commenti?

il TRIONFO DELLE LOLITE

Marilyn nelle pagine centrali senza veli
Marilyn in copertina


Poi i nudi meno artistici

Playboy, in copertina il selfie di una giovane modella inaugura la nuova linea: niente nudo per attrarre i millennials

Questa in copertina

Ma chi vogliono prendere in giro? Questa è la vittoria dei maniaci  che prediligono le minorenni , come il marito di Alessandra Mussolini,   dei pedofili e dei magnaccia.

                                                                       
QUESTA NELLE PAGINE INTERNE


               








                                            

12 commenti:

  1. Da non credere ma non ho mai fatto pazzie per Playboy. Non mi piace la vagina sventolata come il tricolore, e poi mi ha sempre dato l'impressione che i soliti guardoni stiano davanti a quelle foto con la bava alla bocca.
    Levano il nudo integrale su Playboy? E che resta? Come rivista di cultura è uguale a zero. Qui c'è un giornale a grandissima tiratura (cinque milioni di copie vendute al giorno), la "BILD", che metteva sempre in prima pagina una gnocca imperiale totalmente svestita. Un anno fa il direttore scrisse un trafiletto annunciando che non ci sarebbe più stata una donnina nuda in prima pagina. La mettono in terza! Un modo come un altro per coprire. I bambini non aprono il giornale, dicono. Che presa per il culo!

    RispondiElimina
  2. Con tutto il nudo e il porno reperibile ovunque in rete,tutte le realtà cartacee sono estremamente in difficoltà,hanno deciso di inserire pose provocanti e molto giovani.

    E forse avranno ancora futuro nelle vendite,questo ormai è il lurido mercato,l'accenno al consorte della cornutona calza a pennello.

    Saluti

    RispondiElimina
  3. essere consapevolmente suonata non è semplice... valeria tu non sei andata vicino ci sei proprio. e peggiori. il tuo faccione non ha più volto, è solo un orribile ghigno. sei quello che rifletti.
    ps tranquilla io e il micio continueremo a comunicare...come facciamo da un po'....e da vicino. o dove siamo noi tu non puoi vedere ihi ih ih 
    rimbambita.

    RispondiElimina
  4. Cara Cristiana, io non sono mai stato uno che mi abbiia interessato a questo giornale lo trovo troppo vanitoso...
    Ciao e buon fine settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Sinceramente mi sembra la solita ipocrisia politically correct. Non è certo così che si aiuta la parità uomo-donna.

    RispondiElimina
  6. Mai comprate o lette queste pubblicazioni.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  7. Io l'avrò comprato appena qualche volta da giovane, faceva scena! Le foto le trovavo molto ben fatte e mai volgari.

    RispondiElimina
  8. E' un fenomeno da non sottovalutare. Ci sono moltissime minorenni ormai che si prostituiscono per comperare una stupidaggine qualunque e i genitori in genere manco lo sanno. Ma queste, i genitori devono pur vederle pubblicate su quella rivista. Ma non intervengono, parrebbe.

    RispondiElimina
  9. Foto porno o artistiche la sostanza non cambia: ad essere mercificato è sempre il corpo delle donne...e più sono giovani e più vendono.
    Cartaceo o digitale, il nudo femminile fa sempre vendere.
    Un bacio ed un abbraccio, Cri <3

    RispondiElimina
  10. Questa mattina voglio dire la verità: anche io ho perso la testa per una ragazzina di 14 anni. Ho fatto cose 'e pazz, di tutti i colori. Mi sono messo contro tutto e tutti, la mia famiglia innanzitutto, ma non me ne fregava niente di niente, e sapevo che sarebbe scoppiato uno scandalo perché la sua famiglia era conosciutissima. Il fatto era che anche lei aveva perso la testa per me e questo complicava il tutto.
    Finché intervenne il padre di lei e la mandò a vivere in un'altra città, lontana da me più di cinquecento chilometri e io non avevo auto, né moto, né mezzi economici.
    Dimenticavo un particolare: era il 1950 e io avevo sedici anni.
    Sorry.

    RispondiElimina
  11. La dignità umana è diventata un valore trascurato.

    RispondiElimina