Sondaggio Trump, Putin, Grillo, Renzi
l'Uomo forte piace a otto italiani su dieci 
tabelle

Nel Paese è cresciuto il desiderio di una guida risoluta
soprattutto tra i giovani di ILVO DIAMANTI






http://www.demos.it/a01344.php












A mio parere, non bisogna confondere l'uomo forte con l'uomo prepotente e magari anche  maschilista la cui autostima è esageratta
 E' pericolosa la  nostalgia del " si stava meglio quando si stava peggio" Estremamente pericoloso affidarsi ad un uomo forte con una spiccata autostima    -vedi hitler-Mussolini- Pinochet- Franco-  del XX secolo
  che "hanno rivelato l'esistenza di un pericolo prima insospettato: quello di una manomissione completa della memoria". Manipolando la “memoria” e l’informazione, celando le cattive notizie e mettendo in luce solo alcuni aspetti di ciò che accadeva, i totalitarismi operavano un vero e proprio “lavaggio del cervello” mediante il quale assoggettavano al proprio volere le coscienze del popolo dominato. In tutto ciò, ovviamente, lo strumento per mettere a tacere coloro i quali la pensassero diversamente era la violenza. 

Le caratteristiche di una personalita ipertrofica :

Per sentirsi superiorecerca di sminuire i contributi e le caratteristiche di chi gli sta intorno, siano amici o sconosciuti. Non li reputa unici e speciali al contrario di sé, che vuole essere riconosciuto come tale.
L’ipertrofico cerca sempre di ricevere complimenti e di essere invidiato per ciò che possiede e ottiene e se non riceve un trattamento di riguardo, si innervosisce.
Anche nelle relazioni sentimentali o di amicizia cerca sempre qualcuno che soddisfi i suoi desideri e che lo ammiri. Questo fatto aumenta maggiormente la sua autostima.
La visione di sé di una persona con eccessiva autostima è irrealistica e idealizzata: non vede quello che veramente é ma vede quello che vorrebbe essere e quello che gli altri dovrebbero vedere in lei.
Oltre che narcisista è egoista
L’autostima ipertrofica quindi può essere riconosciuta se il soggetto: fantastica sul proprio successo; crede di essere speciale e unico; non da importanza ai sentimenti altrui; prova invidia verso gli altri e vuole che gli altri provino invidia nei suoi confronti; approfitta degli altri per raggiungere i suoi scopi; ha rapporti affettivi difficoltosi

L’individuo narcisista non è in grado di distinguere tra la realtà e la fantasia, mentre l’individuo con un sano amore di sè e una giusta autostima  è in grado farlo. 

L’individuo narcisista vive in un mondo fatto di finzione dove non riesce ad entrare in relazione con gli altri. L’individuo con una buona autostima ha numerosi  rapporti interpersonali.
ipertrofica-quhttp://www.piuchepuoi.it/autostima/autostima-iando-credere-e-troppo/





7 commenti:

  1. Descrivendo la personalità ipertrofica sembrava che descrivessi il gran cazzaro.
    Purtroppo sono tramontati i miti e le grandi idee di fine ottocento, quando Hegel delineava il liberalismo, che poi altri avrebbe sviluppato; quando Marx formulava la teoria del Capitale che tutto travolge e quindi gettava le basi dell'ideologia comunista.
    Siamo più o meno nella situazione in cui ci si trovava un secolo fa, senza méta senza traguardo senza visione di luce nel nostro futuro.
    Quando ciò si verifica nascono i sistemi dittatoriali, perché l'uomo medio, il pincopallino, la mezza sega, la testa di cazzo sente il bisogno di qualcuno che prenda in mano il timone e diriga il battello verso acque sicure -si augura la mezza sega- e allora ci si adagia tranquilli al destino creato da chi sa sfruttare a proprio favore le debolezze altrui.
    E quel che è peggio si allontana il ricordo, ci si ostina a pensare che non possa più accadere perché oramai ci siamo fatti furbi, mezze seghe sì ma furbi, quindi inattaccabili.
    E allora ecco farsi largo i Trump, i Putin, gli Orgolan, i Renzi.
    Spero di sopravvivere quel tanto che mi dia ragione, perché io credo nell'Uomo, nella sua capacità di emanciparsi da questa gentaglia. Non credo in Dio, questo no, ma nell'Homo sapiens.
    Ce n'è ancora traccia, ed è proprio quando si affonda nella merda che esce fuori il creator spiritus, che non ha niente a che vedere con incenso e cere e sagrestie, ma coll'Intelligenza Umana.
    Veni creator spiritus e spazza via questa feccia.

    RispondiElimina
  2. La manipolazione dei cervelli è già in atto da una vita... ci manca che la certifichino come necessaria... e saremo alla frutta..

    RispondiElimina
  3. Attenzione: uomo forte=dittatore (si veda Mussolini per fare un esempio). Quello che servirebbe è un capo di stato forte, cioè uno che potrebbe permettersi di sputare in un occhio ai vari uomini (e donne) forti che abbiamo in giro per l'europa (minuscola d'obbligo).

    RispondiElimina
  4. Il Paese ha diritto ad avere un Parlamento eletto dal popolo che dia vita a un governo.
    Ciao Cri.

    P.S.

    L'uomo forte è una barzelletta.

    RispondiElimina
  5. Chissà quando incomincerà a piacere l'uomo buono. Giusto.

    RispondiElimina
  6. Siamo circondati Cristiana mia da questo tipo di persone purtroppo, sono talmente vicine a noi da non accorgerci neppure che esistono...
    Mi unisco a Franco, ci manca la certificazione come manipolazione necessaria dei cervelli e allora passeremo oltre" la frutta"
    Bacio enorme!

    RispondiElimina