commenti?

MANIACI SESSUALI, UNITEVI

Niente più condanna per atti osceni, per effetto della depenalizzazione di questo reato attuata dal d.lgs n.8 del 2015, nei confronti di chi si apposta nei luoghi frequentati da giovani ragazze per masturbarsi davanti ai loro occhi. La Cassazione ha preso atto di quanto previsto dalla recente riforma e ha annullato senza rinvio "perché il fatto non è previsto dalla legge come reato" la condanna inflitta dalla Corte di Appello di Catania il 14 maggio 2015 a carico di un uomo di 69 anni, Pietro Longo.

L’unica fattispecie richiamata nel codice penale per cui si prevede esplicitamente ex novo la sola sanzione amministrativa pecuniaria (da euro 5.000 ad euro 10.000) è, per una singolare scelta del legislatore, quella configurata dall’art. 726 c.p. (“atti contrari alla pubblica decenza”).
distintivo
 Fra questa varietà di illeciti che, d’ora in avanti, saranno perseguiti solo con sanzione amministrativa, spiccano:
- gli atti osceni ex art. 527, co. 1 c.p. (il fatto, già depenalizzato nel 1999 se commesso con colpa, conserva ora rilevanza penale solo nell'ipotesi prevista dal comma 2: se cioè viene commesso all'interno o nelle immediate vicinanze di luoghi abitualmente frequentati da minori.


Finalmente, ora potranno uscire alla luce del sole , creare dei clubs con tanto di tessera, mettere un distintivo all'occhiello e, soprattutto, chiedere un documento rilasciato da un giudice da esibire , eventualmente, a chi vorrebbe prenderli a calci.



14 commenti:

  1. Dove diavolo ho lasciato il mio commento?
    Passo per un rapido saluto. Confesso di non essere ancora in grado di concentrarmi sui testi, quindi di capire cosa sto leggendo e lasciare un commento. Mi dispiace.

    RispondiElimina
  2. Una decisione assurda. Uno schifo.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  3. “...e involve tutte cose l’obblio nella sua notte” (Dei sepolcri)

    RispondiElimina
  4. Ma per carità...si va di male in peggio!

    RispondiElimina
  5. La condanna per atti osceni si riduce ad una semplice sanzione pecuniaria come se si trattasse di un semplice divieto di sosta o di occupazione di spazio pubblico. Proprio un bell’esempio di giustizia!
    Buona serata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  6. non ho parole!
    secondo me verrà condannato quello/a che dovesse prenderlo a calci in culo...

    RispondiElimina
  7. Sono curiosi i nostri legislatori,in un Paese come il nostro, dove i reati a sfondo sessuale,contro donne e bambini aumentano,le pene diminuiscono.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  8. Attenzione: non è che i maniaci sessuali non rischiano niente; invece di rischiare poche settimane di prigione (che a loro non fanno né caldo né freddo) adesso possono beccarsi una sassata mostruosa come multa - e colpirli nel portafoglio forse è più efficace. Il che vuol dire via libera ai maniaci sessuali ricchi che di una multa di qualche migliaio di euro se ne strabattono? Peuh. Tanto quelli comunque già prima non venivano puniti.

    RispondiElimina
  9. Cara Cristiana, rieccomi, un po stordito dalla grande festa!!!
    Parlando del tuo post, io non riesco più ha capire questo strano mondo!!!
    Forse sarà perché sto invecchiando troppo!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Sono rimasta un po' tagliata fuori e sono sconvolta dalla stupidità e dalla volgarità imperante. Ma problemi più seri non ne abbiamo? Che paese felice.

    RispondiElimina
  11. Perché la cosa non mi stupisce?
    Sempre peggio, sempre peggio.....

    RispondiElimina
  12. Ai depravati beccati in flagrante che fanno ? Gli rilasceranno un bollettino di conto corrente per pagare la multa ? Susami ma vado a vomitare.....

    RispondiElimina