Post dedicato all'On Carlo Giovanardi

A Carlo Giovanardi  il prototipo degli omofobi

Monza, studente espulso dalla classe perché gay. La madre: "Omofobia". Il preside: "Nessuna discriminazione, seguiamo i dettami della Chiesa"

Espulso dalla classe e costretto a seguire le lezioni dal corridoio perché è gay. E' la brutta esperienza subita da un giovane brianzolo che frequenta l'Istituto cattolico professionale Ecfop di Monza. “influenza negativamente gli altri ragazzini e vanno protetti gli altri bambini”.


L'omofobia? E' una malattia da curare

http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/09/22/news/l-omofobia-e-una-malattia-da-curare-1.230804

Uno studio coordinato di tre università (Firenze, L'Aquila e Roma) e pubblicato su "The Journal of Sexual Medicine" mostra che gli atteggiamenti omofobi sono favoriti da tratti psicotici e da generali atteggiamenti di rabbia e ostilità. E' l'omofobo dunque, e non l'omosessuale, la persona affetta da patalogia

NON COSI', SENZA DUBBIO
http://www.retenear.it/rivista/gli-omofobi-sono-un-problema-sociale-ma-si-possono-curare/

GLI OMOFOBI SONO UN PROBLEMA SOCIALE. MA SI POSSONO CURARE
Quindi, per riassumere, diremo che l’omofobia scaturisce da tutti quei messaggi negativi nei confronti degli omosessuali, frutto dell’educazione che abbiamo ricevuto, che dipendono ovviamente non solo dalla nostra singola famiglia, ma anche dal posto antropologico in cui siamo nati e cresciuti e dalle principali istituzioni della nostra società, quali la scuola, lo Stato e la Chiesa.
«Naturalmente questo non vuol dire che gli omofobi siano tutti psicopatici» precisa il Dr. Janninide   ma per  chi soffre di «Incertezza, paura, e soprattutto debolezza, sono fattori di rischio che rendono assai più sensibili ai messaggi omofobi che possono venire dalla società, dalla famiglia, dalla scuola, dalla battuta estemporanea in classe alle pressioni sistematiche di certe predicazioni religiose».Per la prima volta è finalmente prevista nella riforma scolastica,  la Buona Scuola, un richiamo importante alla tolleranza e al rispetto della differenza, e si mette in evidenza una serie di comportamenti che vanno respinti, inclusa l’omofobia. 

Indubbiamente, non è facile liberarsi di pregiudizi e preconcetti; cercare di essere del tutto neutrali può portare a una sorta di isolamento sociale,  se non a una specie di menefreghismo. Significherebbe  non farsi opinioni personali mentre, al contrario,  le opinioni personali permettono lo svilupparsi dei caratteri e delle personalità.  Il  "TRUCCO" sta nel non pretendere di soffocare le opinioni  altrui , ma senza rinunciare ad una bella discussione, più o meno accalorata.  Mi viene in mente mia nonna, che in dialetto  bolognese,  diceva " A un passo dal mio cxxo salti chi
vuole", saggezza popolare, anche se un po' drastica. 


17 commenti:

  1. Gli omofobi sono dei tarati mentali, debgli stronzi, non dei malati, le malattie sono altro.
    Non poteva che succedere in un istituto religioso "paritetico", che ci spieghino il vero significato di paritetico, a loro giudizio. Lì dentro non è fortunatamente come nei seminari dove sono tutti maschietti e i più forti mettono il pisello dove vogliono mentre i più deboli debbono mettersi a pancia sotto...
    Tua nonna diceva "a un passo dal mio culo -io parlo chiaro- salti chi vuole". Mi hai ricordato mio nonno paterno, che diceva "a un palmo dalla panzetta mia nun me ne frega gnente de quello che succede".
    Siamo lì: a chi davanti a chi didietro.

    RispondiElimina
  2. Certi atteggiamenti purtroppo non cambiano.

    RispondiElimina
  3. La verità è che non si riesce nemmeno a discutere con gli omofobi. Non ti ascoltano.
    Perché "Mannaggia"? Non ti piace l'inverno? Il tempo passa troppo in fretta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detesto l'inverno, durante il quale non vedo l'ora che arrivi marzo.
      Così non mi trovo mai in sintonia col tempo reale : o non vedo l'ora che passi,
      o vorrei che non passasse e invece fugge.

      Elimina
  4. L'omofobia è una brutta malattia, ne ho parlato molto nel mio blog... mi auguro vivamente di non trovarmi mai di fronte ad una situazione simile, sennò viene fuori la bestia che è in me e non risponderò più delle mie azioni.

    Ispy

    RispondiElimina
  5. Mi viene da pensare quanto siano fortunati gli omofobi... hanno un sacco di tempo in più giacché blaterano dei gusti altrui, li mettono alla gogna, li seguono (guardoni) passo passo, trasformano vicende personali in berline, malattie e fantasticano di principi. MI capitasse a me tutto sto tempo saprei come usarlo ben meglio: a non far nulla che mi riesce anche bene e non offendo nessuno! Così faccio come disse quello più importante di me, che l'infelicità degli uomini nasce dal non sapersene stare in una stanza da solo senza far nulla. Ma è anche possibile che di tempo ne abbiano come gli atri, e forse è solo che non hanno meglio da fare e così blaterano dei gusti altrui, li mettono alla gogna, li seguono (guardoni) passo passo, trasformano vicende personali in berline, malattie e fantasticano di principi... Poveri loro, in entrambi i casi però!

    RispondiElimina
  6. Il Preside segue i dettami dell'idiozia.
    Ciao Cris.

    RispondiElimina
  7. Mi auguro solo di non trovarmi di fronte ad un episodio del genere, altrimenti verrebbe fuori la bestia che è in me e non risponderei più delle mie azioni.

    Ispy

    RispondiElimina
  8. E pensare che dovrebbe essere proprio la scuola, dopo la famiglia, ad insegnare il rispetto per l'altro... <3

    RispondiElimina
  9. il preside della scuola di Monza a seguito della denuncia dei genitori ha presentato al giudice delle foto scattate mentre detto ragazzo
    faceva sesso orale. La verità, quella vera e non di parte, verrà sicuramente fuori dal dibattimento processuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora doveva sospenderlo da scuola, non limitarsi a mandarlo fuori dalla classe.
      Io la vedo così.
      Ciao

      Elimina
    2. Giustissimo Cri. Sospensione immediata. Qui la cosa puzza.

      Elimina
  10. Giovanardi è un essere che non merita menzione e nelle scuole "Cattoliche" (l'insegnamento deve essere rigorosamente laico)succede questo e anche di peggio.L'omofobo non bisogna condannarlo ma isolarlo,mentre nel nostro paese molti italioti lo votano.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  11. La scuola dopo la famiglia dovrebbe essere l'istituzione che insegna il rispetto verso l'altro. Purtroppo bisogna constatare che non è così. Abbraccio
    PS mandata email

    RispondiElimina
  12. OTTOBRE,MANNAGGIA = ottobre male ne abbia. Ma che ti ha fatto sto mese?

    RispondiElimina
  13. "nessuna discriminazione, seguiamo i dettami della chiesa"

    Cazzo, sembra una battuta di Luttazzi.

    RispondiElimina
  14. una società civile che ha perso completamente la bussola...

    RispondiElimina