UN IMPEACHMENT, O NO?

A poche ore dalla cerimonia la sensazione forte a Los Angeles è che sarà un'edizione fortemente politicizzata e anche la premiazione potrebbe essere influenzata da questa atmosfera. Così anche il film d'animazione 'Zootropolis' con il suo messaggio di convivenza nelle diversità diventa politico.


Jodie Foster, Michael J. Fox, Ben Harper e molti altri hanno invitato a opporsi alle politiche di "esclusione e divisione" del presidente Donald Trump, intervenendo a un raduno tenuto a Los Angeles, a due giorni dalla cerimonia degli Oscar, che ha riunito circa 1500 persone. Prendendo la parola alla manifestazione organizzata davanti alla sede di Beverly Hills della United talent agency, l'attrice e regista due volte premio Oscar ha ammesso di non sentirsi "a proprio agio a usare la mia fama", ma "questo è un anno diverso, ed è il momento di farsi avanti, è il momento di impegnarsi".

Mi aspetto  un Salvini  che ripeta "Non c'è bisogno di andare in giro a fare pagliacciate",riferendosi al mondo gay






WASHINGTON - "Non parteciperò alla cena dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca quest'anno", annuncia Donald Trump, ovviamente su Twitter, augurando sarcasticamente "una buona serata a tutti". È l'ennesimo atto della guerra che il presidente degli Stati Uniti sta facendo ai mezzi di informazione colpevoli a suo dire di "fabbricare notizie false" e di essere "nemici del popolo". Trump rompe una tradizione che tutti i suoi predecessori avevano onorato. Del resto alla Casa Bianca non si era mai visto neppure quello che è accaduto ieri, quando molte testate - da Cnn a New York Times, da Los Angeles Times a Politico.com - sono state escluse da un briefing del portavoce presidenziale Sean Spicer.


Senza arrivare a  cogliere l'invito   del 

Village Magazine ...

@VillageMagIRE


Ireland's magazine for politics and culture.


ho firmato questa petizione, per quel che varrà, che dimostra tutta la mia comprensione verso il popolo americano, quello più colto e libero.

https://www.change.org/p/the-people-impeach-donald-j-trump


Grazie per la tua firma, cristiana

La tua firma è un passo cruciale iniziale nella partecipazione della campagna "The People: Impeach Donald J Trump".
Aiuta questa petizione a vincere dedicando un momento per raccontare ai tuoi amici ed alla tua famiglia perché questo é importante.

Ciao,
Ho appena firmato la petizione "The People: Impeach Donald J Trump" su Change.org. È importante. Puoi firmarla anche tu?
Ecco il link:
https://www.change.org/p/the-people-impeach-donald-j-trump?utm_medium=email&utm_source=notification&utm_campaign=petition_signer_receipt&share_context=signature_receipt&recruiter=371500108





......e sentire quel rumore




QUESTA CANZONE,TRASMESSA DA RADIO  2 QUESTA MATTINA, MI HA FATTO UNA TENEREZZA INFINITA.
CORREVA L'ANNO 2007 , trascorrevamo il Natale nella casa di mio genero in montagna e le 'mie' bambine avevano rispettivamente 9 e 7 anni.
Questa era la canzone che ascoltavamo  quasi ininterrottamente, a volte facendo  a gara per intervenire , cantando , nell'esatto momento in cui subentrava la voce di Luciano Ligabue.
Un bel ricordo di giorni sereni trascorsi anche a guardare la neve che scendeva abbondante.

Ci arriveranno, statene certi


QUBIIT
Cari amici, o avete paura di eventuali extraterresti, oppure non avete fantasia e  soprattutto, siete ignoranti e non sapete niente dei qubit :sistono diversi schemi di teletrasporto quantistico. Il caso più semplice è quello del teletrasporto di un qubit.
Lo stato iniziale dei sistemi di Alice e Bob è il seguente>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Basta guardare Star trek o il film  " La mosca", per rendersi conto che  il teletrasporto ha indotto gli scienziati a realizzarlo, per cancellare quel FANTA abbinata alla parola scienza




.



