Chi si accontenta gode? Dubito.



Azuma Hikari, la moglie giapponese è un ologramma


IL VIDEO di promozione inquieta non poco. Un ologramma dalle sembianze di una waifu, cioè una devotissima moglie in versione anime o manga, gestisce dal suo scrigno virtuale la giornata di un giovane, solitario e non particolarmente caloroso impiegato. Lo sveglia, gli ricorda di mettere in borsa l'ombrello perché pioverà, prepara la casa per il suo rientro orchestrando i dispositivi domotici, dalle luci al riscaldamento. E soprattutto lo bombarda di messaggini, manifestandogli di continuo la sua mancanza. Si chiama Azuma Hikari, ha la voce dell'attrice giapponese Yuka Hiyamizu, ed è appunto una sorta di versione plastica per quanto impalpabile delle assistenti virtuali alla Siri, Cortana o Alexa. Ma soprattutto è empatica

Difficile immaginare qualcosa di altrettanto triste, pur tenendo conto delle  differenze abissali che interrcorrono tra gli orientali e occidentali. Qualsiasi  essere pensante, di qualsiasi  razza sia, con  alle spalle qualsiasi storia e cultura, non potrebbe essere  appagato da una vita simile.

  

















7 commenti:

  1. A me sembra molto poetico.
    Ciao Cri.

    RispondiElimina
  2. Preferisco Robby Robot o Emiglio è Meglio :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. E dove le metti quelle belle litigate a muso duro, condite da vaffa a gogò, da levati davanti e avrei qualcosa di dire a tua madre. Cosa? Che potevano andare al cinema quella sera. Io piuttosto le potrei insegnare come educare i maschi e non tirarli su come pascià.... il resto ve lo lascio immaginare. No, non c'è paragone, E poi quando si fa la pace si sa come va a finire.
    No, i giapponesi non capiscono niente.

    RispondiElimina
  4. Quando dico che i giapponesi sono il popolo più fulminato sulla faccia della Terra i soliti "social justice warrior" mi bombardano di accuse di razzismo e bla bla bla; eppure ogni giorno se ne vede una che conferma le mie parole! Mi sa tanto che i giap soffrono ancora dell'eccesso di radiazioni dovuto alle bombe di Hiroshima e Nagasaki (per non parlare di quelle che si sono autoinflitti di recente con Fukushima...).

    RispondiElimina