commenti?

https://ofeliapride.blogspot.it/



Io ti amo, tu mi ami... portami con te!


Sembrava una mattina come tutte le altre.La sveglia ha suonato alle sei, io sono venuto a svegliarti come sempre, ci siamo fatti le coccole nel letto e poi sei andato a farti la doccia borbottando quanto non ti piace tutto questo caldo afoso che luglio ha portato con sé.Non piace neanche a me, con tutto questo pelo lungo non riesco a trovare un attimo di pace ma per fortuna la settimana scorsa mi hai portato in quella toilette dove sono stato lavato (ecco, questo se lo potevano risparmiare: io sono pulitissimo!) e rasato a dovere.Esci dalla doccia e mi aspetto che, come sempre, andiamo a fare colazione.Invece stamattina è tutto diverso.Ti muovi come una trottola fra la camera da letto e il soggiorno, hai aperto un paio di valigie sul letto e le stai riempiendo con un sacco di cose.In me comincia a farsi strada una sinistra paura.Non è che per caso te ne vuoi andare senza di me?Scusa se abbaio per attirare la tua attenzione ma ho bisogno di risposte e rassicurazioni e le voglio subito!Lo sai, vero, qual è la mia storia?Ti ricordi quando l’inverno scorso sei venuto a prendermi in canile, mi hai visto come tremavo chiuso in quella gabbia?Ecco, ero ridotto così male perché il mio primo padrone mi aveva picchiato prima di lasciarmi tutto solo sul ciglio di una strada come fossi spazzatura per andarsene chissà dove.Adesso non lo farai anche tu, vero? Se mi lasci solo potrei morire, non puoi farlo!Insomma guardami, dimmi qualcosa, piantala con quelle valigie!Alla fine mi trascino con la coda fra le gambe in soggiorno e mi siedo sul divano.Non mi presti attenzione: sei troppo preso dalle tue valigie, dalla macchina e dalla preparazione del viaggio.Ti vedo portare la prima valigia in auto, poi la seconda, poi chiudi la porta di casa e io rimango solo.Sono così triste che mi viene da piangere, ma i miei occhi sono asciutti e così mi metto a guaire sapendo bene che non mi sentirai mentre partirai verso chissà quale meta.Ormai mi sono rassegnato alla solitudine, quando all'improvviso la porta si apre di nuovo.Sei tu!Sei proprio tu!Hai addosso un paio di occhiali da sole e tieni in mano le chiavi della macchina.-Allora, che cosa hai intenzione di fare?- mi chiedi –Vogliamo andare al mare oppure no?-Scendo dal divano e corro verso di te, felice come non lo sono mai stato, lo sapevo che eri diverso dal bastardo che mi aveva abbandonato.Tu mi ami, io amo te e staremo per sempre insieme, la nostra avventura è appena cominciata.

Questo racconto è l'emblema di ciò che Schopenhauer aveva capito dei cani Il filosofo tedesco era convinto che ogni realtà ed essenza delle cose fosse solamente un sogno o un’apparenza coperta dal “velo di Maya”. Considerò il proprio cane “trasparente”, tanto da affermare “Ciò che mi rende così piacevole la compagnia del mio cane”, è la trasparenza della sua natura. Il mio cane è trasparente come un vetro”, significa che Atma, il suo cane, non era coperto da nessun velo illusorio che potesse celare in lui la “ vera realtà”.
Come si può tradire un essere  che ci vive accanto con abnegazione e senza ipocrisia?
Vorrei che questo post lo leggessero coloro che prendono o comprano un cane, senza rendersi conto di ciò che comporta  una scelta del genere.


