I NUOVI MOSTRI

I mostri di Dino Risi è un mosaico cinico e ironico dell'Italia che, alla metà degli anni sessanta esce dal miracolo economico e si trova ad affrontare l'industrializzazione e il cambiamento di valori di riferimento e di codici di comportamento.Interpretato da quei due  'mostri' di Vittorio Gassman e Ugo Tognazzi

I NUOVI MOSTRI








In soffitta i giochi obsoleti  


tablet per fiabe e giochi
largo a quelli tecnologici

Nel secondo anno di vita, il 60% dei genitori lascia usare il cellulare o lo smartphone ai figli e nella fascia fra i 2 e i 5 anni questa percentuale sale gradualmente fino a sfiorare l’80%.



Gli studi si soffermano inoltre sui rischi della dipendenza digitale
, considerata oggi come una delle dipendenze più comuni tra gli adolescenti. 
Molti ragazzi (più del 50 % in una recente ricerca effettuata in Nord Italia), tengono il cellulare acceso 24 ore su 2420 . Lo studio Net Children Go Mobile, progettato dalla Commissione Europea per valutare le modalità di utilizzo di Internet da parte di un campione di ragazzi di età compresa tra 9 e 16 anni, ha messo in evidenza che più del 60 % di essi ha un profilo su un social network


http://download.repubblica.it/pdf/2016/salute/Tecnologie_digitali_e_bambini_indagine_sul_loro_utilizzo.pdf

OTTIMA DIMOSTRAZIONE:  

Usa, la mamma dorme e la figlia di 6 anni fa spesa con il cellulare della donna

Per sbloccare lo smartphone, la piccola ha utilizzato il dito della madre e poi ha acquistato giocattoli online spendendo 250 dollari











































































11 commenti:

  1. Cara Cristiana, se ci riflettiamo un po, il mondo di un domani fa veramente paura!!!
    Ciao e buona serata cara amica con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Citare Dino Risi significa, come suol dirsi dalle mie parti, "invitarmi a carne e maccheroni"; adoro questo grande regista e non posso che concordare con le tue simpatiche considerazioni sui nuovi pargoletti (mostriciattoli).
    Un saluto e Buon Anno ^__*

    RispondiElimina
  3. Di nuovi mostri siamo circondati e troppo spesso non scorgiamo neanche il mostro che si cela in noi... Buon 2017 carissima!!!

    RispondiElimina
  4. Il problema è che ogni tot si trova un guaio: prima era la tv, poi i videogames, prima ancora magari il jukebox... E' che demonizziamo tutto (io stesso ho il telefono SEMPRE acceso, altrimenti qual è il suo scopo?) forse per paura, e non capiamo che bisognerebbe educare la gente all'uso generale delle cose...

    Moz-

    RispondiElimina
  5. La tecnologia non ha un'etica. Produce tutto quello che piace ai ragazzi e vende. Il rischio è che la tecnologia dovrebbe essere al nostro servizio, invece siamo noi che la subiamo.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  6. Una bella lezione di stile questa piccola bimba , una vera stratega..questa piaga dilaga a vista d'occhio..ora anche gli incontri non sono più previsti, ci si trincera dietro una virtualità paurosa e i bambini sanno usare i cellulare meglio del defunto Steve Jobs! No Comment..ho già detto troppo!
    Ti voglio bene adorabile amica mia..uno sfavillante 2017, chissà se poi verrò a dirtelo di persona?

    RispondiElimina
  7. quella bambina diventerà la prima presidente degli USA donna. ci puoi scommettere!!

    buon anno

    RispondiElimina
  8. Mamma mia che storia! Certo è che la tecnologia sta diventando sempre più parte della vita delle persone...però io non darei la colpa alla tecnologia, ma piuttosto, come è sempre stato anche in passato per qualsiasi scoperta, all'uso che se ne fa e, appunto, alla non regolamentazione di questo utilizzo. Buon anno amica!

    RispondiElimina
  9. La tecnologia è una risorsa innarestabile,porta,fortunatamente, enormi benefici in tutti i campi,vedi medicina,trasporti,comunicazioni,ecc.ma anche tanta dipendenza,ma la colpa non è del progresso scientifico è nostra,per come lo sfruttiamo.
    Buon proseguimento,fulvio

    RispondiElimina
  10. Ho anche io dei nipoti che fanno un grande uso degli smartphone. I genitori non dicono nulla e loro vanno avanti così. Una volta a pranzo invece di dialogare scrivevano su whatshap (si scrive così?) ed io mi sono "leggermente" alterata.
    Da quella volta quando sono a pranzo da me, dialogano e i cell non se ne vedono più ...
    I genitori (che sono i miei figli) dicono che adesso lo fanno anche a casa loro: dialogano e spengono i loro cellulari.
    Ne sono contenta perchè almeno noi nonne serviamo a qualcosa di giusto ;-)
    Baciobacio amica bella sempre per te

    RispondiElimina
  11. Moz mi ha preceduto con dovizia di particolari. Voglio aggiungere una domanda a tutti voi che vi scandalizzate: siamo noi in grado di giudicare il futuro? Vogliamo forse fermarlo? Ci illuderemmo di riuscirci. Mettetevi il cuore in pace: quello tecnologico È IL FUTURO prossimo, perché quello che avverrà in 50 anni lo sa Iddio, se esiste veramente.
    Mio nipote -9 anni- mi ha sistemato un errore del mio portatile in quattro minuti. Io non ci avevo capito un accidenti. A mia richiesta mi ha rimesso l'errore e me lo ha lentamente -mossa per mossa- spiegato. E non ha voluto essere ricompensato. "Mi sono già divertito", mi ha detto.

    RispondiElimina