Un po' di horror non guasta.


Asti, ritrovata dai     carabinieri l'ampolla con il cervello di Don Bosco   Presumo che abbiano imparato la tecnica dagli egizi che usavano un uncino  per estrarre il cervello dal naso del defunto 
   

Di ampolle ne ho trovate due, palesemente diverse, per cui  occorre affidarsi al Pin Pin Cavalin

Di Sant'Antonio da Padova, hanno pensato bene di asportare la lingua le corde vocali , il mento e il dito indice destro
La lingua del Santo



La teca che conserva la lingua 
Dapprima inorridita  da questo feticismo cattolico per  varie parti dei corpi dei defunti, mi sono chiesta cosa c'entrasse questa profanazione dei morti con la chiesa cattolica poi, osservando alcune fotografie dei fedeli e leggendo  il  turismo religioso, che in Italia è capace di muovere 40 milioni di persone tra turisti e escursionisti da una sola giornata. Il Veneto in particolare presenta numerosi luoghi religiosi capaci di suscitare l’interesse dei pellegrini: dalla Basilica del Santo (Sant’Antonio) di Padova (il santuario più visitato della regione, capace di raccogliere tre milioni di turisti l’anno)  , ho fatto due più due : più reliquie hai più soldi fai.










.

9 commenti:

  1. È stato fermato il responsabile del furto dell'urna contenente il cervello di San Giovanni Bosco rubata lo scorso 3 giugno dalla Basilica di Colle Don Bosco, nell’Astigiano.
    L’ampolla nascosta in cucina
    Era occultata in una teiera in rame la reliquia di don Bosco rubata lo scorso 2 giugno e recuperata dai carabinieri. L’autore del furto, un pregiudicato di 42 anni, l’aveva nascosta in un armadio della cucina della sua abitazione, a Pinerolo, nel Torinese. Perfettamente conservata, l’uomo non ha neppure tolto dalla ampolla i sigilli della Congregazione Salesiana. Secondo i carabinieri, che hanno effettuato le indagini coordinate dal sostituto procuratore Laura Deodato, le ragioni del furto non sono da cercare nella volontà di chiedere un riscatto e neppure nell’ordinazione di qualche collezionista, ma nell’erronea convinzione che il coperchio della teca fosse di qualche valore, forse oro, e potesse essere rivenduta. All’uomo, i militari dell’Arma sono giunti dopo che le sue impronte sono state trovate sul luogo del furto.

    RispondiElimina
  2. Tutti hanno bisogno di soldi, e quindi di gadget :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io rubo un Modigliani e poi lo metto in un salone per la gioia dei visitatori.
      Il turismo religioso è fuori luogo. Non lo invece l'insolita pubblicità del sito della Lindl. Cri se è autorizzata da te devi dirmelo perché io non commento in siti di questo tipo.

      Elimina
    2. Non so di cosa stai parlando.

      Elimina
  3. Cris questo è uno dei tanti motivi che mi hanno definitivamente allontanato dal cattolicesimo: la grande abbuffata di bufale, odiosa in una religione seria. Lessi un libro serio sulla "scoperta" famosa di Sant'Elena: la croce dove fu crocifiso Gesù -pensa un po' tu- seppellita misteriosamente da chissacchì. Elena ne fece tanti pezzi e da allora in migliaia di chiese se ne trova una scheggia. Mettendole insieme si otterrebbe una croce di 75 metri di altezza con bracci di un totale di 32 metri, dal peso di un paio di tonnellate, che Gesù trasportò da Jerusalem al Golgota. Ma quanto era alto sto Gesù? e aveva la forza di 12 paia di buoi. Che bravo!
    Tu, ma lo sai perché gli antichi egizi toglievano con ganci il cervello attraverso le narici? Perché il cervello, essendo acqua e pochissimo materiale grasso si decompone in brevissimo tempo. Pensa tu questo cervello portato a spasso per duecento anni! Come il sangue di San Gennaro-peraltro mai esistito a giudizio di Santa Madre Chiesa- che disidratato si riduce in terriccio e quindi fine, mai più liquido, e invece!!!
    Lasciamo perdere. Meglio occuparci delle panzane della Bibbia. Pensa un po' che Mosè con un centomila giudei attraversa il Mar Rosso, mentre a pochi chilometri a est c'era -allora ancora- l'itsmo di Suez, terra ferma e solida e non fondo marino dove sarebbero tutti sprofondati miseramente. Quante cazzate, mamma mia!
    Lasciamo perdere, altrimenti uno dei tuoi più assidui follower scappa via ululando.
    Ciao Cris.

    RispondiElimina
  4. Cara Cristiana, sono cose che se si riflette sono preoccupanti, ma credo che sia meglio non pensarci troppo e per incominciare, non preoccuparci.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Hahaha hai visto il film di Carlo Mazzacurati La lingua del Santo?

    RispondiElimina
  6. Non ho mai capito il motivo che spinge un credente di una qualsiasi religione a prediligere un luogo nel quale si conserva un pezzetto più o meno autentico di un defunto legato alla fede. Ci sono luoghi in cui si venera una pietra, si conserva un dente o un capello di Buddha… C’è stato un periodo in cui erano conservati in varie chiese, sei dico sei prepuzi della circoncisione di Gesù. Chiese in cui si conserva una cintura di Giuseppe un pezzo di un abito o dei sandali. Leggo in rete che nel convento di Gräfrath nei pressi di Colonia c’è o c’era la cacca dell’asino cavalcato da Gesù. Una piuma dell’ala dell'Arcangelo Michele era custodita a Caltanissetta…
    La lista sarebbe interminabile.
    Felice domenica, un abbraccio
    Enrico

    RispondiElimina
  7. Io sono per la cremazione e la vergognosa esposizione di Santi mummificati o pezzi del corpo da venerare sono una grave mancanza di rispetto per la persona che da morto deve subire queste profanazioni.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina