UNA RISATINA NERVOSA


                                        Trentatre' colpi per uccidere Nicholas. Bufera sulla polizia di LA - AGI - Agenzia Giornalistica ItaliaLos Angeles - Nuove polemiche negli Stati Uniti dopo l'uccisione, da parte di due poliziotti, di un afroamericano di 28 anni, Nicholas Robertson, a Lynwood, nella contea di Los Angeles.

 Un filmato fra tanti 

  1. Tragedia in Lousiana. Un bambino di 6 anni, bianco, affetto da autismo, è rimasto ucciso dai colpi di pistola esplosi dagli agenti contro l'auto nella quale viaggiava con il padre, rimasto gravemente ferito.  Il piccolo è stato raggiunto da più colpi alla testa e al corpo, morendo sul colpo.

    Jeremy McDole, 28 anni, è stato ucciso nello stato del Delaware: avrebbe ignorato l'ordine di alzare le mani


    1. Non era mia intenzione mostrare il filmato del bambino e non riesco a toglierlo. Scusate.















7 commenti:

  1. Troppe armi che ammazzano.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  2. L'aspetto più drammatico è proprio l'escalation di questa violenza autorizzata.

    RispondiElimina
  3. Cara Cristiana, io provo sempre disgusto quando vedo certe scene della polizia americana, naturalmente non bisogna fare di tutta l'erba un fascio ma troppi casi si vedono.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Non credo che c'entri il pene (forse!). In USA c'è un'altra cultura, molti girano armati (anche con i mitra) e la polizia ha protocolli di ingaggio che mantengano una certa superiorità sulla gente comune. I poliziotti vogliono anche salvare la propria pelle, e scoraggiare le insubordinazioni. Non si può approvare ma nemmeno giudicare sommariamente. Forse per capire possono servire i vecchi film western! (C.)

    RispondiElimina
  5. Ho sempre avuto il sospetto che in USA vengono arruolati nelle varie polizie di Stato dei criminali. Se quella americana è la migliore democrazia del mondo viva le dittature rosse o nere.

    RispondiElimina
  6. Obama ha cercato invano di fare una legge sul porto d'armi per il fatto che la lobby relativa è molto potente. Per un certo tempo ne è stato il presidente l'attore Charlton Heston. Oggi anche i minori possono entrare in una armeria perché i negozianti guardano solo i dollari che hanno in mano e non chiedono la carta d'identità. Malgrado tutte le domande di modifica alla legge, credo che i delinquenti ed i poliziotti avranno ancora lunghi anni di interventi armati.
    Approfitto per inviarti i miei auguri di buon Natale e felice anno nuovo.

    RispondiElimina
  7. La violenza contro gli ultimi parte dallo smantellamento dello stato sociale e finisce con lo sparargli addosso come consuetudine diffusa e consolidata lì dove il primo passo è ormai una realtà cristallizzata! Tanto gli ultimi non hanno voce in capitolo, non ne hanno mai avuta.

    RispondiElimina