Questo il raccontino con cui ho partecipato alla simpatica iniziatava di Patricia Moll "INSIEME RACCONTIAMO"

https://hermioneat.blogspot.it





Si sedette sul divano col personal sulle ginocchia.
Finalmente un po' di pace. Nessuno tra i piedi, silenzio, la coca fresca accanto e..... pace, appunto!
Però qualcosa non andava. Lo schermo del pc pareva  vivere di vita propria. Prima  di uno strano colore rossastro, ora era pieno di stringhe di codice che continuavano a scorrerle davanti agli occhi senza fermarsi. E non lo aveva ancora acceso.
Improvvisamente, parole di senso compiuto comparvero in mezzo alle stringhe insieme ad un brontolio strano che parve uscire dallo schermo. Parole incomprensibili..… come se fossero in un’altra lingua. 
Si avvicinò al monitor per leggere ed ascoltare meglio e…..cercò d'ingrandire al massimo l'immagine
Qualcosa di meglio ottenne, ma non era ancora sufficiente per poter decifrare quella serie di lettere che apparivano.
Si ricordò di una potente lente chiusa in un cassetto e, armatasi di essa scrutò quei segni cercando una chiave oer decifrarli.
Notò che alcune lettere emanavano un piccolo riflesso e le trascrisse. Infine  usando il metodo Crittomacchina ROT13, finalmente, alle 5 del mattino riuscì ad avere la chiave di lettura 
di quel messaggio criptato





FPRZB PUV YRTTR che, decriptato, la portò a questa scritta
                                                                                                                                                                                                        " scemo chi legge "


Rigopiano, Comitato vittime: «Evitare lo sciacallaggio sulle rovine»«Evitare il rischio di sciacallaggio da parte dei turisti del macabro, che potrebbero recarsi sulle macerie per scattare dei selfie e sottrarre oggetti da portare via come ricordo, recintando l'area dei resti dell'hotel Rigopiano, travolto da una valanga il 18 gennaio scorso». La richiesta arriva dal comitato vittime di Rigopiano, a proposito della bonifica del sito.16 giugno 2017 Rigopiano, i familiari delle vittime in ronda contro i turisti del dolore


Adesso anche a Londra,  mani diverse hanno scritto i cartelli di divieto di selfie appesi poi davanti alla Grenfell Tower di Londra, il grattacielo del tragico rogo. La preghiera dei residenti, accanto alla parete dedicata ai messaggi di appello per gli scomparsi e le preghiere. "Grenfell è una tragedia, non è un'attrazione turistica 
Sono in tanti coloro che si recano sul luogo della tragedia, da tutta la Gran Bretagna, da Manchester a Devon, per scattarsi selfie con sullo sfondo lo scheletro carbonizzato del grattacielo e per i sopravvissuti e i parenti delle vittime e dei dispersi tutto ciò rappresenta un ulteriore dolore.

Quanto prima li vedremo in Portogallo ad aggirarsi  tra quel che resta di grandi boschi arsi dalle fiamme, a setacciare le ceneri  cercando l'oggetto tangibile di una vittima , forse una chiave o i resti di un mascara, oppure una bambolina senza più gli arti e gli occhi, che  poi custodiranno come amuleti contro il malocchio.
Perchè alcune genti fanno questo ?Ignoranza, scaramanzia, falsa partecipazione verso chi è rimasto e soffre le pene dell'inferno? Non lo so, ma vorrei non avessero il diritto di voto e la patria potestà.

IUS SOLI ? Anche no.

Lo ius soli puro prevede che chi nasce nel territorio di un certo stato ottenga automaticamente la cittadinanza: ad oggi è valido ad esempio negli Stati Uniti, ma non è previsto in nessuno stato dell’Unione Europea.

Secondo uno studio della Fondazione Leone Moressa su dati ISTAT, citato da Repubblica, al momento in Italia ci sono circa 1 milione e 65mila minori stranieri. Moltissimi di questi ragazzi sono figli di genitori da tempo residenti in Italia, oppure hanno già frequentato almeno un ciclo scolastico (a volte le due categorie si sovrappongono). Sempre secondo i calcoli della Fondazione Leone Moressa, al momento i minori nati in Italia da madri straniere dal 1999 a oggi sono 634.592 (assumendo che nessuno di loro abbia lasciato l’Italia). Per quanto riguarda lo ius culturae, sono invece 166.008 i ragazzi stranieri che hanno completato almeno cinque anni di scuola in Italia, non tenendo conto degli iscritti all’ultimo anno di scuole superiori perché maggiorenni.   

