commenti?

Lassismo, altro che democrazia

Norvegia, Breivik vince causa contro Stato: violati i suoi diritti umani durante la detenzione

                                         Anders Behring Breivik (ansa)
La Corte distrettuale di Oslo non ha ritenuto violato il diritto alla vita privata e familiare del detenuto. Ma ha condannato lo Stato soprattutto per i cinque anni di isolamento a cui è stato sottoposto. Breivik sarà risarcito delle spese legali sostenute: 331mila corone
"violati i suoi diritti umani "                   
Ma questo individuo non è umano, è un mostro e questa democrazia lassista mi fa schifo
                                                          

14 commenti:

  1. L'isolamento è una vendetta di cattiveria inaudita. E' comportarsi come il carnefice.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  2. No, Cris. Prima bisogna SEMPRE rispettare i diritti di tutti, anche dei mostri pluriomicidi se si vuol essere credibili quando li si condanna. Cinque anni di isolamento a chi hanno giovato? Solo al desiderio di vendetta -giustificabile e comprensibile- dei parenti delle vittime. Ma lo stato non deve lasciarsi trascinare in questa china. Parlo anche e soprattutto per la carcerazione preventiva antecedente alla prima sentenza, che da noi può durare anni. È uno strumento di tortura niente affatto civile.
    Chi sbaglia paga, Ci sono i tribunali per decidere chi deve pagare e le leggi che stabiliscono il prezzo di ogni delitto. Oltre da parte dello Stato sarebbe mettersi sullo stesso piano del delinquente condannato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho passato anni a "cacciarmela" per Caino, ma l'escalation di violenza di questi ultimi anni mi ha accostata decisamente ad Abele.
      Non mi sento carnefice ad applicare pene severe a gente cui un carcere rieducativo farebbe un baffo.
      Accontentiamo allora Rijna e compagnia e togliamo loro il 41bis, poverini.
      Io

      Elimina
    2. Cris, non te la prendere se non sono d'accordo con te, in fondo anche io amo i cani e le donne intelligenti. Caino...Abele...la Bibbia è un librone e tu hi voglia a trovarne.
      In linea di massima gente che ha sulla coscienza non soltanto centinaia di eclatanti ed abominevoli omicidi dovrebbe rimanere in carcere "fine pena: mai". Li privi della libertà, ma non puoi e non devi privarli della dignità, perché tu sei LO STATO e loro i delinquenti che non hanno riconosciuto alcuna dignità alle loro vittime. Proprio per questo il 41 bis è uno schifo. Perché non è rieducativo affatto, ma è solo un mezzo coercitivo prima, per costringere i più deboli ad appecoronarsi ed a farsi delatori dei loro complici (quindi un mezzo di tortura, bandita da tutti i paesi civili), poi un mezzo con cui la cosiddetta società civile si vendica delle ferite che le sono state inferte. E dove sta la presupposta superiorità morale di detta società civile? Se ha bisogno di infliggere torture per ottenere acquiescienza e se poi deve vendicarsi tutto è meno che civile, ma...e qui arriva il grande MA...è simile a coloro che condanna e umilia col 41 bis.
      Io

