L'IMBARAZZO DELLA SCELTA.

Strage nel Texas



Ma che testa c’hai?
Il pericolo è che squilibrati  no possono armarsi a volontà : hanno solo l'imbarazzo della scelta. 

10 commenti:

  1. Non è, purtroppo, un problema nato con Trump, ma una cosa che va avanti da anni e anni...

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Cara Cristiana, nonostante una tragedia dopo l'altra, non capiranno mai!!!
    Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Non ha tutti i torti: le armi sono semplicemente degli strumenti. Il problema sono i merrrrregani in generale, che vogliono, pretendono, esigono di potersi comprare armi anche dal pescivendolo - e già lì si nota quanto siano squilibrati. L'alligatore è solo un sintomo del problema, non la causa: qui concordo in pieno con MikiMoz.

    RispondiElimina
  4. Il problema è che la politica americana "one man, one gun" è sempre esistita e i controlli per i porti d'armi sono pochissimi.
    Però questo è un problema del governo americano, quindi che se ne occupi lui.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Come al solito avrebbe fatto bene a tacere, ma la lingua tra le chiappe non è capace di reggerla e così si è sparato una cannonata sugli zebedei.
    Dunque era uno squilibrato. Ok! Incolpevole. Un fucile automatico non significa che spari da solo, occorre sempre un deto di un uomo, anche se squilibrato per farlo suonare. Quindi incolpevole anche il fucile. Allora di chi è la colpa? Trump? No, sto sistema andava avanti già da sempre. I merregani allora. Giusto, ma se non avessero a disposizione tutte le armi da guerra più sofisticate da portar via con una manciata di dollari non potrebbero far niente i merregani. Allora chi? Ma una legge di merda che permette ad un matto dichiarato di prendere un automatico da 300 colpi al minuto senza bisogno di altro che dollari, perché questo è lo scopo: incassare quanti più dollari possibile.
    E allora ammazzatevi tra di voi. Noi stiamo a guardare con un pallotoliere accanto.

    RispondiElimina
  6. Un popolo di guerrafondai.. Se non hanno un'arma in mano o almeno in casa non sono felici. Pazzesco!!!!!

    RispondiElimina
  7. Il fatto è che Lamerica - diciamoci la verità - non è quel grande paese che tutti decantano.

    RispondiElimina
  8. Tu pensa che l'assassino non avrebbe potuto avere un'arma neanche con la permissiva legge statunitense sulle armi. Quindi legge clownesca e controlli ridicoli, portano poi ad una diffusione incontrollata delle armi che quindi capitano anche in mano chi proprio non dovrebbe averle.

    RispondiElimina
  9. America, il paese delle grandi contraddizioni che si dà la zappa sui piedi da solo!

    RispondiElimina
  10. Negli USA la legge varia da stato a stato. Portare armi è un diritto soprattutto per motivi storici. Potenti lobbies (soprattutto i fabbricanti di armi anche da guerra) si oppongono a che la storia vada avanti. Una curiosità: a differenza dell'Italia (dove il porto d'armi è difficile) è più difficile in USA portare armi che si possono nascondere (piccole pistole) che grosse armi visibili. E non è del tutto sbagliato. Anche in Italia è facile detenere armi. Il vero problema è la (necessaria) schedatura di armi e persone armate, e la relativa sorveglianza.

    RispondiElimina