O       
P
P
U
R
E  La mosca


L'importante, in questo caso  essenziale, è assicurarsi che nella cabina teletrasportatrice ,non entri una mosca e nessun tipo d'insetto. Tutt'al più fate entrare il vostro cane





























MAGARI!

Quanto ho atteso una notizia del genere, da sempre convinta che ci siano altri mondi abitati. Perchè mai solo la terra, un puntino infinitesimale nell'universo, dovrebbe avere questa prerogativa-privilegio-peculiarità-'fortuna(?)  ???



















due esempi emblematici della GIUSTIZIA italiana


Nel 1995 fece uccidere il marito Maurizio Gucci, pagando un killer. Scontata per intero la sua pena, ora si prepara a incassare. A Patrizia Reggiani, che in questi giorni torna a essere una donna libera, una sentenza della Corte d'Appello di Milano riconosce il diritto a un vitalizio di un milione di euro l'anno, oltre a 24 milioni di arretrati maturati durante la lunga detenzione cominciata nel 1997.

LADY GUCCI
Il risarcimento e la libertà
Patrizia Reggiani «ha dichiarato di impegnarsi a risarcire integralmente i danni alle parti civili» nel momento in cui riceverà le somme che le sono riconosciute dalla sentenza emessa dalla Corte di Appello di Milano civile che le assegna un vitalizio di un milione all’anno (più gli arretrati pari a 23 milioni) sulla scorta di un accordo che la donna firmò nel ‘93 con Maurizio Gucci e che, per i giudici civili, non è inficiato dalla condanna per l’omicidio dell’imprenditore

Patrizia Reggiani Martinelli libera. Nel 2004 il primo permesso concesso dai giudici a Patrizia Gucci dopo questi otto anni di San Vittore: meno di un terzo dei ventisei che dovrà scontare. Permessi premio quasi ogni settimana : andava dalla mamma, prelevata e riaccompagnata in carcere dall'autista privato della madre  Il tribunale di sorveglianza ha accolto l’istanza del difensore Danilo Buongiorno che chiedeva la sospensione della pena in attesa che lo stesso tribunale decidesse sull’affidamento in prova ai servizi sociali.   Nel 2013 la donna, assistita dall’avvocato Danilo Buongiorno, dopo 17 anni in carcere aveva ottenuto l’affidamento ai servizi sociali lavorando per alcuni anni nello showroom di alta bigiotteria Bozart, nel centro di Milano.
Lady Gucci anche nel chiuso di una cella, come quando, un paio di anni fa, rinunciò al beneficio della semilibertà dopo avere scontato metà della pena per non iniziare a lavorare. 
Certa gente nasce proprio con la camicia  e per quanto sia calcolatrice e perfida,   "lassù qualcuno la ama". Mai si è pentita di ciò che ha fatto, e la conclusione potrebbe essere : ha fatto bene si è vendicata e ora ritira il premio.

Hanno voglia i giudici a lamentarsi  dicendo che non  sono rispettati!

TORINO - "Questo è un caso in cui bisogna chiedere scusa al popolo italiano". Con queste parole, la giudice della Corte d'Appello Paola Dezani, ieri mattina, ha emesso la sentenza più difficile da pronunciare. Ha dovuto prosciogliere il violentatore di una bambina, condannato in primo grado a 12 anni di carcere dal tribunale di Alessandria, perché è trascorso troppo tempo dai fatti contestati: vent'anni. Tutto prescritto. La bambina di allora oggi ha 27 anni. All'epoca dei fatti ne aveva sette.

Se qualcuno di voi conosce il "Codice penale", mi può spigare se , oggi come oggi, qualsiasi condannato per reati gravi, quali l'omicidio o lo stupro, magari con la scappatoia che non c'è pericolo di reiteramento del delitto o di allontanamento,  ha il diritto di non andare immediatamente in carcere e di dover aspettare l'Appello, o addirittura la Cassazione, prima di scontatre una pena comminatagli?

