I furbetti dei tumorini

MESSINA – Impiantavano protesi e effettuavano interventi di chirurgia plastica, certificando tumori. Un doppio inganno consumato nei riguardi delle ignare pazienti e dell’Azienda Policlinico Universitario di Messina. Sono accusati di falso materiale, falso ideologico, peculato e truffa aggravata Letterio Calbo, 68 anni, all’epoca direttore del Reparto di Endochirurgia; il figlio Enrico Calbo, 40 anni, ai tempi specializzando e Massimo Marullo, 59anni, vicedirettore del reparto all’epoca.
MESSINA, 25 GIU - Tre medici di Messina sono finiti agli arresti domiciliari perché tra il 2011 e il 2013 avrebbero certificato l'esistenza di tumori per procedere a interventi di chirurgia estetica, non necessari, e intascare i proventi.In alcuni casi le pazienti erano sottoposte a un secondo intervento per la sostituzione di protesi difettose impiantate dal Marullo e da Enrico Calbo, che pur essendo specializzando, operava anche da solo. Avrebbero alterato la documentazione clinica delle pazienti, che pagavano le protesi qualche migliaio di euro, denaro che finiva nelle tasche dei medici.
E' ora di finirla con questo amorale buonismo che ha ridotto l'Italia  un Paese del terzo mondo.
Questa gente dovrebbe essere in una struttura tipo Guantanamo, con le catene ai piedi.Ripristiniamo, alneno,  i lavori forzati



Qui l'intera storia
http://frontelibero.blogspot.it/

6 commenti:

  1. Fra poco in Italia andrà in galera solamente chi non ha mai truffato nessuno, né tantomeno lo Stato. Se non risulta nulla chissà cosa avrà fatto. Questa è la logica dei Carruba e dei poliziottini nostrani.nonché dei più grandi imbroglioni cha abbiamo gli uff. e i sottuff. della G.d.F.

    RispondiElimina
  2. Una Vergogna! Questa è gente amorale e diabolica, corrotta e infima. Mi ricorda ciò che era successo in una clinica, il Santa Rita credo, in cui diagnosticaReno il tumore al seno ad una ragazzina e glielo asportarono. Ci furono tanti tanti casi simili, varie amputazione. Da brivido! Il carcere è poco per questi tipi, forse lo sono pure i lavori forzati... Sono indignata, disgustata!

    RispondiElimina
  3. purtroppo questa è l' ennesima truffa a danno della salute che, non troverà poi, chi ripagherà le vittime.Casi come questi ce ne sono tantissimi.
    Ma del resto. di cosa più dovremmo meravigliarci? dopo l'arresto di deputati e senatori per corruzione e concussione ( fratello di Alfano) dopo gli arresti per mafia di manager ed imprenditori per lExpo...e il silenzio del capo fa più paura, mentre tutto crolla.

    RispondiElimina
  4. Un esempio da imitare.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  5. Ciao Cri,
    passo per augurarti una felice Estate e lasciarti i miei più cordiali saluti.
    A rileggerci... ^__*

    RispondiElimina
  6. Mi autocensuro perché altrimenti scriverei solo una serie infinita d'insulti.
    Buon fine settimana, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina