commenti?

RAGAZZI,CHE SORPRESA!



Queste pregevoli tele sono opera di un blogger-amico .
Chi di voi riesce ad indovinare la sua identità?
Non si sa mai che l'amico  ( anche )  pittore gliene faccia omaggio.
Posso dirvi che è una persona veramente eclettica.












24 commenti:

  1. Potrebbe essere Vincenzo Iacoponi lo pensavo anch'io è l'unico che conosco virtualmente di cui so le sue doti eclettiche e quindi anche in questo campo

    RispondiElimina
  2. Concordo. L'unico blogger artista che conosco direttamente (non di persona, ma tramite blog) è Vincenzo.

    RispondiElimina
  3. Mi unisco ai blogger che mi hanno preceduto.

    RispondiElimina
  4. Certo che se deve dipingere quadri per tutti i blogger che lo conoscono dovrà farsi somministrare l'elisir dell'eterna giovinezza!

    RispondiElimina
  5. Cara Cristiana, mi pare che una volta io pure abbia fatto un commento da lui, ma non potrei giurarlo, forse perché non sono tanto attratto a questo tipo.
    Cara Laura, io ho avuto la fortuna di avere una compagna nella mia vita che aveva i miei stessi desideri, cioè viaggiare, abbiamo iniziato nel 90 e poi altri viaggi, uno anche molto interessante, è stata la Cina eravamo lo stesso gruppo dell'Egitto, erano gli anni che si iniziava a fare quei viaggi culturali per conoscere altri luoghi, posso dire molto interessanti, sicuro che l'Egitto è stato quello che più mi è piaciuto, una vero spasso.
    Sento che non sei molto presente nei blog capita che ci sono cose più interessanti da fare, famiglia, lavoro e altre cose, comunque ai trovato il tempo per farmi vista! Grazie.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Accidenti che fregatura sto web e sti webeti: non puoi fare niente che subito ti scoprono.
    Scherzi a parte innanzitutto un grandissimo grazie a te, Cris, per l'omaggio che mi hai fatto. Un bravo poi agli amici di blog che hanno visto la mia mano nei quadri che hai postato.
    Io non ho ancora ben capito se io sia un pittore che scrive abbastanza bene oppure uno scrittore che dipinge abbastanza bene. Il fatto è che il quando dipingo scrivo delle storie coi colori e quando scrivo tendo a fare un quadro, sempre.
    Un bell'impasto. Diciamo che dove non arrivo con la parola arrivo col segno e col colore. E viceversa.
    Vuoi però sapere quale sarebbe in verità la mia passione? Scrivere testi teatrali e dipingermi le scene da solo. Dopo tutto per oltre diciotto anni quella è stata la mia professione. Ma una commedia -non brillante, astratta, un po' sui generis- sarebbe fantastico.
    Due le avrei finite, ma non ho trovato una compagnia o un capocomico che me le mettesse in scena. Vero è che le ho scritte in tedesco e forse avrei dovuto lasciare la mia italianità fuori la porta.
    Vuoi conoscere i titoli? La prima: Il volo del gabbiano spento; la seconda Ritratto d'ignoto in bianco e nero. D'ignoto, bada bene e non di ignoto.
    Pensa te.
    Queste sono opere dipinte nel periodo 1980-90, quando avevo ancora il mio atelier. Sono tutti acrilici, tranne "Abside", la penultima dall'alto, che è una tempera, e "Barche ormeggiate",la sesta sempre dall'alto che è un acquarello.
    Sono molto legato a tutte ma in modo particolare a "Anna Maria davanti alla finestra", la terzultima che mi ricorda un periodo un po' nebuloso della nostra vita.
    Cristià che te devo da dì, sei grande, sì tu si na cosa granne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto che intuito i tuoi amici del blog? E poi dicono che l' amicizia virtuale sia sempre superficiale : mica vero!
      Vedo che non accenni a riconoscimenti, strano perchè non ho mai colto segni di " braccino corto" nei tuoi scritti.

      Elimina
    2. A quali riconoscimenti alludi? Scusa ma sono in ricarica.

      Elimina
    3. Un omaggio a chi ti ha riconosciuto, soprattutto a Massimiliano che è stato il primo.

      Elimina
    4. Mi pareva di averlo fatto con il mio incipit scherzoso. Vabbé ti accontento subito. È un'enorme soddisfazione vedere che persone intelligenti e colte abbiano colto -a prima vista- caratteristiche in quel quadri tali da condurli a fare il mio nome, anche se l'arcinota amicizia tra noi due li possa avere facilitati.
      Il fatto è che io sono sempre stato schivo per complimenti, mentre ho sempre affrontato con cipiglio ed irruenza critiche e porconate come quele del nostro ineffabile pseudometafisico anonimastro. Così mi nacqui, così mi mantenni e così mi trovo a mio agio.

      Elimina
  7. Non lo conosco ma ora prendo nota! Ci farò una navigata

    RispondiElimina
  8. http://www.letteratura.rai.it/articoli/simboli-e-scarabocchi/882/default.aspx

    RispondiElimina
  9. E il leone da tastiera colpisce ancora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Arte" espressione del sè. Il suo paragone mi fa intendere che si è soffermato sulla superficialità, in questo caso del titolo?
      Opinione opinabile

      Elimina
    2. Senti, anonimo del lunedì, del martedì, del mercoledì, del giovedì e di qualunque altro giorno ti suggeriscano le tue personalità multiple: dacci un taglio. Puoi avere le opinioni che vuoi sull'arte di chiunque, però massacrare in questa maniera una persona che non ti ha fatto niente (nascondendoti dietro la maschera di anonimi multipli, tra l'altro) è una carognata davvero infame. Pubblicati con nome e cognome e con tanto di foto delle tue opere artistiche, così potremo davvero divertirci a fare dei paragoni.

      Elimina
    3. Grazie Dumdumderum per la difesa; obbligato e commosso.
      Servirà purtroppo a poco, cioè a dire tutto fiato sprecato: non può intenderti chi non ha la minima quantità di materia grigia per distinguersi da un insetto, da una pietra, da una inopportuna flatulenza dentro un ascensore.
      Grazie comunque a te.

      Elimina
    4. De nada.
      So che sono parole al vento, ma a me 'ste cose fan saltare i cinque minuti. Sul mio blog ho fatto in modo di tagliar fuori i leoni da tastiera, ma provo una gran pena per la specie umana nel leggere i loro "commenti" (virgolette d'obbligo) sui blog amici.

      Elimina
    5. Resto senza parole. Inutile domandare dove legge il "massacro"? se non nelle risposte che mi sono state rivolte? Non credevo di essere capitata nel regno della fantasia... dove l'unicità risiede solo nella "cacofonia". Non resta che "scuotere la polvere, mio malgrado. I veri amici Signor Dumdumderum(?) glieli farà distinguere il tempo. Adieu

      Elimina
    6. Ribadisco: firmati con nome e cognome e pubblica foto delle tue opere, poi potrai parlare: adesso stai solo banfando a vanvera (copiando e incollando concetti pseudoprofondi presi pari pari da pagine assurde del Tomo delle Facce di Merda, con ogni probabilità). Se non sei in grado di esaudire una richiesta così semplice, è meglio se sparisci definitivamente.

      Elimina
    7. https://www.youtube.com/watch?v=6irxnyiKODw

      Elimina
  10. Sono l'anonimo del mercoledì, voglio complimentarmi con l'anonimo del lunedì e con quello del martedì.
    Scrittore/pittore? Non dire, più che altro sei uno scribacchino scarabocchiatore. Non tirartela troppo, sai com'è, alla tua età non bisogna esagerare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La antica saggezza paterna mi suggerirebbe di defecarti, ignobile prodotto diarroico di un cane paralitico, ma saggio mai fui. E poi mi sovviene quel che Socrate sosteneva -lo scrive Platone nel Fedone- che cioè ogni avversario dovesse essere affrontato sul suo campo, dove potesse intenderti.
      Sono sempre stato un grecista, fiero allievo di Agostino Masaracchia, uno dei suoi Meisterschüler per intenderci, per cui lo debbo a Socrate e soprattutto a Platone, il più grande scrittore dell'antichità e non solo.
      Allora sottoprodotto di un cadavere putrefatto, scrittore? Lo sono e posso scrivere tutto quel che voglio, non ho limiti.
      Pittore? Se vuoi la mia opinione eccola: solo il non avere un titolo accademico non mi ha spalancato porte e portoni. Tuttavia se mi presentassi in una qualunque delle massime gallerie d'arte in Germania, che so io a Frankfurt a.M., a München, a Köln oder Hamburg, oder Mannheim e dicessi il mio nome, nessun esimio gallerista sbarrerebbe gli occhi chiedendomi: "Iacoponi? Ja und? Wer sind sie?" perché mi conoscono benissimo.
      Per quanto concerne la mia età tu tienti le tue carte che alle mie bado io. Però, ti prego, sbaracca. Fa caldo ed è risaputo che la merda al sole puzza ancora di più. Io e i miei ospiti ne siamo ammorbati.

      Elimina