AMENITA'


Olanda, arrivano i semafori LED per i dipendenti da smartphone


La sperimentazione, tuttavia, non è stata ben vista da tutti e ha scatenato in particolare le proteste dell'Associazione per la Sicurezza Stradale Olandese: "Così si invoglia la gente a camminare indisturbata col cellulare" ha protestato Jose de Jong, membro delle VVN. "È un cattivo segnale quello che si lancia" concludeva.
Non hanno tutti i torti gli ASSO.Sarebbe il caso di munire i pedoni  di radar identificatori di  "smartphone-drogati , per tentare di evitarli.In Italia si potrebbero prendere in considerazione i led segnalatori di escrementi di cani sui marciapiedi, anche se l'ideale sarebbero quelli che segnalano i proprietari Maleducati di cani.
Altra amenità, grazie a quel simpaticone di Berlu:
Germania, nei sondaggi Schulz supera Merkel di 11 punti
Eppure Il nostro Primo ministro lo dileggiò, paragonandolo ad un kapò anche se Schulz "non sembra tanto ebreo".

 NR.33

Usa, nuova stretta sugli immigrati:
"Poteri alle autorità e arresti più facili"


ORDINE SOTTINTESO, o più probabilmente subliminale  "Sparare al minimo cenno di reazione"

Donald Trump e l'attentato inesistente:
"Guardate cosa è successo in Svezia.
.."

Lui sì che è ameno!





Ribadisco

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/17/ragazzo-suicida-a-lavagna-lettera-a-sua-madre/3396353/

Torno, per l'ultima volta, sul tragico suicidio del giovane di Lavagna, perchè ho letto su "Il fatto Quotidiano" questa lettera  di un giornalista-poeta che  possiede un blog sul quotidiano.
Qualcuno ha chiamato la signora di Lavagna " Madre Coraggio" , io invece , proprio perchè ha scelto di scaricare ogni responsabilità nelle mani della legge,  non trovo niente  di coraggioso in ciò che ha fatto. Le ' madri coraggio' sono ben altre, e fra queste c'è senza dubbio la madre di Lello Voce.

Sì, lo so che è  molto difficile affrontare un argomento tanto tragico e affrontarlo con oggettività.
Quindi mi limito ad affrontarlo soggettivamente, deprecandolo nella maniera più assoluta.
Perchè, invece di rivolgersi alla finanza, non ha cercato un sostegno psicologico per quel ragazzo che aveva adottato con l'intento, penso, di crescerlo ed aiutarlo nelle varie fasi della crescita.
Mi viene naturale pensare che , se fosse stata la madre biologica, avrebbe agito diversamente , che invece di quel discorso assurdo che sembra una guistificazione, avrebbe mostrato un dolore infinito .
Quella chiosa che riguarda il ricongiungimento con la madre, mi sembra un'ulteriore modo per trovare una ragione per ciò che ha fatto.
Accetto, come sempre ogni tipo di commento.

Un fatto che non posso ignorare



 “Voglio immaginare che lassù ad accoglierti ci sia la tua prima mamma e come in una staffetta vi passiate il testimone affinché il tuo cuore possa essere colmato in un abbraccio che ti riempia per sempre il cuore. Fai buon viaggio piccolo mio” ha aggiunto la donna che insieme all’ex marito lo aveva adottato in Colombia quando aveva un anno. Ai funerali hanno partecipato oltre 2mila persone. Tantissimi i ragazzi a cui la donna ha rivolto un appello.

Sì, lo so che è  molto difficile affrontare un argomento tanto tragico e affrontarlo con oggettività.
Quindi mi limito ad affrontarlo soggettivamente, deprecandolo nella maniera più assoluta.
Perchè, invece di rivolgersi alla finanza, non ha cercato un sostegno psicologico per quel ragazzo che aveva adottato con l'intento, penso, di crescerlo ed aiutarlo nelle varie fasi della crescita.
Mi viene naturale pensare che , se fosse stata la madre biologica, avrebbe agito diversamente , che invece di quel discorso assurdo che sembra una guistificazione, avrebbe mostrato un dolore infinito .
Quella chiosa che riguarda il ricongiungimento con la madre, mi sembra un'ulteriore modo per trovare una ragione per ciò che ha fatto.
Accetto, come sempre ogni tipo di commento.