Cosa cambierebbe


La nuova legge introduce soprattutto due nuovi criteri per ottenere la cittadinanza prima dei 18 anni: si chiamano ius soli (“diritto legato al territorio”) temperato e ius culturae (“diritto legato all’istruzione”).
PUNTO
Ignoro come la pensiate,a me sembra una soluzione equa anche pensando ad un incombente futuro in cui il 'problema' si presenterebbe ancor più
complesso.
E una domanda mi sorge spontanea : visto che "Lo ius soli puro prevede che chi nasce nel territorio di un certo stato ottenga automaticamente la cittadinanza, ad oggi è negli Stati Uniti, ma non è previsto in nessuno stato dell’Unione Europea" se anche in Italia non passerà questa legge, vuoi vedere che Donald Trump  la cancellerà?

Tale condizione risulta così importante per motivi storici (gli USA sono un paese che ha accresciuto la sua popolazione grazie alle intense migrazioni nei secoli) ed è ancora più importante se si considera che la condizione fondamentale e inderogabile per l'eleggibilità di un candidato alla presidenza degli Stati Uniti d'America è la nascita sul territorio della repubblica.
 Ora si è  aperta una discussione sull'opportunità di modificare i criteri di acquisto della cittadinanza statunitense, con l'abbandono dello ius soli in favore dello ius sanguinis, che è invece prevalente in Europa e in Asia. La modifica servirebbe ad arginare i continui flussi migratori e i tentativi di donne incinte di partorire sul territorio degli Stati Uniti in modo da avere un permesso legale di residenza a causa dell'acquisizione automatica della cittadinanza da parte del nascituro.

Un po' di horror non guasta.


Asti, ritrovata dai     carabinieri l'ampolla con il cervello di Don Bosco   Presumo che abbiano imparato la tecnica dagli egizi che usavano un uncino  per estrarre il cervello dal naso del defunto 
   

Di ampolle ne ho trovate due, palesemente diverse, per cui  occorre affidarsi al Pin Pin Cavalin

Di Sant'Antonio da Padova, hanno pensato bene di asportare la lingua le corde vocali , il mento e il dito indice destro
La lingua del Santo



La teca che conserva la lingua 
Dapprima inorridita  da questo feticismo cattolico per  varie parti dei corpi dei defunti, mi sono chiesta cosa c'entrasse questa profanazione dei morti con la chiesa cattolica poi, osservando alcune fotografie dei fedeli e leggendo  il  turismo religioso, che in Italia è capace di muovere 40 milioni di persone tra turisti e escursionisti da una sola giornata. Il Veneto in particolare presenta numerosi luoghi religiosi capaci di suscitare l’interesse dei pellegrini: dalla Basilica del Santo (Sant’Antonio) di Padova (il santuario più visitato della regione, capace di raccogliere tre milioni di turisti l’anno)  , ho fatto due più due : più reliquie hai più soldi fai.

RAGAZZI,CHE SORPRESA!



Queste pregevoli tele sono opera di un blogger-amico .
Chi di voi riesce ad indovinare la sua identità?
Non si sa mai che l'amico  ( anche )  pittore gliene faccia omaggio.
Posso dirvi che è una persona veramente eclettica.












Ho scoperto l'acqua calda

Il telefonino come la pistola nel Far West


 E pensavo di aver avuto un'idea brillante!

Però oggi mia figlia Paola, che se ne veniva dal supermarcato, mi ha raccontato che  una guardia della security l'ha seguita e poi fermata ; lei ha pensato che, senza volere, avesse messo un prodotto nella borsa e invece  il tizio le adetto di stare attenta a come porta la borsa , specialmente all'uscita, perchè gli scippi sono all'ordine del giorno, specialmente quando si carica la spesa nel portabagali.
Allora ho pensato ad una sorta di fondina portafogli, in cui mettere contanti e cocumenti.
Sono già  in vendita anche queste, ma destinate ai camerieri di ristoranti .
Eccole qui e io le consiglierei alle donne che frequenatano luoghi affollati e UDITEUDITE pericolosi, oggi giorno.



http://www.barbadillo.it/66315-il-caso-gli-insulti-alla-mamma-di-arezzo-la-meschinita-trova-il-proscenio-non-gli-applausi

Il caso. Gli insulti alla mamma di Arezzo: la meschinità trova il proscenio (non gli applausi)

