commenti?

Quando un gesto cambia la società



http://www.repubblica.it/cultura/2015/12/01/news/lotta_alla_discriminazione_razziale_nascosta_l_italia_ricorda_rosa_parks-128545520/

Sono passati 60 anni dal primo dicembre 1955, quando su un autobus dell'Alabama una donna, Rosa Parks, si rifiutò di alzarsi dal posto riservato ai bianchi e per questo venne denunciata e arrestata. Quel gesto, immortalato in una fotografia che è divenuta celebre, ha cambiato la storia dei diritti civili. "Non potevo immaginare che in quel momento si stesse facendo la Storia, ero solo stanca di arrendermi sempre", disse Rosa Parks. Da quel giorno sono stati compiuti molti progressi, come l'elezione del primo presidente di colore negli Stati Uniti. Per ricordare Rosa Parks, il ministero dei Beni culturali ha lanciato l'iniziativa #AlPostoGiusto. Tra il primo e il 6 dicembre molte città italiane saranno attraversate da autobus e tram dedicati che sul display avranno ben visibile la scritta "60 Rosa Parks". Alcuni di questi ospiteranno al loro interno artisti, attori, scrittori stranieri, migranti di prima o di seconda generazione che parleranno di discriminazione e racconteranno ai passeggeri la figura di una donna che, grazie al suo rifiuto, è divenuta la figura-simbolo del movimento per i diritti civili.

Son già passati 60 anni, o piuttosto si dovrebbe dire sono  appena passati 60 anni, da quel giorno in cui una donna ha avuto l'ardire di dire basta a soprusi e discriminazioni che duravano da secoli? Io scelgo appena :   l'importanza di quel gesto l'avevano capita  in pochi ed ora mi sembra che ci troviamo in un'impasse che rallenterà ogni  tipo di comprensione reciproca. Mi pare di udire  I vari Salvini  rinnegare quel gesto che ha scombussolato le gerarchie del mondo , quel gesto di ribellione cha ha dato la stura  a tanti movimenti inneggianti al diritto del libero arbitrio  nell'ambito delle scelte personali, quelle scelte etico-morali che non ledono la libertà degli altri

12 commenti:

  1. E' vero. Quando i tempi sono maturi, un gesto può davvero travolgere usi e comportamenti e mentalità che si trascinavano da un tempo infinito.

    RispondiElimina
  2. Un bel gesto da ricordare ...anzi, da non dimenticare mai!

    RispondiElimina
  3. Penso che terroni polentoni e vucumprà abbiano da festeggiare per tre.
    (C.)

    RispondiElimina
  4. Un gesto che rappresenta un atto di coraggio.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  5. 60 anni dall'emancipazione della donna dal medio evo degli Stati Uniti. Dilla così che sta meglio. È di ieri sera la notizia di una strage fatta da elementi "forse" di una destra estremista americana in un istituto di disabili. Scelto per significare che certa gente, i disabili, non ha dirito di vita, tipico concetto nazista. Ma questo è niente. I repubblicani, quelli che sono i lacchè della Lobby dei costruttori di armi, ha alzato il tiro: non solo non abolire la vendita delle armi, ma aumentarla. Insomma se tutti quelli che si erano radunati in quell'Istituto avessero avuto una pistola o meglio un Kalaschinkov si sarebbero potuti difendere. Insomma loro vorrebbero tornare al Far West e alle sue leggi barbare. Si va ad un funerale col Kalaschinkov, si va ad un battesimo con la 750 Magnum, si va ad un matrimonio con la Winchester 7,5. Ecco, questo vorrebbero quelli che si considerano i depositari della civiltà di questo mondo. Dimenticano che nel '600 venivano mandati a popolar le Americhe i galeotti e le puttane. Questi sono i loro capostipiti. Memento.

    RispondiElimina
  6. Come vedi ho sorvolato su Salvini. Inutile parlare di un furbacchione che cavalca la tigre della paura. Salvini è contro l'integrazione degli italiani del Sud con queli del suo Nord. Come lo commenti uno così? Te l'immagini sta nazione domani o dopodomani, quando ci saremo liberati da questo cialtrone toscano che fa il paino con le mani in tasca e parla inglese come e peggio di come lo parlerebbe Lilla, e francese come lo possono parlare le checche, te l'immagini in quali mani potremmo cadere? O in quelle di quel saltimbanco di Grillo o in quelle di questo pseudo-fascista di Salvini.
    Auguri!

    RispondiElimina
  7. Il modo migliore per combattere i vari fanatismi è proprio quello di continuare a ricordare il passato e la Storia.

    RispondiElimina
  8. Ciao Cristiana, so che sei di Bologna sai se ci sono autobus con artisti anche nella nostra città?
    Del gesto di Rosa Parks fu informato Martin Luther King, ne seguirono manifestazioni pacifiche.

    RispondiElimina
  9. Non sono di Bologna, sono nata a Genova, maturata a Milano, vivo a Como.
    Forse hai letto qualcosa che riguardava mia madre o mia nonna, che erano di Bologna.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. La storia in fondo è un susseguirsi di gesti che hanno scatenato degli eventi: e bisogna sempre averne memoria: teniamo stretto il passato per non dimenticare di andare verso il futuro.
    Bel post il tuo, Cristiana!

    RispondiElimina
  11. Ciao Cristiana!
    Mi piace tanto questo tuo post. Ricordare le persone coraggiose e interiormente libere mi fa bene, soprattutto nel caso di questa donna che ha dato una svolta nella lotta per i diritti civili.
    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina