Galleria di mostri

Ogni giorno 11 stupri. In quattro casi su dieci l'autore è straniero

ROMA - Quasi 11 stupri al giorno, quattromila ogni anno. Più di un milione di donne colpite in Italia

Crescono gli italiani denunciati: 1.534 nei primi sette mesi del 2017 contro i 1.474 dello stesso periodo del 2016. Ma resta altissima l’incidenza degli immigrati su questo reato, sia come autori che come vittime: gli stranieri denunciati per violenza sessuale sono infatti 904 da gennaio a luglio 2017, poco meno dei 909 dello stesso periodo del 2017

2.438 casi di stupro o abusi nei primi 7 mesi del 2017. Ma molto più spesso la denuncia non arriva neanche

Tra le persone denunciate o arrestate 1.534 sono italiani, 904 stranieri. Una lunga scia di violenza nei dati del Viminale, che sottostimano il fenomeno.

La presidente di Telefono Rosa, Maria Gabriella Carnieri Moscatelli, "per questo più che fare una differenza di cittadinanza direi che il problema è che sta passando un messaggio tremendo di impunità, perché gli stupri in Italia sono all'ordine del giorno"
La violenza sessuale risulta essere il reato in assoluto meno denunciato; secondo le stime, i casi di violenza sessuale che arrivano nelle stanze delle questure sarebbero solo una minima percentuale che oscilla dal 1% al 28% di quelle realmente subite dalle donne.
Le teorie sulle motivazioni allo stupro sono piuttosto confuse e spaziano da una presunta patologia mentale dellostupratore, un forte odio verso le donne, fino a spiegare il comportamento sessuale deviante con l’ottenimento del climax del piacere sessuale quando la vittima resiste e soffre (Koss e Dinero, 1988


Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2017/01/stupratore-violenza-sessuale/

Per saperne di più: http://www.stateofmind.it/2017/01/violenza-sessuale-stupro/

Londra, 9 apr. - Chi ha avuto un padre od un fratello condannato per violenze sessuali ha 5 volte le chance di commettere lo stesso crimine rispetto a quanti non hanno avuto precedenti simili in famiglia. E' quanto emerge da uno studiocondotto in Svezia 

Ieri gli ultimi due casi, Dottoressa aggredita e violentata in ambulatorio durante il turno serale alla guardia medica in Sicilia e la donna tedesca di 57 anni senza fissa dimora«Legata per non farmi scappare e stuprata»

La prima parola che mi viene alla mente, da ignorante, è PSICOPATICO,  forse una persona con una doppia personalità, probabilmente affetta da narcisismo
  La psicologa Margarita Ortiz-Tallo dell’Università di Malaga, oltre ad arroganza e narcisismo, ha identificato una terza caratteristica tipica del profilo dello stupratore: la personalità antisociale, come spiega a El Mundo. Tale personalità non implica che chi ne soffre sia necessariamente un emarginato, al contrario chi ne soffre può essere capace di adattarsi perfettamente all’ambiente in cui vive, incluso avere ottimi rapporti con chi lo circonda.

Detto questo, sono ancora più sconvolta da questo reato immondo, perchè mi rendo conto che nulla si può attuare per far sì che non avvenga, non vi sono  nè regole nè leggi che tengano, nè servirebbe esacerbare le pene.
Alcuni mostri mostri





11 commenti:

  1. È già passato il messaggio: in Italia tutto si può fare, non ti capiterà nulla.
    La malattia è diventata epidemica e va stroncata con le maniere fortissime. EVIRAZIONE OBBLIGATORIA. Pene non inferiori ai 15 anni di carcere duro, altrimenti non potremo più essere sicuri che le nostre madri, sorelle, mogli e figlie siano protette.
    Una variante potrebbe essere fare scontare la pena a livello 41 bis, concedendo agli ergastolani che ivi soggiornano dei benefici, a patto che facciano vedere i sorci verdi agli stupratori.
    Non democratico? E chi se ne frega. Le vogliamo difendere o no le nostre donne?
    E inoltre denunce penali per quei giudici e rappresentanti della legge che snobbano le poche denunce che arrivano sul loro tavolo.

    RispondiElimina
  2. E' un quadro desolante se pensi che si è rischiato di depenalizzare lo stalking per un errore quest'estate se non erro, e se pensi che nonostante tutto si continuano a dare permessi premio a soggetti come questi, ti rendi conto di come ci sia ancora tanto da fare proprio anche sul piano della deferenza. Detto questo noi uomini per primi dobbiamo muoverci per essere vicino a voi donne e contrastare anche quegli atteggiamenti beceri e machisti che purtroppo troviamo ancora sui social.

    RispondiElimina
  3. ERRATA CORRIGE "SUL PIANO DEL DETERRENTE" NON DEFERENZA

    RispondiElimina
  4. Ciao Cristiana,lo scrivo a malinquore,ma per la prima volta mi trovo in accordo con Matteo Salvini,questi essere vergognosi vanno puniti con la castrazione,non quella chimica ma quella vera e di antica memoria,un paio di forbici e via.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  5. Cara Cristiano, sembra che questo sia un male contagioso sempre in crescita.
    Ciao buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Sicuro? https://www.youtube.com/watch?v=bOgRxD4IH-4

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i "banchetti" in ginecologia? https://www.youtube.com/watch?v=X756Z06om0c

      Elimina
  7. E pensa com'è la situazione a Stoccolma, capitale europea (ma c'è chi dice mondiale) dello stupro.

    RispondiElimina
  8. >>>A Vincenzo E Fulvio In non discuto sulla pena , li evirerei alla base, dico che non è possibile individuarli finchè non agisconoe e può essere chiunque.
    Cri

    RispondiElimina
  9. Io do solo un dato, i centri antiviolenza hanno sempre meno finanziamenti e non solo da oggi.

    RispondiElimina
  10. Io sull'argomento leggo solo chiacchiere inutili.
    In realtà ai nostri governi non frega nulla della violenza sulle donne.
    E non solo a loro, purtroppo.

    RispondiElimina