Tali e quali i puritani

Beffa sulle unioni civili. "Con i doppi cognomi nuovo codice fiscale"

http://www.repubblica.it/cronaca/2016/09/11/news/unioni_civili_doppio_cognome_codice_fiscale-147540855/

Se la moglie aggiunge al proprio cognome quello del marito, per lo Stato non c'è problema. Il nuovo "nome di famiglia" può essere affiancato a quello da nubile sulla carta di identità, tutto qui. Se un omosessuale fa lo stesso in sede di unione civile, il cognome del compagno (o della compagna) viene invece automaticamente inserito nel suo codice fiscale. In pratica cambia identità, con una serie di conseguenze non indifferenti. "La posizione Inps dovrà essere rivista, come i contratti a lui intestati, compreso il mutuo con la banca. Dovrà rifare passaporto e carta d'identità. E dovrà dimostrare di essere proprietario della propria casa. L'azienda per cui lavora potrebbe avere difficoltà a inviargli lo stipendio e i creditori potrebbero non sapere dove cercarlo", spiega l'avvocato Stefani Repubblica

Protesta delle associazioni gay contro il decreto ponte. "In tanti costretti a rifare i documenti, è discriminatorio"

Questi  borghesucci benpensanti bigotti conformisti conservatori  baciapile tradizionalisti, insomma, uno dei tanti   Giovanardi che appestano il nostro Paese, le pensano di notte per mettere i bastoni tra le ruote di persone che nulla hanno a che fare con loro. A che pro? Un' ipotesi plausibile  è che   l'unico rimedio alla loro frustrazione,  sia quella d' impicciarsi dei fatti altrui.







6 commenti:

  1. Tutto dipende dal fatto che l'unione civile non è un matrimonio.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  2. Qui cara Cristiana, non dico niente, sono un vecchio tradizionalista!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. be' per buon senso, sarebbe preferibile non metterlo...anche io non ho inserito il cognome di mio marito al mio nei documenti e tanto meno fatto la comunione dei beni...
    cioè, non è obbligatorio, voglio dire.

    RispondiElimina
  4. Ma perché aggiungere il cognome del moglie/marito, si ama ugualmente anche con proprio cognome sia ne matrimoni che nelle unioni civili.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  5. Ma che idiozia solenne è mai questa? Con la destra concedi, si fa per dire, e con la sinistra punisci.

    RispondiElimina