Pubblicato il 10 giugno 2017 da Isabella Cesarini
Categorie : Cronache
Meschinità
La procura di Arezzo sta indagando sugli «sciacalli del web» che hanno scritto minacce e insulti sul profilo Facebook di Ilaria Naldini, la mamma di 38 anni che ha dimenticato la figlia Tamara in auto, morta per arresto cardiaco provocato dall’alta temperatura dell’abitacolo. S’ipotizzano i reati di minacce, istigazione al suicidio, diffamazione aggravata. La madre e il padre della bimba hanno chiuso i loro profili
***Cosa resta del principio fondante di un social? Macerie.
Nelle ultime ore, uno iattante tsunami di insulti tornava a riportare la rete ai suoi giusti limiti. Poiché se le acque sono da tempo tracimate, è pur vero che a svettare restano sempre più spesso le avvilenti barriere mentali, trascritte in tweet, link, imprecazioni e cornicette. L’accaduto è uno di quelli che non vorresti mai leggere, o forse dovrei dire rileggere: una creatura di sedici mesi viene dimenticata dalla madre in macchina per circa sei ore e muore per un arresto cardiocircolatorio. Anche con un audace balzo nel tempo, con ogni probabilità, neppure la più encomiabile delle tavole rotonde con Freud, Jung e Lacan a tenersi la testa, avremmo la possibilità di comprendere il perché la luce si è spenta in quel preciso momento e non in un altro.
Molte sono le domande, ma non tutte trovano la risposta poiché spesso semplicemente non c’è, se non nella persistenza del dubbio. Nondimeno esistono gruppi, tribù di individui che detengono il forziere della certezza, del riscontro e anzitutto del giudizio. Si muovono in massa, ignorano il mito di Medea ma battagliano precisamente come se l’avessero innanzi. Al contempo scrivono di amicizia, poesia, buoni sentimenti in una sorta di schizofrenia virtuale non meglio diagnosticata. Tuttavia alla prima occasione, che va da una semplice opinione a un fatto di cronaca, partono in blocco, armati da stoiche tastiere con il ticchettio dei loro temerari tasti a farne il verso: la Tarulla Inquisizione esiste ed è on line. In tale zona infausta, cosa resta di social se non qualche specioso e sporadico singulto? In quali rovine trovare ancora i reperti del principio fondante?
Nello specifico si è spiacevolmente costretti alla riflessione davanti a un caso, ma la guitteria non riposa mai. È sempre in attesa al primo giro di angolo a lanciare il suo piccolo sassolino che altro non è che una propria frustrazione non visualizzata; un disagio non digerito e di fatto rivolto ad altri. La rabbia quotidiana al prossimo, e qui non serve appellarsi a Freud, è semplicemente il nostro bagaglio di livore. Più la nostra sacca trabocca di sassi, maggiore è il malanimo che ci presidia. Da noi parte e a noi torna quell’edace macigno che dovrebbe occupare posti capaci di sostenerlo.
Quel “prostituta” – per citarne uno – scagliato sul profilo di una madre che ha perso la figlia nel peggiore dei modi e che non sta a noi giudicare, non è altro che il grido stridulo della nostra insoddisfazione. La tastiera, nell’invisibilità, restituisce l’illusione del dabbene. Ma non vi è nulla di corretto in questo continuo, perpetuo, estenuante e devastante movimento diretto dalla ignobiltà. La meschinità è sul proscenio, ma non ci sono applausi.
Taluni hanno sventure; altri ossessioni. Quali sono maggiormente da compiangere?

Leggendo questo articolo ho ripensato ai commenti di
Dumdumderumvenerdì, giugno 09, 2017
Blogger mi ha mangiato un pezzo, arrrgh! Comunque, intendevo aggiungere che in un periodo colmo di stress e di puttanate sulle socialmerde non si può colpevolizzare in questo modo una persona che invece casca in questo purtroppo grave errore: già questa poveretta passerà la vita con questo fatto sulla coscienza; non ha bisogno che i leoni da tastiera (che non si muovono mai di casa, e quindi non correranno mai il rischio di lasciare i loro bambini in macchina) la distruggano ulteriormente.

