2 NOVEMBRE

Per un principio mio personalissimo, non sono mai andata al cimitero.
Il  primo lutto che mi ha colpita profondamente è stato la perdita della mia nonna materna, che adoravo;.più una madre che una nonna , sempre presente.
Sapevo che avrebbe voluto essere cremata e che aborriva l'idea di finire sotto terra, ma ciò non era ancora consentito in Italia , per cui decisi di rispettare questa sua idea e comprai una scatola  (questa non è l'originale perchè non sono capace di fotografare e  e trasportare in internet) e vi posi una sua sua foto di quad'era giovane,  una con me bimba, il paio di orecchini che non aveva mai tolto e la fede nuziale.
Penso che valga di più il ricordo indelebile di una persona amata, che una visita alla sua tomba che ne  contiene   solo le spoglie e certamente non la sua anima e il suo spirito.
Avevo già perso mio padre quando avevo 3 anni, ma era morto in Francia e , per varie ragioni, non era stato possibile andare al suo funerale
Quando passai per Lione, dove è sepolto, non andai al cimitero, fermamente decisa a ricordarlo come l'ultima volta che lo vidi, quando mi abbracciò,  e  poi corsi sul balcone per vederlo salire sul taxi . Alzò lo sguardo e mi salutò , mentre la neve che scendeva su Milano gli bagnava il viso.
.

10 commenti:

  1. Cara Cristiana, ognuno di noi oggi si sente vicino ai suoi defunti, credo che il pensiero e la riflessione la puoi fare ovunque ti trovi, se anche non è il cimitero.
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono scelte molto condivisibili. L'ultimo ricordo di tuo padre, i ricordi di tua nonna.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Pensa non ho visto morire nessuno dei miei genitori. Il mio babbo era ricoverato in ospedale e quando mi hanno telefonato per dirmi che la situazione era peggiorata , io ero al lavoro, è bastato il tempo per fiondarmi in ospedale ( 10 minuti) e mio babbo era già passato a vita migliore ..almeno spero. Per mia mamma ..pensa.. ero andato a trovarla nella casa di riposo dove stava. ero senza sigarette e sono andato a coMprarle , prima di andare le ho dato un bacio e le ho detto vado a prendere le sigarette e torno ....10 minuti,,son tornato e ho trovato mia mamma coperta con un lenzuolo dalla testa ai piedi ....al cimitero vado spesso a salutarli ,so benissimo che ne sono felici di questo, nel mio cuore sono e li ricordo nei loro momenti migliori sorridenti, felici o nel mentre si scambiano un bacio furtivo dallo sguardo dei figli in cucina , ma io li ho "beccati" ed è il ricordo più bello che ho ....ciao

    RispondiElimina
  4. I miei genitori sono sepolti nella tomba di famiglia a Civitavecchia. Dal 1988, data della morte di mamma, sono andato a Civitavecchia solo quattro volte, a trovare i miei nipoti, a trovare i vivi. Ma anche al cimitero per vedere in che condizione fosse la tomba. Eccellente, e devo tutto ai miei tre nipoti. Da noi se non ti guardi il tuo da solo, addio mare.
    Verissimo quello che dici tu. La gente continua a viverci dentro; che è sto culto dei morti? Sti fiori ogni volta? Io non ho questo bisogno, non lo sento. Nemmeno per la tomba di mio fratello che era ed è parte della mia anima. L'ho visitata anche per vedere il cimitero nuovo su in collina, molto seducente, molto moderno. Da non credere che i civitavecchiesi potessero fare una cosa così.
    Qualcuno deve aver letto una mia intervista di tantissimi anni addietro su Il Messaggero, quando dissi che il mio sogno era essere sepolto nella collina del faro, proprio sotto il faro, coperto da uno scoglio di mare, con sopra solamente il mio nome.
    Il nuovo cimitero è appena un chilometro a destra del faro.
    Ai tuoi piedi la città, davanti come una tavola imbandita il mare con l'orizzonte lontanissimo e circolare come il mondo, dove sprofondano le navi e da dove risorgono.

    RispondiElimina
  5. condivido il tio principale pensiero: da anni non vado più al cimitero. penso che chi ho amato, chi ha avuto un legame con me, sia soprattutto vivo nei miei ricordi, nrll'aria che respiro, ovunque e da nessuna parte nello stesso momento.

    RispondiElimina
  6. Scelte più che condivisibili. Io per esempio non ho mai voluto vedere i miei cari dopo che erano stati deposti nella bara o al momento dell'esumazione.
    Buon fine settimana, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  7. Prima! Dopo a che serve? https://www.youtube.com/watch?v=tsgEkBmcfY8

    RispondiElimina
  8. Andare al cimitero secondo me non serve. Le persone che hai amato e perso ti restano dentro.

    RispondiElimina
  9. Preferisco ricordare i miei cari da vivi e sulla base di altre cose piuttosto che con una preghiera sopra una tomba.
    Ciao, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  10. I ricordi sono il dono più prezioso che possono lasciarci le persone che abbiamo amato. Penso che possano bastare per coltivare la memoria.Un abbraccio.

    RispondiElimina