      Elimina
    3. Non me la prendo, perchè dovrei.
      Permettimi però di scompisciarmi, sbellicarmi, sganasciarmi quando mi fai notare che il 41bis non può rieducare gente che ha commesso stragi ucciso 26 magistrati
      1Agostino Pianta
      2 Pietro Scaglione
      3 Francesco Ferlaino
      4 Francesco Coco
      5 Vittorio Occorso
      6 Riccardo Palma
      7 Girolamo Tartaglione
      8 Fedele Calvosa
      9 Emilio Alessandrini
      10 Cesare Terranova
      11 Nicola Giacumbi
      12 Girolamo Minervini
      13 Guido Galli
      14 Mario Amato
      15 Gaetano Costa
      16 Gian Giacomo Ciaccio-Montalto
      17 Bruno Caccia
      18 Rocco Chinnici
      19 Alberto Giacomelli
      20 Antonino Saetta
      21 Rosario Angelo Livatino
      22 Antonio Scopelliti
      23 Giovanni Falcone
      24 Francesca Morvillo
      25 Paolo Borsellino
      26 Luigi Daga,
      sciolto gente nell'acido, murato gente nei piloni delle autostrade, ricattato e terrorizzato povera gente, un'organizzazione i cui introiti della droga, ha permesso loro di indebolire l'Italia con una metastasi incurabile di malaffare.
      Allora ok, facciamoli passeggiare liberi nei cortili delle carceri e facilitiamoli nel dirigere i loro affari.L'unica morale che conoscono è quella di tramandarsi la ferocia convinti, oltrettutto,di essere protetti da dio e dalla madonna.
      Sarebbe questa la dignità dello Stato? Piegarsi al ricatto della mafia e calare le brache sul 41bis?
      Ma voi che parlate di rieducazione carceraria e di porgere l'altra guancia, ci siete o ci fate?

      Elimina
    4. Ci sono e ci faccio, Cris.
      Il tuo ragionamento è viscerale, emotivo. Tu dici in modo inequivocabilmente chiaro come due più due fa quattro che: chi ha ammazzato tutti quei magistrati, sciolto gente nell'acido, murato gente nei piloni...e qui mi fermo perché se ci metti pure il resto dovresti eliminare tutti gli articoli lasciando solo il 41 bis perché in Italia delinquere è l'hobby nazionale e lo spaccio di droghe e gli intrallazzi sono all'ordine del giorno, costoro quindi meritano SOLO il trattamento del 41 bis.
      Ma dove va a finire il sacrosanto principio sancito dalla nostra Costituzione della funzione rieducativa del carcere? Anche se non ne uscissero mai più (C'è infatti gente che di ergastoli ne ha sette) vantarsi di avere cambiato il cervello di certa gente sarebbe già importante. Io cara Cris credo nell'uomo e nelle sue valenze. Questo pianeta marcio si salverà ancora proprio per le valenze dell'uomo, per la sua capacità di adattamento anche alla ferocia di certa delinquenza organizzata. Io ci credo senza se e senza ma, carissima Cris. E adesso pulisciti gli occhiali perche sono appannati: lo so che ti ho commossa....:)))

      Elimina
    5. Tutto è PERFETTIBILE, anche la Costituzione.

      Elimina
  3. Sinceramente per me le vere vittime sono le persone ammazzate da Breivik, non certo Breivik stesso.

    RispondiElimina
  4. "Nessuno tocchi Caino" è lo slogan più fallimentare della storia. Spiacente; secondo me uno che si permette di togliere la vita (il diritto fondamentale) a una settantina di persone non è più umano. Ma toglietelo pure dall'isolamento: lasciatelo in mano agli altri carcerati!

    RispondiElimina
  5. Facciamo un conto
    21 anni per 77 innocenti uccisi a sangue freddo... circa 3 mesi a vittima... gli è andata anche bene al criminale Breivnik
    Aggiungo che non è una celletta 2metriX2 (in Cina le celle sono così), ma un mini appartamento di 3 stanze, compresa una piccola palestra
    E si lamenta pure!!!!!

    RispondiElimina
  6. Sono in accordo con te e aggiungo lo lascino pure in compagnia degli altri detenuti cosi forse qualcuno lo uccide.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  7. Bisogna distinguere tra quello che noi riteniamo appropriato e quello che le leggi locali prevedono. Ho assistito in diretta TV alla strage. Agghiacciante. Mi pare evidente la follia lucida (paranoia) dell'assassino, anche se ora anche lui fa quello che gli suggerisce l'avvocato, presumibilmente.
    In questo caso forse sarebbe importante riuscire ad ottenere un pentimento reale (se possibile). L'isolamento non mi sembra una punizione utile in questo caso mentre per un mafioso si tratta di impedire i contatti criminali.
    (cesare)

    RispondiElimina
  8. Credo che si sia sostituito il rigore con il buonismo nella coscienza degli italiani.

    RispondiElimina