E perché, l'omicidio (involontario, come in questo caso) non è forse un sottoinsieme dei gravi errori? Non si è trattato (almeno spero - non ne posso avere la certezza) di un atto deliberato, cosa che mi permetterebbe di capire - non di giustificare, bada bene - la furia dei leoni da tastiera.

https://massacratutti.blogspot.it/

Quando l'arte di arrangiarsi diventa importante.

REMMY, IL PRIMO “SEGNALA-BEBÈ”
CHE DÀ VOCE AL TUO BIMBO IN AUTO

E’ un dispositivo semplice, unico e universale nato per la sicurezza del tuo bambino
durante gli spostamenti. Applicato ad un qualsiasi seggiolino, Remmy monitora costantemente
la presenza del tuo bimbo “parlando per lui” in caso di pericolo.
Costa 60 euro e BISOGNA  che diventi obbligatorio

La cannuccia antistupro: cambia colore se nel drink c'è la droga. Un'invenzione di tre teenagerLa cannuccia antistupro: cambia colore se nel drink c'è la droga. Un'invenzione di tre teenager

Victoria Roca, Susana Cappello e Carolina Baigorri Diventa azzurra in presenza di Ketamina, Flunitrazepam, Ghb, le cosiddette 'droghe dello stupro'. Il prossimo obiettivo sarà aprire una campagna su Kickstarter



L'arte di arrangiarsi







Aspettando le reazioni e i bannamenti

https://ofeliapride.blogspot.it/2017/06/genitori-che-dimenticano-i-figli-in-auto.html

Vi invito a leggere il post di cui sopra il link

Ho commentato così :
Io non vedo nessuna connessione tra il fatto accaduto ad Arezzo e quello di Torino, secondo me diametralmente opposti ; sarebbe come insinuare  che la mamma di Arezzo ha agito con premeditazione. Ho apprezzato l'articolo di Manuela Campitelli che non ci mostra questa madre come un mostro, ma piuttosto vittima di una fatalità in cui tutti potrebbero incorrere a causa di preoccupazioni o stress  o agendo nella  abituale routine.
La madre è una donna adulta ed è inutile citare Mignon McLaughlin  : "il problema sta nel fatto che molti diventano genitori molto prima di aver 
smesso di essere bambini."
Conosco l'amnesia dissociativa,  di cui ha sofferto  mia madre precocemente e che poi, guarda caso, si è trasformata in Alzheimer.
Ciò che mi ha stupito maggiormente è stato l'accanimento contro questa donna che, penso, darebbe la sua vita per poter tornare indietro nel tempo. Nessun commento par la della disperazione in cui è pimbata questa donna che soffrirà sempre di un insopportabile senso di colpa, ammesso che continui a vivere.



Il piatto anti-obesità è convesso e ondulato. "Così si mangia di meno"



Il piatto anti-obesità è convesso e ondulato. "Così si mangia di meno"

Lo ha presentato il giovane designer Nauris Cinovicsn durante lo European Congress on Obesity di Porto. Inganna l'occhio, contiene meno cibo e rende difficile il pasto. In questo modo, assicura il suo inventore, ci si sente sazi prima, e si riflette sulle proprie abitudini alimentari

Conscio della baggianata che propone, l'ha fatto a forma di frisbee, così da poterlo scagliare il più lontano possibile e farlo acchiappare dai cani. 

Io farei piuttosto un 41 tris .In risposta a Vincenzo Iacoponi


IL 41 BIS

Misure applicabili[modifica | modifica wikitesto]

La legge specifica le misure applicabili:[4]
  • Isolamento nei confronti degli altri detenuti. Il detenuto è situato in una cella singola e non ha accesso a spazi comuni del carcere
  • L’ora d’aria è limitata rispetto ai detenuti comuni, e avviene anch'essa in isolamento.
  • Il detenuto è costantemente sorvegliato da uno speciale corpo di polizia penitenziaria il quale, a sua volta, non entra in contatto con le altre guardie carcerarie.
  • Limitazione dei colloqui con i familiari e gli avvocati per quantità (massimo due al mese), per qualità (impedito contatto fisico da un vetro divisorio) e per durata.
  • Contatti con l'esterno limitati ad una telefonata al mese
  • Censura della posta in uscita e in entrata
  • Proibizione di tenere molti oggetti personali in cella (penne, quaderni, denaro, macchine fotografiche, bottiglie, ecc)
questa è la cella del 41 bis a Opera


