Trump definisce i Paesi africani e Haiti "shithole countries", Paesi di m...


shit-hole
letteralmente
 slang, volg
 
buco di culo, lo sottolinea anche Vittorio Zucconi in questo articolo  che spiega la vera essenza di Trump


In una piazza di Savannah, la storica e bella città della Georgia sull'Atlantico, si erge, da dieci anni, un monumento del quale il Presidente Donald Trump non deve avere mai sentito parlare che commemora il contributo e il sacrifico dei Chasseurs-Volontaires de Saint-Domingue, i fucilieri volontari che nel 1779 parteciparono alla Rivoluzione Americana combattendo al fianco dei ribelli di George Washington contro le truppe coloniali inglesi.

Erano neri di pelle, africani di origine o di nascita, soggetti di una terra che allora era colonia francese e provenivano da quella nazione che oggi il leader degli Stati Uniti d'America ha definito uno "shit hole", un'espressione che l'Agenzia Ansa ha tradotto eufemisticamente in "cesso" ma che all'orecchio di qualsiasi americano suona molto, molto più volgare. Uno "shit hole" è un "buco del culo". Nella più benevola delle traduzioni, un "merdaio".


Trump si sta rivelando il peggior amico che gli americani possano avere. Una minaccia diretta a ciò che il mondo ha sempre creduto fossero gli Usa, rischiando la vita pur di raggiungerli.

Quest'uomo che trabocca di odio per tutti coloro che non sono come lui, che sta ogni giorni ferendo l'immagine, il prestigio, l'onore di quella nazione che proclama di amare.

Una parte dell'America ha firmato un patto con il diavolo quando lo ha eletto grazie alla bizzarria del sistema elettorale presidenziale. 
http://www.repubblica.it/esteri/2018/01/12/news/il_patto_col_diavolo-186320943/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P4-S2.4-L

9 commenti:

  1. Cara Cristiana credo che non ci sia nulla da dire, solo che non è normale.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Senza mezzi termini: quella parte di americani guerrafondai, corruttori corrotti, boriosi ed autenticamente shit hole di questo pianeta che ritengono di essere i migliori solo perché quando cantano il loro inno tengono la mano là dove sta il portafoglie che con una legge che solo loro potevano creare che scandisce le differenze tra stato e stato razzisticamente ha portato al potere questa shit di quasi uomo che farà in modo che il mondo intero abbia schifo della sua nazione.
    Ed è quello che questi pezzi di merda merita.

    RispondiElimina
  3. Dai che nel 2020 arriva Ophra e ne rivedremo ancora e ancora, stavolta con più show :D

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Se non fosse per i casini che può fare in politica estera, direi che se lo sono votato e se lo tengono, ma in realtà sarebbe anche ingiusto verso chi invece Trump non l'ha votato. Quindi diciamo che dobbiamo solo incrociare le dita sperando che combini meno str…..te possibili

    RispondiElimina
  5. Buon senso vorrebbe che non venisse rieletto ma... gli Americani hanno buon senso vista la cappellata che hanno fatto eleggendo questo personaggio? E noi Italiani? Spero che non si giunga alla rielezione dell'ottuagenario nostrano.

    RispondiElimina
  6. Cara Cristiana, credo che un presidente così l'America dovrà dimenticarlo e sicuramente non farà il secondo mandato! Anzi è da sperare che lo mandino via prima.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  7. Indubbiamente Trump è un castigo di Dio, ma si sa: Dio di castighi su questa terra ne invia a piene mani. Tuttavia noi Italiani siamo gli ultimi a poter criticare gli Americani che hanno votato Trump, visto che abbiamo votato e ci siamo tenuti per 20 anni qualcuno di molto simile all'americano e pare che il pericolo si ripresenti, nel qual caso dovremmo mettere la lingua in quel posto e tacere per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Guy , ma questo è una vergogna altrui e noi abbiamo il dovere, qualora si ripetesse un disastro del genere, abbiamo il dovere di continuare a denigrarlo.
      Cri

      Elimina