MISOGINIA



Leggo su blog di Fulvio -       - https://coloratissimo.blogspot.it/     - che è di Trieste ,
" Nella mia regione Friuli -Venezia Giulia un bastardo finisce in carcere per aver strangolato la fidanzata e finisce in carcere solo per pochi giorni.Il giudice sentenzia che l'assassino non sopporta il carcere, lo fa star male, e ora è in attesa degli arresti domiciliari.".
Leggo, sul quotidiano di Trieste, che prima dei domiciliari deve arrivare il bracialetto elettronico e mi auguro che il ritardo si prolunghi in modo che l'omicida di Nadia Orlando  ( 21 anni )   Francesco Mazzega,schiatti dalla paura.
Senza dubbio un giudice misogino, anch'egli con qualche disturbo psicologico, al pari del padre dell'assassino che giustifica il figlio dicendo " Francesco è una brava persona, non un assassino".  

10 commenti:

  1. Non ho seguito il caso, ma leggendoti (forse per questo doso la cronaca) perdo il senso del vivere...

    RispondiElimina
  2. Un triestino che ammazza la fidanzata di 21 anni che ha paura del carcere. Speditelo al vecchio "Bagno Penale" di Civitavecchia, usato dai Papi e dai Cardinali dello Stato Pontificio per accogliere i lazzaroni come il nostro triestino malefico. Le celle sono tutte sotto il livello del mare. Bastavano cinque anni per demolire un gigante. E non c'è luce elettrica, solo torce e candele.
    Insieme a fargli compagnia mandate quel giudice di merda che lo manda ai domiciliari, e ricordate LA CASTA VA ABOLITA qualsiasi casta ma quella dei giudizi e affini va smantellata in fretta.
    Quel padre -da padre- non lo capisco. L'ho generato anch'io, l'ho aducato anche io quindi sono anch'io colpevole. Se mio figlio ha ucciso la colpa è anche mia che da piccolo non gli ho insegnato che NON SOLO sua madre è una brava persona, ma che TUTTE le donne vanno rispettate. Quel figlio non è un braVo ragazzo, ma un LURIDO ASSASSINO. Bagno penale di Civitavecchia, Via Tarquinia, vicino al vecchio cimitero. E sprangate ben bene le uscite.

    RispondiElimina
  3. Cara Cristiana non mi sento nemmeno la voglia di commentare questo fotto,
    posso solo dire una parola! Vergogna!!!
    Ciao e buona settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Fosse per me avrei lasciato questo tizio in carcere e buttato via la chiave.
    Ma, come scrivevo da Fulvio, i nostri magistrati mancano sia di senso della giustizia che degli attributi.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Mi auguro sia una fake news ma se non lo fosse, si deve essere comprensivi e se in carcere lo strangolatore sta male, consiglierei una Suite all’hotel Danieli a Venezia …Scusate se mi permetto di dare un consiglio, il braccialetto dovrebbe essere di Tiffany o Cartier.
    Buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  6. Oramai la giustizia fa schifo e il giudice perdonista e il padre difensore devono vergognarsi.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
  7. Sono moderatamente contrario agli strangolamenti ma in ogni caso sono indispensabili le pari opportunità.

    RispondiElimina
  8. è un momento difficile anche perché a gestirlo abbiamo personaggi che sono solamente in grado di dare risposte per perdere voti invece di occuparsi della cosa pubblica e della giustizia

    RispondiElimina
  9. Il padre è da condannare quanto il figlio: non puoi riconoscere e/o trovare attenuanti per un assassino di questo tipo, neanche per un figlio.

    RispondiElimina