commenti?

La bestia che è in noi.

Gli ultimi due casi

Milano, stilista impiccata nel parco  ???
La sorella: "Non si sarebbe mai suicidata"

Più volte era finita al pronto soccorso dopo liti violente col compagno. Procura dispone autopsia





Ma secondo L’Organizzazione mondiale della sanità la vera dimensione del problema, non solo in Italia ma anche nel resto del Mondo, è sottostimata a causa della mancanza di dati. 

Poverino, ha paura!  http://miscredente08.blog.kataweb.it/

Il problema del maltrattamento alle donne è facilmente risolvibile. Ogni posto di polizia si munisce di tre robusti gorillini. Ogni volta che un tizio picchia una donna e questa sporge denuncia alle forze dell'ordine, partono i tre robusti gorillini, acchiappano il tizio, lo portano in un luogo appartato e gli rompono tutte le ossicine dei braccini e delle gambine senza tralasciarne nessuna, gli fratturano dalle due alle cinque costole, poi lo accompagnano all'ospedale e dicono che è caduto dalle scale. Provvedono a mettere su youtube e sui giornali le foto del tizio e delle radiografie delle ossicine di lui così combinate con la didascalia "State attenti alle scale", e voglio vedere se non se lo tolgono il vizio di fare i mammasantissimi sulle donne.

Bisogna ricordare che dentro ciascuno di noi, anche il più civilizzato, sonnecchia una belva. La belva può diventare feroce ed è sempre stupida. Ognuno deve tenere a bada la propria e la società deve prevedere che comunque una belva qua e là scappa dalla gabbia. L'unica difesa è l'informazione, evitando soprattutto l'ipocrisia di pensare che la belva appartenga solo al "matto" o al "mostro". Non bisogna mai ignorare la prima avvisaglia. Penso che solo la scuola e qualche informazione mirata possa aiutare. CESARE



Faception, l'app che studia i tratti somatici e ragiona come Lombroso  http://www.faception.com/



Leggo oggi di questa " app"      - ideata, pare dagli israeliani-            e mi accorgo
che  la civiltà sta regredendo  oppure, più semplicemante, fa di tutto per diventare sempre più
discriminatoria e razzista, cercando adepti tra i violenti.
Credo che  i "gorillini  e le ossicine rotte, non sortirebbero nessun valido effetto. Credo che Cesare abbia mille ragioni a metterci sull'avviso 



19 commenti:

  1. per quanto di pancia mi verrebbe di condividere l'idea dell' occhio per occhio, razionalmente sono sempre più convinta che serva l'applicazione delle leggi che esistono, semmai toglierei la possibilità del patteggiamento e dei premi...invece l' app...non ho parole! Tirare fuori Lombroso è fuori da ogni logica, penso sia uno scherzo.

    RispondiElimina
  2. Non ho parole, cara Cristiana, la cultura che ha queste generazioni è qualcosa di mostruoso!
    Ciao e buona serata cara amica, purtroppo oggi è difficile sorridere se si pensa ha tutto questo. Tomaso

    RispondiElimina
  3. L'umanità è diventa una rara virtù e secondo me, l'uomo ha iniziato una veloce regressione, che se non inverte velocemente, lo porterà all'estinzione.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  4. Notizia letta oggi: Mosul, rifiutano sesso con militanti Isis: 19 ragazze bruciate vive.
    Ma purtroppo ogni giorno è un altro "oggi" -_-
    E non so più che dire, per tutto.

    RispondiElimina
  5. Andiamo con ordine. Innanzitutto la donna pseudosuicida per impiccagione coi piedini che toccano. Da morir dal ridere. Una donna non si impicca, mai sentito. Non si impicca ad un albero di un giardino pubblico prché un suicidio è una cosa privatissima, non uno spettacolo. Come poteva questa raggiungere quel ramo da sola? E poi come ha fatto un nodo scorsoio con una normalissima ciarpa passata intorno al collo? E poi manca l'elemento fondamentale dell'impiccagione: la sospensione dal suolo.
    È una bufala, una montatura. Solo un fatiscente commissario del caciocavallo può definire una simile buffonata come un suicidio. Una donna si taglia le vene o si avvelena con i barbiturici.

    L'idiota che mette in tre bottigliette diverse soda caustica per avvelenare la propria donna incinta deve essere accompagnato in carcere a calci in culo, perché non lo si può prendere nemmeno a calci nelle palle essendone il babbeo completamente privo.

    Quella dei gorillini è troppo sciocchina, caro Cesare. Fossi il padre di Sara me ne andrei nella bella Palermo. Lascerei detto a destra e a manca chi sono e che vorrei incontrare un mammasantissima. A costui chiederei di usare il potere che costoro hanno in tutte le carceri -pagando si capisce- perché qualche detenuto di quelli con due o tre ergastoli che nulla più ha da perdere si prendesse la cura di segare la gola di questo signor Paolo. E basta.

    Le teorie lombrosiane mi fanno proprio ridere. La maggior parte degli ufficiali delle SS erano ariani, alti, biondi e belli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella dei gorillini è sciocchina, la tua del padre che va dal mammasantissima è geniale.

