commenti?

Questo killer nazista non lo sopporto

http://ilgrandemarziano.blogspot.it/                                          



                                                               Ho letto questo interessante post di " Il grande marziano" che molti di voi conosceranno; il post si conclude  così  :  Forse dunque penserete che la legge norvegese è risibile, che è un paese di cartapesta, che non sono abituati ad avere a che fare con questioni del genere. Può darsi. E se invece questa sentenza che toglie Breivik dall'isolamento fosse solo un segno di maggiore civiltà? Sempre, beninteso, che il soggetto in questione trovi qualcuno in prigione che abbia voglia stare con lui.

Non penso affatto che la legge norvegese sia risibile, credo piuttosto che molto dipenda dall'educazione nordica contrapposta a quella latina, un'educazione , la nostra,  che ci rende più emotivi  mentre i nordici tendono a essere più razionali ; ne consegue che le nostre reazioni attingono a sentimenti più 'animaleschi' , mentre i nordici sono più controllati e ponderati. Logico che l'etica possa prendere direzioni diverse, reciprocamente incomprensibili, a volte.
Non avevo pensato al fatto che, tolto Breivik dall'isolamento, gli altri carcerati se lo troveranno vis-à-vis; come reagiranno , con spirito umanitario, cercando di giustificare la strage commessa dal reo, oppure sentiranno il desiderio di aggredirlo come farebbe un animale che agisce d'istinto?
I pareri saranno senz'altro discordi e allora che accadrà? Si divideranno tra  giustizieri oppure di bodyguard, seguaci di " Nessuno tocchi Caino"?. 

Un'altra soluzione sarebbe che i carcerati andassero a trovarlo nel suo pied à terre, ove la socializzazzione potrebbe essere più amichevole e intima.




    9 commenti:

    1. Cara Cristiana, cosa si potrebbe aggiungere!?!?
      Quando per noi normali è incomprensibile!!!
      È meglio lasciare perdere!!!
      Tomaso

      RispondiElimina
    2. Non conosco questo blogger, magari poi gli do uno sguardo.
      Penso che in Norvegia, applichino un concetto che, da noi è pura utopia, e cioè che il carcere debba Rieducare, cosa che nella maggior parte dei casi, accade, certo qui si parla di un " mostro" ed io avrei cento e più perplessità.Nel contempo, non dimentichiamo che in Danimarca, ma anche la Novergia mi sembra non fosse tanto distante dallo stesso pensiero, di rendere la pedofilia non imputabile.Siamo decisamente anni luce distanti.Come vedi, non solo con gli arabi ci sono diversità.

      RispondiElimina
    3. Conosco i norvegesi abbastanza bene. La primogenita di una mia nipote insegna norvegese all'Uni di Firenze, credo, e storia della lingua norvegese nell'università statale di Oslo. Da lei ne ho sapute tante sui norvegesi e dal suo convivente, naturalmente norvegese.
      Sono certo che i suoi camerati non gli faranno un peana, ma nemmeno lo prenderanno a calci nel sedere. Semplicemente ignoreranno la sua storia, anche se lui fa di tutto per farsi notare, vedi saluto nazista.
      Io rimango del mio parere: Breivik ha imbracciato il fucile e fatto un massacro per motivi politici (a modo suo), non aveva scopo di lucro, né voleva sopraffare la nazione, né imporre un sistema mafioso. Ha sparato e basta, come un invasato, se preferisci Cris come un idiota, ma non sarebbe andato oltre la carneficina.
      Non puoi paragonarmi i suoi delitti -durati lo spazio di un giorno- coi delitti di un Reina, durati anni e che avevano costruito un sistema ed avevano come unico scopo il lucro di miliardi di lire prima e di centinaia di milioni di euro dopo. Breivik non ci ha guadagnato nulla né lo pretendeva.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Non lo paragono ai nostri gioielli, dico solo che è da far sparire, altro che socializzare.
        Se penso che tra una quindicina d'anni uscirà di galera...

        Elimina
    4. sono contrario alla pena di morte, ma a questo brevik 2 bastonate in testa (al giorno, per il resto della vita) gliele darei personalmente (e gratis)

      RispondiElimina
    5. La paranoia è una malattia mentale grave, questo è un malato mentale (= matto) che non ha nulla a che fare né con Riina né con Hitler.
      (cesare)

      RispondiElimina
    6. Risposte
      1. Da curare anche per smitizzare il potenziale propagandistico sui neonazisti o altre teste calde non gravemente malate
        (c.)

        Elimina
    7. Non dico nulla. Una bella cura medievale ci starebbe bene per tipi del genere, cosa cavolo vuoi redimere, cosa cavolo vuoi recuperare, perché poi...

      RispondiElimina