satira preventiva

La piaga delle molestieè molto più estesa e profonda di quanto emerge dal caso Weinstein. Perché non ci sono solo le molestie sessuali. Quelle sono la punta dell’iceberg. In quasi tutti i campi della vita sociale i molestatori agiscono indisturbati, spesso senza che nessuno abbia il coraggio di denunciarli e di fermarli.

Il caso Sinistra Dopo un secolo di liti sanguinarie e drammatiche scissioni, l’uomo e la donna di sinistra finalmente potrebbero godersi una mediocre deriva e vivacchiare in un riposante stato di rassegnazione, grazie alla totale ininfluenza della loro parte politica. Ma i loro leader, senza tregua, continuano a inseguirsi con il piccone, come ai tempi di Stalin e Trotzky, a promuovere scissioni, a pronunciare solenni abiure e infocati anatemi.

Il caso Food . Nessuno poteva immaginare che il cuoco sarebbe diventato un’ossessione nazionale, e una delle principali fonti di molestie gravi. Si va dal maniaco che rompe le balle, da anni, sulla cottura in forno a sessanta gradi per quaranta ore, costringendo molte brave persone a rimanere in casa due giorni di seguito per cucinare un pollo, con pesante incremento degli indici di assenteismo. Al sadico che sputa per terra gli involtini del concorrente perché mancano di salvia. Impressionante la complicità delle vittime, nessuna delle quali, fino ad oggi, ha mai detto al suo chef aguzzino «lo sa dove deve metterselo, l’involtino?».

Il caso Sgarbi « Sgarbi non fa eccezione, colpisce alla cieca, chi c’è c’è. Senza preavviso, a un tratto comincia a urlare come un ossesso, con gli occhi fuori dalle orbite e un sinistro aerosol di sputacchi che invade lo studio televisivo. Esperienza tremenda per gli ospiti in studio, per il conduttore, per i cameramen, ma anche per le gente a casa, specialmente i bambini. . Come per gli autovelox, sono in vendita macchinette che rivelano la presenza di Sgarbi lungo i palinsesti, ma basta un attimo di distrazione per incappare in un suo primo piano mentre urla a perdifiato.

Il caso Berlusconi Anni di governo catastrofico, Mediaset con i palinsesti fermi al 1987, il Milan svenduto a una società di scatole cinesi l’ultima delle quali ha sede a Caserta, una fedina penale lunga chilometri e due matrimoni fallimentari alle spalle: eppure Berlusconi, ormai da trent’anni, appare sorridendo in televisione, nelle piazze, nei supermercati, ovunque, proponendosi come l’uomo ideale per le italiane e gli italiani. Il lifting, che ormai lo ha lignificato come la Marionetta Assassina nei film dell’orrore, lo rende ancora più sinistro. Molestatore seriale, con le tipiche turbe del caso (esibizionismo, ego ipertrofico, spiritosaggini a raffica), ha sempre contato soprattutto sulla inconsistenza psichica delle sue vittime, e per questo ha buone probabilità di rivincere le elezioni


Berlusconi , a mio parere, ha una scusante : è sempre stato generoso con le donne del suo harem. Ora dice di essere monogamo , di vivere con la Pascale  more uxorio.

Secondo voi , a quanto ammonta l'appannaggio della fidanzata?

10 commenti:

  1. Cara Cristiana, io non mi pronuncio, tanto so che non è facile parlare su questi argomenti, che oggi sembra che tutti abbiano ragione.
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso se anche piove.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Io invece mi pronuncio. A parte il fatto che gli strupatori li metterei in prigione a vita (forse a farsi strupare), nella mia vita di lavoro ho visto molti "direttori" molestare qualche impiegata per poter andarci a letto. Quello che però non condivido nel tuo post (e me ne scuso) è che confondi la persecuzione sessuale con quella televisiva perché ciascuno è libero di guardare o non guardare un programma televisivo. La bella cosa è che in una parte della Francia non si può raggiungere le reti dell'impero Berlusconi anche se io non le guarderei ugualmente. Un personaggio che non sopporto, sia politicamente che visualmente, e che continua a fare tutto quello che vuole. Per l'appannaggio : diciamo un milione di euro al mese ? Buona serata domenicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pardon : Stupratori e stuprare. Ciao.

      Elimina
    2. Hai ragione su tutta la linea, caro Elio, ma questa è satira - a proposito ho dimenticato di dire che appartiene alla rubrica settimanale di Michele Serra su
      L'Espresso-

      Elimina
  3. Risposte
    1. In effetti mi sembra un po' troppo, ma stai certo che avrà già investito in case ed un'eventuale attività futura.

      Elimina
  4. Food cosa o chi è? Quello chef encefalitico che grugnisce contro cuochetti in erba che sembrano disposti a farselo mettere nel sederino per compicerlo? Ma nessuno se lo ingroppa?
    Sgarbi è un cafone e un pazzo scatenato. Peccato, perché quando sta normale ha una profondissima cultura nel suo campo artistico.
    Purtroppo rovina tutto in dieci secondi.
    Comando a distanza rintracciato...zac...via Sgarbi.
    Berlu. Puoi parlarne male per ore ma devi sempre ricominciare da capo. Lui riciccia come se dice a Roma, nun môre mai.
    Però tra cinque anni del Berlu e cinque del cazzaro, mi turo il naso e mi tengo il Berlu.
    PS. Lo sapevi che ha acquistato il 60% delle azioni della Pfizer?
    Gli forniranno ogni mese 200 scatole del loro prodotto più venduto per i prossimi dieci anni.

    RispondiElimina
  5. Parallelo ardito ma interessante quello del post.

    RispondiElimina
  6. La molestia dei maiali è quasi istituzionalizzata.
    Spero che dopo la prima denuncia di Asia. si è messa in moto una valanga di proteste, riescano a debellare questo schifo.

    RispondiElimina
  7. Sgarbi all'inizio degli anni 90 ha fatto da apripista ad un certo tipo di televisione dell'offesa e della parolaccia, l'uomo che lo lanciò in Tv, cioè la stessa persona che ha importato il "Grande Fratello" in Italia, ovvero Maurizio Costanzo adesso non fa altro che lamentarsi della deriva trash intrapresa dalla Televisione italiana. Farsi una piccola auto-analisi di coscienza,no caro Maurizio?
    P.s
    Maurizione Costanzo ha presentato Sgarbi proprio sulle reti Mediaset, ovvero quelle di Berlusca, tutto torna alla fine.

    RispondiElimina