      Elimina
  6. Troppo miti le pene! Cosa dire di quello stronzo che ha dato fuoco alla sua ragazza e hanno detto che non c'era premeditazione?
    Infatti, è risaputo che tutti giriamo con bottiglie d’alcool o di benzina tenute in macchina a portata di mano.
    Azz che rabbia!
    Buon weekend
    enrico

    RispondiElimina
  7. Ormai non mi stupisco più di niente .. purtroppo.
    Ti ringrazio per avere partecipato al mio Link Party. Scusa ma non ho ben capito il titolo del tuo blog .. perdonami sono fusa!!
    Marina

    RispondiElimina
  8. Anche in questo post fatto con un pizzico di amara ironia, ci fa capire ancora meglio la visione errata e superficiale di questi orrendi atti che si fanno ogni giorno più frequenti.
    Io vedo omertà e trascuratezza e anche il sottovalutare il tutto.
    Quante donne hanno denunciato i precedenti di una loro conoscenza o rapporto, senza essere minimamente prese in considerazione dalle forze dell'ordine e poi dopo poco venire massacrate brutalmente da chi è più vicino a loro. Quest'ultimo trattato poi con guanti bianchi, messo ai domiciliari, con lentezza esaminati i fatti e... e non facciamo le figurine per riconoscere le belve...' No comment!
    Ti stringo forte adorabile!

    RispondiElimina
  9. Se la teoria dei "tre gorillini" fosse resa concretamente operativa, quantomeno porrebbe la "bestia" in condizione di non reiterare il reato per qualche buon semestre ed anche a guarigione avvenuta,(se mai fosse in grado di recuperare in pieno la motilità primigenia), si misurerebbe la palla prima di reiterare il reato, avendo fatto esperienza di ciò cui riandrebbe incontro.

    RispondiElimina
  10. Concordo su chi dice che ormai siamo sulla via dell'autodistruzione...
    Io dico che le donne denunciano, e che le forze dell'ordine anche registrano le denunce, e spesso aiutano come possono, ma poi bisogna attendere il processo per poter trasformare la pena in carcerazione, e li che si resta fregati, perchè passano anni. Sto vivendo con una cara amica questo iter, sono quasi cinque anni che è in attesa del processo, rimandato piu volte per mancanza del giudice, mancanza dell'avvocato, mancanza del documento, ecc... nel mentre l'uomo in questione ha collezionato ben quattro denunce di cui una fatta direttamente dalle forze dell'ordine, tutte in attesa di processo. Lui è libero, libero di continuare la sua opera di minacce, e di pedinamenti, e di torture psicologiche, lei, onesta e lavoratrice, vive come fosse in prigione, lui l'aggressore vive libero.....e basterebbe modificare la legge ed introdurre il processo per direttissima...ma no, facciamo leggi inutili che prevedono l'allontanamento da casa del presunto colpevole...utile si...solo se lui da casa se ne vuole andare sul serio... e comunque complimenti per il blog,molto interessante, arrivo anche io dal blog di Marina.

    RispondiElimina
  11. Ciao,il problema maggiore non sono le leggi dello stato ma chi le interpreta,i giudici bonariamente perdonisti che giudicano un bastardo che se ne va a spasso con una bottiglia di benzina e brucia viva la compagna,non un assassinio premeditato ma una triste fatalità o danno le attenuanti generiche allo stupratore perché la stuprata portava una gonna troppo corta.
    Se in Italia non esiste la pena certa,la colpa non è delle legislatore ma dei giudici che le applicano.
    Ciao fulvio
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  12. Negli ultimi mesi ho vissuto (e fortunatamente superato) un periodico, per questo quando leggo e sento certe cose mi si stringe il cuore... Non ho parole per certi avvenimenti!
    Però fate benissimo a divulgare certe notizie quanto più possibile...

    Arrivo a questo blog grazie alla festa dell'amicizia, il tuo blog mi risulta interessante, infatti mi sono aggiunta ai lettori fissi!
    Lifen

    RispondiElimina
  13. Hai avuto il coraggio di esprimere quello che un po tutti pensiamo!!! Servono pene più severe altrimenti dove andiamo a finire!!!!! vengo dalla festa dell'amicizia ti seguo davvero volentieri!! a presto Gabry

    RispondiElimina
  14. Ciao Cri,
    ho fatto anch'io qualche considerazione su questo triste e preoccupante fenomeno.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  15. Ai lettori di questo blog. State tranquilli: Cristiana è viva e vegeta, ma siccome ha cambiato gestore, -da fast web a Telecom- è rimasta disconnessa da internet per un po' di giorni. Tornerà venerdì prossimo - almeno così le è stato promesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Guisito. Effettivamente mi cominciavo a preoccupare. Una donna della mia generazione che resta zitta tutto sto tempo? Mamma mia, che peccato che me la sono persa. La mia AnnaMaria è capace di tenermi il muso anche per più tempo, ma zitta nemmeno con la mordacchia. Borbotta e quando le dico di spiegarsi meglio mi risponde che non stava parlando con me.

      Elimina
  16. Ho eliminato gli ultimi 2 commenti perche assolutamente estranei al senso che ho dato al mio blog.

    RispondiElimina