Allegria!...




 Il fatto particolare è che il video non si concentra sulla minaccia del terrorismo come sarebbe normale attendersi, ma su un problema alla base di tuttola sovrappopolazione nelle megalopoli.Le tensioni religiose ed etniche saranno un elemento determinante del paesaggio sociale. Bisognerà coesistere con impoverimento, slum, baraccopoli in rapida espansione a fianco di grattacieli moderni, progressi tecnologici, sempre crescenti livelli di prosperità.
Nel video si vedono città superaffollate, giungle urbane, scontri, hacker, criminali, poveri ammassati. La voce ci dice che il divario tra ricchi e poveri aumenterà vertiginosamente, che ci saranno labirinti sotterranei con un proprio codice sociale e di diritto, che fioriranno sofisticate economie illecite, che hacker useranno svariati mezzi per colpire la vita digitale. Ci parla di reti criminali, infrastrutture scadenti, tensioni religiose ed etniche, baraccopoli, fogne e discariche a cielo aperto, masse crescenti di disoccupati.

Altrettanto preoccupanti le previsioni di Stephen Hawking.Il grande scienziato astrofisico , il quale ritiene che "Il futuro dell'umanità sia  su un altro pianeta e dipenderà dalla sua capacità di vivere in altri luoghi dell’universo, perchè il rischio che un disastro distrugga la Terra è grande", Ha altresì affermato che il contatto con la vita extraterrestre potrebbe avere esiti catastrofici: se gli alieni riuscissero ad arrivare fino a noi, significherebbe che hanno una tecnologia talmente avanzata da consentire la colonizzazione della Terra e la sottomissione del genere umano. In modo non molto differente da come fecero i conquistatori europei dopo la scoperta dell'America nel 1492 Nel 2008, intervenendo al 50esimo anniversario della Nasa, il cosmologo disse che, data la vastità dell'universo, è quasi certo che in altri pianeti si siano sviluppate delle forme di vita primordiali, sebbene non sia da escludere che qualche parte esistano anche esseri intelligenti.

Le catastrofi terrestri più accreditate dagli scienziati
Non penso che tutto ciò mi riguardi, ormai, tuttavia   queste previsioni mi stringono il cuore : egoisticamente, mi fanno pensare di non avere nessun futuro, neanche quello che si tramanda attraverso il proprio DNA.



































































8 commenti:

  1. Certo che Stephen Hawking l'ha detta grossa.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, certo che il futuro del nostro pianeta non è certo sicuro, e è immaginabile che non durerà per sempre così. io sono contento che ho vissuto fino in questi periodi, 70 anni nel secolo scorso e ora fino che va!!!
    Ciao e buona domenica cara amica.
    Tomaso
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. La nostra insana, lucida follia. Ciao e buona Domenica.

    RispondiElimina
  4. non mi piace il tuo tono Cris...
    perché tanto pessimismo? spero che tu stia bene!
    Il mondo è qualcosa di vivo e pulsante e, come tale, subisce tutte le forze
    che conosciamo dalla fisica alla geologia, dunque pensare che resti immutato, nel tempo, così come lo conosciamo, saremmo dei pazzi.Quello che invece è da temere è l'uomo.Ma non mi sento di essere pessimista all"ennesima potenza, penso che miglioreremo, diventeremo molto diversi, perché la robotica e le nuove teologie prenderanno sempre più piede e, spero che vengano usate a fin di bene, per salvaguardarci più che altro.
    L' astrofisico già predisse nel 2000 scenari apocalittici, ma ho il sospetto che ci goda un po' a farci paura :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Io una volta ricordo che studiai su qualche testo importante che esistevano nel Kosmos nove miliardi di sistemi solari. Dato a ciascun sistema un corollario di 4 pianeti di media si ottiene la bella cifra di 36 miliardi di pianeti. Andando sempre per media a partire dal nostro sistema dovrebbero essere il 10% in condizioni di vita simile alla nostra. Quindi 3 miliardi e 600 milioni. Dimezziamo questa cifra per comodità ed avremo un miliardo e 800 milioni di possibili pianeti vivibili. Vuoi che nemmeno 100 siano abitati da esseri simili a noi, più inferiori se il pineta fosse più giovane, superiori se invece fosse più vecchio? Semplificando: possibile che nell'intero Universo (o pluriverso) non ci sia almeno un pianeta abitato da esseri molto più avanzati di noi?
    Che farebbero se arrivassero con la loro civiltà? Quello che fece Colombo con gli Indios e quindi veramente saremmo noi condannati in un futuro più o meno prossimo ad imparare forzatamente da chi ne sa più di noi, che certamente non ci darebbe a disposizione i loro segreti e quindi si aprirebbe un lunghissimo periodo di secoli di semi schiavitù. Io e te Cris non ci saremo più e nemmeno i nostri nipoti, e nemmeno quelli di S. la Silvia napoletana così sparanzosa nel futuro. E allora di che preoccuparsi? Tanto dopo -credete a me voi tutti- non c'è assolutamente niente più.
    Se vuoi singhiozzare vengo a Como e ti offro la mia spalla sinistra. Sulla destra singhiozza già Annamaria.

    RispondiElimina
  6. Ah ah perche a Como? Non vi vogliamo. ☺😊😀😁 a vince' il tuo blog ndo' sta? Fuori dalla cerchia pure tu?
    Lo sapevo io. C'e' chi vede e provvede.
    E non è finita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Sirvà...c'è chi vede e provvede, dichi tu? Io 'ntanto me gratto li cojoni che me sa che sei tanto portasfiga, poi vedemo, finita o no.

      Elimina