commenti?

UN IMPEACHMENT, O NO?

A poche ore dalla cerimonia la sensazione forte a Los Angeles è che sarà un'edizione fortemente politicizzata e anche la premiazione potrebbe essere influenzata da questa atmosfera. Così anche il film d'animazione 'Zootropolis' con il suo messaggio di convivenza nelle diversità diventa politico.


Jodie Foster, Michael J. Fox, Ben Harper e molti altri hanno invitato a opporsi alle politiche di "esclusione e divisione" del presidente Donald Trump, intervenendo a un raduno tenuto a Los Angeles, a due giorni dalla cerimonia degli Oscar, che ha riunito circa 1500 persone. Prendendo la parola alla manifestazione organizzata davanti alla sede di Beverly Hills della United talent agency, l'attrice e regista due volte premio Oscar ha ammesso di non sentirsi "a proprio agio a usare la mia fama", ma "questo è un anno diverso, ed è il momento di farsi avanti, è il momento di impegnarsi".

Mi aspetto  un Salvini  che ripeta "Non c'è bisogno di andare in giro a fare pagliacciate",riferendosi al mondo gay






WASHINGTON - "Non parteciperò alla cena dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca quest'anno", annuncia Donald Trump, ovviamente su Twitter, augurando sarcasticamente "una buona serata a tutti". È l'ennesimo atto della guerra che il presidente degli Stati Uniti sta facendo ai mezzi di informazione colpevoli a suo dire di "fabbricare notizie false" e di essere "nemici del popolo". Trump rompe una tradizione che tutti i suoi predecessori avevano onorato. Del resto alla Casa Bianca non si era mai visto neppure quello che è accaduto ieri, quando molte testate - da Cnn a New York Times, da Los Angeles Times a Politico.com - sono state escluse da un briefing del portavoce presidenziale Sean Spicer.


Senza arrivare a  cogliere l'invito   del 

Village Magazine ...

@VillageMagIRE


Ireland's magazine for politics and culture.


ho firmato questa petizione, per quel che varrà, che dimostra tutta la mia comprensione verso il popolo americano, quello più colto e libero.

https://www.change.org/p/the-people-impeach-donald-j-trump


Grazie per la tua firma, cristiana

La tua firma è un passo cruciale iniziale nella partecipazione della campagna "The People: Impeach Donald J Trump".
Aiuta questa petizione a vincere dedicando un momento per raccontare ai tuoi amici ed alla tua famiglia perché questo é importante.

Ciao,
Ho appena firmato la petizione "The People: Impeach Donald J Trump" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?
Ecco il link:
https://www.change.org/p/the-people-impeach-donald-j-trump?utm_medium=email&utm_source=notification&utm_campaign=petition_signer_receipt&share_context=signature_receipt&recruiter=371500108





8 commenti:

  1. E' vero, ha ragione Trump e mi duole ammetterlo.
    Si sta verificando ciò che successe qua con Berlusconi, pur colpevole di ogni cazzata che faceva.
    Mail fatto che satira e star system vadano tutti contro fa, francamente, ridere. Sembra come se avessero trovato un nemico e si fanno paladini (assolutamente radical-chic) di buoni propositi.
    Il mondo invece va da tutt'altra parte.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, ne vedremo ancora molte di belle!!! ci sono 4 anni da vedere sarà sempre come una grande farsa...
    Ciao e buon inizio della settimana cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. purtroppo Moz ha ragione.
    Qui abbiamo solo queste notizie, di un certo star system, che detesta Trump, ma credimi,
    gli americani, quelli che noi definiremo la base, il popolo, l'hanno votato, perché piace, perché riflette esattamente le loro paure e come vorrebbero essere protetti ed aiutati.

    RispondiElimina
  4. Non sarà attaccandolo di "pancia" che riusciranno a convincere la base degli americani come le definisce perfettamente "S"ma invece invitando a riflettere sull'assurdità di certe sue decisioni e sulle pericolose ripercussioni che possono aver

    RispondiElimina
  5. Ho firmato la petizione, se ti va saperlo, perché -che lo abbiano votato o no gli americani- quest'uomo è oltretutto un villan rifatto. Sicuramente un incapace di capire di essere il presidente di tutti, anche di chi non lo ha votato. Sicuramente un bullo che non ci meritavamo a capo della Nazione più forte -ma lo è ancora?- e che potrebbe mettere a rischio tutto quel che abbiamo. Di sicuro ha collezionato in poco più di un mese di regno il più gran numero di porcherie che un Presidente potesse fare. È piaciuto agli americani? Poveri imbecilli loro e chi dice questo convinto che sia un motivo per tacere. Ce l'ha con la stampa che non si appecorona ai suoi piedi. Non dimentichiamoci che la Stampa ha già fatto saltare un presidente, e che Nixon era molto più intelligente di questo trippone. Miki dice che anche Berlusconi e dimentica che i fatti hanno dato ampia ragione a quella Stampa, che lo denigrava. E "questa" nostra Stampa attuale, che lecca culo e palle del PD di Renzi? A voi piace questa? A me piace la Stampa libera di criticare quello che è giusto criticare e dire chiaramente come stanno le cose, oppure siamo al fascismo. Oggi fortunatamente c'è ancora la rete, ma già i tromboni della politica vorrebbero mttere il mordacchio a noi blogghisti. Ma non ce la faranno. Un'ondata di merda si sta preparando e li seppellirà. Resteranno nel loro ambiente e saranno felici, ma non ci metteranno la mordacchia.

    RispondiElimina
  6. le notizie su Trump basta andarsele a cercare, ci son blogger che stanno postando notizie da parecchio, quello che sappiamo è vero non è tutto il problema è che è ancora peggio di quello che sembra e sarà anche sulle spalle di quelli che lo hanno votato
    un saluto

    RispondiElimina
  7. E io che pensavo che si fosse già toccato il fondo con George W. Bush! :(

    RispondiElimina