Proprio mentre era sottoposto a regime di 41-bis, il 24 maggio 1994 durante una pausa del processo di primo grado a Reggio Calabria per l'uccisione del giudice Antonino Scopelliti fu raggiunto da Michele Carlino, giornalista di una agenzia video (Med Media News) al quale rilasciò dichiarazioni minacciose contro il procuratore Giancarlo Caselli e altri rappresentanti delle istituzioni,

questa la cella d'isolamento a Guantanamo








Non mi sembra che lo Stato italiano umilii  nessuno, si tutela nei confronti di persone che hanno sulla coscienza, ammesso che ce l'abbiano una coscienza, centinaia di morti.
Se riesci a catturare un terrorista dell'Isis e lo sbatti in isolamento, lo umilii, ne va della sua dignità?
Chiedilo ai parenti delle vittime.
Trasformiamo  il carcere per questi individui in un istituto filantropico, attento a non creare problemi psicologici?

Ma Riina è un uomo d'onore!




Michael Grimaldi, ovvero Ignazio , un dei primi blogger-amici, colui che mi ha spiegato come fare un blog, postare delle foto etc.Ora si è trasferito a Detroit, assieme al marito,e lo si trova soltanto su facebook
A proposito di Totò Rijna ha suggerito  "Dategli una fine dignitosa. Però in carcere, e circondato da parenti ed amici di 
Falcone e Borsellino".



Cassazione: "Totò Riina troppo 

malato per 

il carcere   ha il "diritto a morire dignitosamente" 


Dignità   Condizione di nobiltà morale in cui l’uomo è posto dal suo grado, dalle sue intrinseche qualità, dalla sua stessa natura di uomo, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e ch’egli deve a sé stesso: Treccani


Le condanne



  • 1992: Condanna all'ergastolo per l'omicidio del capitano Emanuele Basile[7].
  • 1993: Condanna all'ergastolo per l'omicidio del boss Vincenzo Puccio[8].
  • 1994: Condanna all'ergastolo per l'omicidio dei pentiti Salvatore Anselmo, Mario Coniglio, Leonardo Vitale e di Pietro Buscetta, cognato del ben più famoso Tommaso[9].
  • 1995: Condanna all'ergastolo per l'omicidio di Giuseppe Russo; condanna all'ergastolo per l'omicidio di Beppe Montana e Ninni Cassarà; condanna all'ergastolo per gli omicidi di Piersanti Mattarella, Pio La Torre e Michele Reina.
  • 1996: Condanna all'ergastolo per l'omicidio del giudice Antonino Scopelliti; condanna all'ergastolo per l'omicidio del generale Carlo Alberto dalla Chiesa, del capo della squadra mobile Boris Giuliano e del professor Paolo Giaccone[10].
  • 1997: Condanna all'ergastolo per la strage di Via Capaci. Condanna all'ergastolo per l'omicidio del giudice Cesare Terranova.
  • 1998: Condanna all'ergastolo per l'omicidio del giudice Giangiacomo Ciaccio Montalto.
  • 1999: Condanna all'ergastolo per la strage di Via d'Amelio.
  • 2000: Condanna all'ergastolo per le autobombe del '93 a Firenze, Milano e Roma[11].
  • 2002: Condanna all'ergastolo per l'omicidio del giudice in pensione Alberto Giacomelli; condanna all'ergastolo per l'omicidio del giudice Rocco Chinnici; condanna all'ergastolo per la strage di Pizzolungo[12].
  • 2009: Condanna all'ergastolo per la strage di viale Lazio[13].
  • 2010: Condanna all'ergastolo per l'omicidio di Giovanni MungiovinoGiuseppe Cammarata e Salvatore Saitta.
  • 2012: Condanna all'ergastolo per l'omicidio di Alfio Trovato.
E allora interrompano l'accanimento terapeutico e lo seppelliscano subito!