Un bacio proibito



http://d.repubblica.it/beauty/2015/07/04/foto/giornata_mondiale_bacio_star_del_cinema-2678513/1/

In occasione della giornata del bacio, il 7 di aprile, Repubblca pubblicò le immagini di 56 baci famosi tra attori. Ieri li ha riproposti in occasione di san Valentino
Tra i Il baci "protagonisti" in molti film mostrati da Repubblica, io voto >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>
Ma, a mio parere,  manca un bacio che mi "adrelinò" guardando il noto film " Notorius l'amante perduta", per la tensione causata da quella scena che miscelava, sulle labbra dei protagonisti, amore e pericolo estremo.
Breve riassunto per chi non avesse visto questo capolavoro di Hitchcock

Elena, figlia di un nazista condannato e poi suicida in carcere,ad un party, conosce un  uomo avvenente ,Devlin, che poi, rivelandole di essere    l'agente segreto T.R. le dice ch e l'ha contattata per conto del governo americano, per chiederle di partecipare a una missione in Brasile, volta a smascherare un complotto filonazista. Elena, innamorata e desiderosa di riscattare la sua famiglia, decide di accettare e parte con lui per Rio de Janeiro
 A Rio le viene assegnato il compito di carpire informazioni al presunto capo dell'organizzazione nemica, un suo antico corteggiatore respinto, Alessio  amico di suo padre. Ben presto, si trova in una posizione difficile perché Alessio, innamorato ancora di lei e finalmente convinto di poter essere ricambiato, le propone di sposarlo
Devlin non si oppone al parere favorevole espresso dai suoi superiori sull'opportunità del matrimonio, ma soffre profondamente della situazione, reagendo in maniera amareggiata nei confronti di Elena che, a sua volta amareggiata e delusa a causa della freddezza dell'uomo che ama, si sacrifica per la missione e sposa Alessio. Tramite Devlin mantiene un contatto periodico con i servizi segreti americani per informarli sugli incontri che i nazisti tengono periodicamente in casa di Sebastian e sui loro movimenti.
Quando arriva alla certezza che la cantina nasconde un segreto, organizza un ricevimento per consentire a Devlin di indagare nella villa di persona. L'agente scopre che la cantina è il luogo in cui è nascosto il minerale di uranio in bottiglie di vino. Sebastian, esaurite le scorte di champagne, sorprende la moglie e Devlin nei pressi della cantina. Per deviare i sospetti, Devlin bacia appassionatamente Elena, fingendo di esserne l'amante. Ma, nonostante questa manovra diversiva, Alessio fiuta l'inganno......

Chi si accontenta gode? Dubito.



Azuma Hikari, la moglie giapponese è un ologramma


IL VIDEO di promozione inquieta non poco. Un ologramma dalle sembianze di una waifu, cioè una devotissima moglie in versione anime o manga, gestisce dal suo scrigno virtuale la giornata di un giovane, solitario e non particolarmente caloroso impiegato. Lo sveglia, gli ricorda di mettere in borsa l'ombrello perché pioverà, prepara la casa per il suo rientro orchestrando i dispositivi domotici, dalle luci al riscaldamento. E soprattutto lo bombarda di messaggini, manifestandogli di continuo la sua mancanza. Si chiama Azuma Hikari, ha la voce dell'attrice giapponese Yuka Hiyamizu, ed è appunto una sorta di versione plastica per quanto impalpabile delle assistenti virtuali alla Siri, Cortana o Alexa. Ma soprattutto è empatica

Difficile immaginare qualcosa di altrettanto triste, pur tenendo conto delle  differenze abissali che interrcorrono tra gli orientali e occidentali. Qualsiasi  essere pensante, di qualsiasi  razza sia, con  alle spalle qualsiasi storia e cultura, non potrebbe essere  appagato da una vita simile.

  













Che PRETESE!


Ribelliamoci come Mia!

