Ho scoperto l'acqua calda

Il telefonino come la pistola nel Far West


 E pensavo di aver avuto un'idea brillante!

Però oggi mia figlia Paola, che se ne veniva dal supermarcato, mi ha raccontato che  una guardia della security l'ha seguita e poi fermata ; lei ha pensato che, senza volere, avesse messo un prodotto nella borsa e invece  il tizio le adetto di stare attenta a come porta la borsa , specialmente all'uscita, perchè gli scippi sono all'ordine del giorno, specialmente quando si carica la spesa nel portabagali.
Allora ho pensato ad una sorta di fondina portafogli, in cui mettere contanti e cocumenti.
Sono già  in vendita anche queste, ma destinate ai camerieri di ristoranti .
Eccole qui e io le consiglierei alle donne che frequenatano luoghi affollati e UDITEUDITE pericolosi, oggi giorno.




16 commenti:

  1. Un corso di grammatica intensivo non le farebbe male. In questo caso, lei non ha scoperto solo l'acqua calda.
    Buona pace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che "le persone più intelligenti hanno un segreto in comune: il senso dell'umorismo"
      Dovresti fare un corso intensivo di umorismo, ma lascia perdere quello sull'intelligenza, o ci nasci o nada, e io ci nacqui.

      Elimina
    2. Cris, che brava che sei! Dammi retta: defeca l'ingozzatastiera, non merita nemmeno quel tuo bellissimo "io ci nacqui". E perché lo vai a sprecare col bigulmollo? A me non l'avevi detto mai.

      Elimina
    3. I "termini" usati non la rendono dissimile dal cosiddetto cyberbullo, Signor Vin. Si rilegge?

      Elimina
    4. Io non rileggo mai, perché so quel che mi dico e quel che voglio dire lo esprimo in un italiano che tutti capiscono.
      Se vuole rivolgersi a me mi chiami semplicemente Iacoponi, visto che il VIN è riservato a persone cui dono la mia amicizia, non certamente ai cialtroni della tastiera, ai semiombrati che vezzosamente nascondono la faccia. La immerga nel letame, la sua faccia le sarà grata di averla riportata nel suo grembo originale. Io non l'ho chiamata cyberbullo, ma "bigulmollo", che è un estensione del friulano, lingua materna della mia signora che io apprezzo molto. Lingua, e non dialetto, assai musicale.

      Elimina
    5. Vede... lei continua (con "giudizi affrettati" e colorite volgarità) a far di tutt'erba un fascio e sopratutto a cercar la pagliuzza nell'occhio del suo vicino senza "rileggere" la trave nel suo... Per sua informazione non ho letto nell'anonimo del lunedì volgarità. Solo umorismo che solletica l'orgoglio? Non sono una mosca Signor VIN... https://www.youtube.com/watch?v=O1mbu7InVU4
      (Anonimo del Martedì)

      Elimina
    6. Scusi Signor ANONIMO, a questo punto perchè non palesarsi! Così' facendo le sue parole avrebbero mooolto più valore. Conoscerà la nomea di cui gode l'anonimato.

      Elimina
    7. Ma lascialo perdere. Oscura il nano e che si fotta.

      Elimina
    8. @Cristiana. Non vorrei ripetermi.
      L'idea ha forma, non volto.
      Non sono iscritta ad alcun profilo tra quelli elencati nel"Rispondi come:"
      Scusi se mi permetto anche con un Nome si è stranieri al prossimo.
      Non devo candidarmi, ergo, non servono followers.
      Semplicemente esprimere un "pensiero".
      Se vuole può chiudere la "porta",risparmiandosi di leggerlo. Questa è casa sua.
      @VIN Nessuno può oscurarci se non noi stessi e lei, Signor VIN, riesce benissimo ;)

      Elimina
  2. Si parlava giusto giusto nei post precedenti dei leoni da tastiera che si nascondono dietro l'anonimato - e tak, eccone qui uno fresco fresco. Scommetterei che l'anonimo qui sopra è uno di quei webeti che si sono divertiti a seppellire di merda quella mamma che si è dimenticata la figlia in macchina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oppure è una concittadina della scrivente... ;-)
      Ciao bella, il mondo sta impazzendo... <3

      Elimina
    2. Per "scrivente" intendo l'autrice del post, a scanso di equivoci ihihihihih

      Elimina
    3. Spero che Cristiana lo conosca e abbia modo di dargli una ripassata di quelle decise. Chiaro che si nasconde dietro l'anonimato: che figura escrementizia non arrivare nemmeno a riconoscere il riferimento del "ci nacqui".

      Elimina
  3. Cara Cristiana, nonostante che avvertono sempre, purtroppo sono sempre frequenti, i furti delle borsette.
    Ciao e buon inizio della settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Beh, torniamo seri. Quando vado in ferie -in Italia- io porto una specie di bandoliera con dentro i documenti della macchina, gli spiccioli e la carta della mia banca. Il Bancomat lo lascio a casa, perché se lo devi far bloccare dall'Italia dura un casino; qui invece il tempo di una telefonata. Invece clonare la carta di una banca è più difficile, così mi hanno detto. Per questo in patria non portiamo più da tempo troppi soldi, e paghiamo quasi sempre con la carta. Se me la dovessi perdere ho il numero telefonico della mia SPARKASSE. Digito il numero, il mio riverito nome e cognome ed il codice segreto. Poi la parola d'ordine per lo smarrimento. Va tutto dentro un cervellone che automaticamente blocca la Kreditkarte, ne fa un duplicato con un altro codice segreto e me la spedisce all'indirizzo che io prima di partire ho depositato.Il tutto nello spazio di due giorni. Posso farlo anche con internet, in modo molto più rapido.
    Tschüß

    RispondiElimina
  5. Ehi, scrivente, sei una concittadine dell'amabile Anonimo?
    Che gentili follower che hai!

    RispondiElimina