispondiElimina
  4. Da un lato si deve considerare lo scopo della detenzione che dovrebbe essere sia punitivo che riabilitativo. Se quindi i segni di una riabilitazione ci sono e sono certi allora non devono essere non presi in considerazione. Dall'altro lato ci sono i morti e le decine di innocenti mancanti alle loro famiglie che gridano giustizia ed hanno tutte le ragioni di farlo. Come districarsi allora in questo ginepraio antitetico? Non so, ma spesso la via di mezzo è sempre la soluzione migliore.

    RispondiElimina
  5. Questo è il terzo tentativo. Scusa se non sono venuto prima a trovarti ma, dopo un'operazione ai primi di giugno e conseguenti cure, ho anche avuto un problema di connessione con i nuovi follower. Ho risolto l cosa temporaneamente e deve venire un mio amico per risolvere del tutto. Ti prometto che cercherò di contattarti ancora. Per quanto riguarda il tuo post sono d'accordo sul fatto che i due avrebbero dovuto passare tutta la vita in prigione, ma se hanno scontato la pena comminata a suo tempo, oppure prima per buona condotta, ritengo abbiano il diritto di diventare liberi, pur considerando il dolore di chi è stato colpito direttamente od indirettamente a suo tempo. Penso che nessuno di noi possa andare contro la legge altrimenti si tornerebbe al Far West.
    Buona serata domenicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elio, benvenuto.
      Tu , come " UOMO" avete ragione a considerare quella della legge la via migliore, ma in questo caso, penso che le varie giurie che hanno vagliato quando la Mambro e il Fioravanti avrebbero potuto godere della libertà condizionata prima e di quella definitiva in seguito, avrebbero dovuto pretendere che loro dicessero i nomi dei mandanti .

      Elimina
  6. Paese normale è quello che commina un ergastolo e lo fa scontare. Che senso ha dare 8-10 ergastoli, più 134 anni e gli otto mesi cosa sono? Una volta sentivo dire che più ergastoli si danno per non farli mai più uscire di prigione. Ma così non hanno senso.
    Meglio allora abolire l'ergastolo e stabilire che un colpevole di omicidio venga condannato a 30 anni massimo, ma se li deve fre tutti in galera, e che iano trenta anni per un morto come per 82 lascio ai giuristi la parola.
    A quelli però che invocano la pena di morte dico che mi fanno pena: perché sono nati con tre o quattro secoli di ritardo, quando il condannato veniva squartato da quattro robusti cavalli che tiravano corde fissate ai polsi e alle caviglie. Poverini, che spettacoli si sono persi nascendo tanti secoli in ritardo.

    RispondiElimina
  7. Ladri assassini corrotti stragisti e bancarottieri,sono sempre contriti e pentiti (La Vispa Teresa docet) quando vengono scoperti.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  8. ciao Cristiana, ricevuto il tuo messaggio... ho cercato di inviarti email ma mi ritorna come sbagliata
    nel caso controlla :)
    in ogni caso è tutto a posto
    a presto :)

    RispondiElimina
  9. Cara Cristiana ,
    mi premuro ad inviarti un commento qui , anche se , a questo Post , che tu hai esaurientemente redatto , non mi pare ci sia molto d'aggiungere ...
    Vedi , Cara Amica , spesso si pubblica per divulgare , ben sapendo che poco importante ricevere un feed-back .
    Nel caso del Blog che gestico io , avviene che lá appaia una serie di messaggi , che forse intimidiscono chi li legge , o non richiedono ulteriori elaborazioni .
    Io - come te - preferirei che suscitassero un dibattito , che costruissero un'atmosfera produttiva e coinvolgente .
    Ma mi devo arrendere che , sulla Terra , veniamo per donarci , senza attenderci alcuna ricompensa o riconoscimento .
    Continuo quindi a pubblicare quanto mi pare valido , anche se non genera la risposta e partecipazione auspicata .
    Nel tuo caso , é un po' differente , perché tu riesci a coinvolgere chi passa di qui , con argomenti e provocazioni molto efficaci .
    Forse abbiamo un compito diverso .....
    Ad ogni modo , d'ora in poi , conta sulla mia lettura attiva , OK ?

    BAACIO !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero peccato che non ti seguano come meriteresti, visti gli argomenti coinvolgenti che proponi.
      Forse qualcuno si scoraggia quando legge l'avviso a volere entrare nel blog,oppure a rinunciare.
      Cercherò di darti un po' di visibilità anche se anche io possiedo un piccolo seguito.
      Grazie del commento e a presto.
      Cristiana

      Elimina
  10. In fuori sacco — io albero e le gambe —, volentieri mi sdraio sopra a quei gran cespugli di lavanda

    RispondiElimina
  11. La morale cattolica, basata sull'ipocrisia della confessione che cancella la responsabilità, permette e favorisce la quasi-impunità di questi terroristi neri che sicuramente godono di alte benevolenze fasciste. Un atto rivoltante come quello della strage di Bologna non permette pietismi pelosi.
    Cesare

    RispondiElimina
  12. Aggiungo che tutti i pietosi dovrebbero vedere le lesioni da scoppio. Mambro e Fioravanti dovrebbero vederle tutti i giorni per tutta la vita. Chi è capace di mettere una bomba in mezzo a una folla si chiama fuori dalla comunità umana.
    Cesare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che trovo altrettanto disgustoso è che dietro a Mambro-Fioravanti ci fossero senza dubbio i servizi segreti che appartengono sempre alla destra.

      Elimina