QUELL'IMPICCIONE DELL' ARHGAP11B

Eccolo lì l'ARHGAP11B
Ecco il gene che rende “unico” il cervello umano
Si chiama
ARHGAP11B ed è il gene che fa aumentare il numero di cellule della corteccia cerebrale, requisito fondamentale per l’intelligenza.
A scoprirlo è stato il gruppo di ricerca tedesco guidato dall’italiana Marta Florio, dell’Istituto Max Planck di Dresda, i cui risultati sono stati pubblicati su Science.
«È uno dei geni che servono alla formazione del cervello umano, uno di quelli che fa la differenza tra noi e gli scimpanzé», ha detto all’Ansa Florio.
Un gene quindi fondamentale, che già nel 2010 era stato riconosciuto come una delle sequenze genetiche esistenti solo nell'uomo, sia Sapiens che Neanderthal e e Denisovano, nata per 'errore' solo dopo la divisione evolutiva dagli altri primati.

Come non pensare ai BONOBO?
http://www.lescienze.it/news/2015/02/27/news/unico_gene_espansione_neocorteccia-2503077/
Il bonobo è una scimmia molto aggraziata; quasi sconosciuta fino agli anni 70, salita agli onori della cronaca quando una spedizione si recò in Congo per studiarla nel suo habitat naturale.
I bonobi, pacifici e intelligenti incarnano la rappresentazione più felice e lussuriosa dell’essere scimmie, perché preferiscono sostituire il sesso all’aggressione.
Le comunità dei bonobo sono composte da maschi, femmine e cuccioli, e seguono un modello matriarcale favorito dalla tendenza delle femmine ad associarsi fra di loro.
Il sesso diviene parte integrante di tutte le relazioni sociali
I primati hanno solitamente un comportamento molto aggressivo,  MA NON I BONOBO
Per i bonobo, il sesso è la chiave dell’intera vita sociale, 
I bonobo fanno sesso per evitare conflitti, per ingraziarsi gli altri membri, per consolarsi, per far pace dopo un litigio, per rilassarsi dopo un’impresa faticosa. .
Se una scatola di cartone viene gettata in un recinto, nella maggior parte delle specie si creano liti rumorose, i bonobi hanno invece un rapido contatto sessuale, e sciolta la tensione, incominciano a giocarci insieme con molta tolleranza.
Tutto questo potrebbe dare l’impressione di una specie patologicamente iper sessuata, ma gli studi hanno dimostrato che la loro attività sessuale è piuttosto casuale e rilassata.
Tra i bonobo, nessun maschio è sicuro di quali siano i propri figli, nessun maschio, quindi, aggredisce o molesta i piccoli. Maschi e femmine si dividono in piccoli gruppi per andare in cerca di cibo durante il giorno, poi si riuniscono per passare la notte tutti insieme, su rifugi costruiti sugli alberi, in una grande comunità che può contare anche più di cento individui.
Le femmine stabiliscono forti legami di alleanza e collaborazione tra loro, ma questo non sfocia mai nella contrapposizione tra i due sessi.
Non sono mai stati osservati scontri seri tra gruppi di bonobo in libertà al contrario, sono stati documentati episodi di mescolamento pacifico, che includono sesso e contatti fisici reciproci, tra membri di comunità diverse.
  Adorano giocare a mosca cieca. Uno si copre gli occhi con foglie di banano, o con un braccio, scontrandosi con gli altri e non può guardare fino a che non perde completamente l’equilibrio.
Si esprimono per mezzo di espressioni facciali e di gesti delle mani, molti dei quali sono presenti anche nella comunicazione non verbale degli umani.
Per esempio, un bonobo chiederà del cibo a chi lo possiede stendendo la mano aperta (qualche volta il piede!), e facendo il broncio ed emettendo suoni piagnucolosi se la richiesta è ignorata.
Il bonobo condivide con noi più del 98 per cento del patrimonio genetico

L’unica minaccia che incombe su questa specie siamo proprio noi, bracconaggio e deforestazione selvaggia minacciano drammaticamente l’habitat dei bonobo, ridotti ormai a poche migliaia.

La domanda mi è sorta spontanea : se non si fosse intromesso tanto pesantemente  quel gene, l' ARHGAP11B, se la nostra corteccia cerebrale si fosse formata in minor misura, avremmo potuto evolverci in modo meno prepotente - dispotico - presuntuoso -  megalomane -  guerrafondaio - conquistatore - 
invasore - ?